[email protected]

Progetto di riqualificazione, valorizzazione, fruizione e gestione dell’ex Convento dei Cappuccini come spazio culturale _ Ruvo di Puglia (BA) Ruvo di Puglia / Italy / 2016

3
3 Love 676 Visits Published

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DI DIECI AREE URBANE PERIFERICHE


FIRST PRIZE > AREA RUVO DI PUGLIA


 


CONTESTO


Un edificio storico, abbandonato e in stato di forte degrado, un tessuto urbano di quartiere da riqualificare, un contesto storico ricco di architetture ed emergenze culturali, un articolato sistema di tradizioni e cultura, una realtà agricola e imprenditoriale.


 


CONCEPT


Il recupero e la destinazione culturale dell’ex Convento dei Cappuccini di Ruvo rappresentano un’opportunità concreta per applicare nuove modalità di intervento risanativo, di fruizione, di interazione, di gestione, nel tema sempre più ampio e attuale di rigenerazione urbana, architettonica e culturale del nostro paese.


 


Oggi l’esigenza più diffusa legata alla cultura è disporre di un luogo di condivisione che veda le persone non più come fruitori ma come soggetti attivi del processo. Così proponiamo un luogo, tecnologicamente avanzato e flessibile che possa non solo esporre cultura ma accogliere processi culturali tramite la disponibilità di spazi e attrezzature.


 


Il centro culturale non autogenera in modo esclusivo contenuti, il cui costo di ideazione, realizzazione e gestione vincolano spesso qualità e quantità, ma accoglie risorse esterne, rendendo disponibili i propri spazi, gratuitamente o onerosamente, a generatori di cultura: start up, artisti, docenti, associazioni, società civile, enti e imprenditoria, per creare nuove forme di fruizione, di partecipazione e al contempo un forte radicamento territoriale.


 


_capacità attrattiva


Non più lo spazio che “esporta”, ma che si fa involucro di attività “importate” dalla comunità.


Luogo di incontro degli interessi tra diversi attori, che possono scambiarsi usanze, passioni, idee, generando nuove relazioni e cultura che tornano poi verso l’esterno per valorizzare l’intera comunità e il suo territorio.


 


_capacità generativa


Spazi attrezzati e flessibili e una piattaforma digitale semplice e immediata rendono possibile un nuovo modo di fare e fruire cultura.


Gli spazi possono essere prenotati on line direttamente dagli utenti per organizzare incontri, eventi, spettacoli.


Si genera in modo continuo il calendario della programmazione, la comunicazione e la diffusione dei contenuti.


RESTAURO ARCHITETTONICO


L’intervento è finalizzato al consolidamento statico, al recupero delle facciate sulla piazza con la tecnica “cuci- scuci” dove necessario, al ripristino degli elementi strutturali e architettonici, alla conservazione della tipologia distributiva, oltre all’adeguamento al rispetto di normative e leggi relative alla sicurezza e accessibilità, nonché a esigenze espositive e museali, con l’adozione di soluzioni non invasive e reversibili.


 


Gli interventi ex-novo sono l’inserimento degli elementi attualmente mancanti: accessi, collegamenti verticali interni, serramenti, con interventi leggeri ma segnaletici.


 


Segni più riconoscibili, il corridoio “estruso” e la pedana di ingresso che entrano in relazione anche con gli spazi che circondano l’isolato e catturano l’attenzione di chi passa.


 


IMPIANTI E ATTREZZATURE


Gli impianti non sono integrati alle strutture ma da un unico locale tecnico vengono distribuiti a tutti i piani tramite pavimentazioni galleggianti.


 


Illuminazione e pannellature espositive e di servizio vengono agganciate alla pedana, limitando al minimo gli interventi a parete e soffitto, offrendo una grande versatilità a diverse configurazioni.


 


GESTIONE


La gestione del complesso sarà ridotta al minimo, utilizzando telecamere a circuito chiuso che “controllano” ma “liberano” lo spazio, che diventa così aperto al quartiere e alla città.


 


Un sistema domotico consente il controllo anche da remoto di tutti gli impianti.


 


Il personale sarà solo di assistenza e supervisione alle attività operative, mentre gestione, coordinamento e programmazione degli spazi e dei contenuti, grazie alla piattaforma digitale attiva su tutti i dispositivi mobili, potranno essere gestiti in altre sedi con il contributo attivo della comunità.


 


_team


Cristiana Vannini con Francesco Naimoli


Federica Annamaria Ferrari / Alessandra Spaltini / Gaetano Auricchio/ Mirna Yahfoufi

3 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DI DIECI AREE URBANE PERIFERICHE FIRST PRIZE > AREA RUVO DI PUGLIA   CONTESTO Un edificio storico, abbandonato e in stato di forte degrado, un tessuto urbano di quartiere da riqualificare, un contesto storico ricco di architetture ed emergenze culturali, un articolato sistema di tradizioni e cultura, una realtà agricola e imprenditoriale.   CONCEPT Il recupero e la destinazione culturale dell’ex Convento dei Cappuccini di...

    Project details
    • Year 2016
    • Client Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane e Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori
    • Status Competition works
    • Type multi-purpose civic centres / Multi-purpose Cultural Centres
    Archilovers On Instagram
    Lovers 3 users