Restauro architettonico di edificio di culto

Chiesa di Santa Maria Infraportas Foligno / Italy / 2010

27
27 Love 944 Visits Published

L’intervento di restauro architettonico eseguito sul complesso parrocchiale, finanziato a seguito degli eventi sismici del 1997, non si è limitato alla sola riparazione del danno e conseguente miglioramento sismico delle strutture esistenti, ma ha puntato a una riqualificazione dell’intero assetto del complesso, tentando di coniugare le nuove esigenze liturgiche con quelle della conservazione, nel pieno rispetto di tutte le epoche storiche, straordinariamente stratificate sulla struttura. L’analisi storico-archivistica e un rilievo critico del manufatto hanno preceduto le prime ipotesi progettuali, mirate al recupero della spazialità settecentesca della chiesa, consentendo al contempo la lettura delle precedenti fasi costruttive. Conseguentemente all’intervento, l’assemblea ha ritrovato antichi spazi perduti, che sono stati valorizzati dall’arretramento dell’altare preesistente e dalla progettazione del nuovo spazio presbiteriale, disegnato con un linguaggio architettonico sobrio ed essenziale, inequivocabilmente contemporaneo. Il nuovo assetto ha consentito l’ingresso di luce naturale, connotando adeguatamente il nuovo altare ed il nuovo spazio presbiteriale. Tali trasformazioni hanno comportato il riposizionamento del tabernacolo eucaristico, nonché la realizzazione di un nuovo diaframma (in corrispondenza del transetto destro) finalizzato a “segnare” l’antico limite della chiesa e al tempo stesso funzionale all’individuazione di uno spazio penitenziale, che coincide con un’antica cappella esterna su Via di Santa Maria Infraportas.


     In sostanza, se esternamente le strutture sono state interessate quasi esclusivamente da interventi di restauro e consolidamento - consistenti nella riparazione dei manti di copertura, nel trattamento di stuccatura delle facciate e di rifacimento degli intonaci - internamente la chiesa è stata liberata da interventi relativamente recenti privi di una visione unitaria e organica, e presenta un aspetto rinnovato per via dell’esecuzione della nuova pavimentazione in pietra, in sostituzione di quella preesistente risalente al 1957. Gli scavi archeologici non hanno fornito elementi certi per modificare la quota della pavimentazione preesistente né per riproporne il materiale originario; pertanto, la scelta progettuale definitiva ha previsto l’impiego di una pietra locale di formato rettangolare, levigata ma non lucidata, che non consente equivoci sulla datazione, risultando attuale quanto a caratteristiche estetiche, senza originare contrasti con le antiche strutture in elevazione. Lo schema di montaggio segnala con cambiamenti di orditura dei corsi le fasi costruttive principali del complesso architettonico.

27 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    L’intervento di restauro architettonico eseguito sul complesso parrocchiale, finanziato a seguito degli eventi sismici del 1997, non si è limitato alla sola riparazione del danno e conseguente miglioramento sismico delle strutture esistenti, ma ha puntato a una riqualificazione dell’intero assetto del complesso, tentando di coniugare le nuove esigenze liturgiche con quelle della conservazione, nel pieno rispetto di tutte le epoche storiche, straordinariamente stratificate...

    Project details
    • Year 2010
    • Work started in 2007
    • Work finished in 2010
    • Main structure Masonry
    • Client Diocesi di Foligno
    • Contractor Pelucca Samuele s.r.l. (cat. OG2) , Il Restauro di Fiacchi P. (cat. OS2)
    • Status Completed works
    • Type Churches / Monuments / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Restoration of Works of Art / Restoration of façades / Structural Consolidation
    Archilovers On Instagram
    Lovers 27 users