Concorso di idee per l'arredo urbano del percorso storico di collegamento tra "Ate" e "Tixa"

Atessa / Italy / 2015

3
3 Love 927 Visits Published

Obiettivo del concorso, promosso dal comune di Atessa, è quello di elaborare idee ed ipotesi progettuali per la riqualificazione del percorso storico di collegamento tra “ATE” e “TIXA”. Le linee fondative del progetto scaturiscono da un’attenta lettura dell’excursus storico dei luoghi. La nostra proposta progettuale prende avvio, infatti, da un’attenta analisi della conurbazione dei due opposti insediamenti di probabile origine longobarda, Ate e Tixa, della viabilità esistente e dei percorsi pedonali e delle emergenze architettoniche e paesaggistiche. Avendo individuato in Piazza Benedetti lo spazio urbano di ingresso al centro cittadino, nonché nodo di saldatura fra Ate e Tixa, e nelle vie Vittorio Emanuele e Menotti De Francesco i due assi principali di uscita dal centro storico, e conseguentemente in Piazza Garibaldi e Piazza Santa Croce le due piazze di confine estremo dello stesso, si è pensato di creare un sistema di tre piazze, trattandole, dal punto di vista dell’arredo urbano, in modo unitario, e connettendole una all’altra attraverso un itinerario turistico, che si ramifica anche per scale e vicoli, raggiungendo tutte le emergenze storico-artistiche di Atessa. Tutti gli arredi di progetto, che si accostano in modo neutro alla variazione cromatica degli edifici, sono stati pensati in modo tale che non arrechino alcun ostacolo all’uso molteplice delle tre piazze (Santa Croce, Benedetti e Garibaldi). Nel dettaglio la proposta progettuale, sottolineando geometrie già presenti e tracciando nuove relazioni, ha come obiettivo: RIQUALIFICAZIONE E ARREDO DI PIAZZA BENEDETTI. Attualmente piazza Benedetti, pur essendo l’ingresso carrabile principale del paese, appare dequalificata. Il progetto tende a riqualificare il transito pedonale, dividendolo dal carrabile, con elementi mobili che permettano l’uso differenziato dell’area. Ovviamente si è pensato di non alterare l’intelligente disegno della pavimentazione in lastre di porfido del Trentino né lo stemma della città, inserito a centro piazza, in lastre di pietra naturale del tipo Apricena. Si è pensato, piuttosto, di esaltare lo stemma, dandogli in un certo senso, una terza dimensione, con la realizzazione di un totem in metacrilato trasparente, tanto da non occultarlo. Su questo totem, rifacendosi alla tradizionale segnaletica verticale presente in quasi tutti i centri storici, saranno segnalate le due direzioni principali (a destra Tixa, a sinistra Ate). Sul retro del totem sarà possibile avere cognizione dell’intero itinerario turistico sia attraverso un monitor, sia attraverso la lettura di un QRcode, sia per mezzo di una semplice mappa, per i meno avvezzi ai mezzi informatici. Alcuni dissuasori amovibili con chiavetta divideranno la zona carrabile dalla zona pedonale. In uno dei triangoli individuati dalla pavimentazione esistente saranno posizionate delle fioriere-panchine componibili, in lamiera presso-piegata in acciaio pre-verniciato bianco, facilmente spostabili in occasione di manifestazioni o durante il mercato settimanale rionale. RIQUALIFICAZIONE E ARREDO DI PIAZZA GARIBALDI. Recentemente la piazza Garibaldi ha cambiato aspetto liberandosi delle auto in sosta, mantenendo comunque un tratto carrabile, proponendosi con forza come il maggior polo aggregativo della città. Da sempre luogo del commercio, per via del mercato settimanale e delle attività commerciali a nord della piazza, e adesso anche per via del nuovo centro polifunzionale, nonché luogo di manifestazioni ed eventi e snodo del traffico veicolare in uscita dalla città, la piazza, proprio per le sue molteplici funzioni, necessita un riordino. L’idea progettuale si è mossa da alcune esigenze: incrementare il verde pubblico; fornire la piazza di un’area coperta per favorire la convivialità; dotarla di un’area giochi per i bambini; incrementare il commercio nell’area meridionale della piazza, oggi assente. Tutto ciò in modo utile, gradevole ed economico nei suoi molteplici aspetti cangianti settimanalmente. L’ampiezza della piazza e la sua pavimentazione a scacchiera ha reso necessario un segno forte che ne rompesse la monotonia e si ponesse come traccia, ma che nello stesso tempo non intralciasse l’utilizzo totale della piazza per eventi e manifestazioni. Pertanto si è pensato a una pensilina che dividesse e contemporaneamente facesse da filtro, da quinta spaziale, tra l’area carrabile (settimanalmente mercato) e l’area da destinare alla convivialità. Questo elemento, distintivo e caratteristico del progetto, utilizza volutamente una grammatica costituita da linee oblique che dissolvono ogni riferimento alla griglia cartesiana. La pensilina ha struttura in legno e acciaio pre-verniciato bianco ed è coperta da un green roof. Elementi accessori sono due box commerciali estendibili in lamiera e metacrilato e alcune panchine in lamiera presso-piegata in acciaio pre-verniciato bianco, entrambi facilmente spostabili, i primi con semplici rotelle, le seconde smontandole per ricollocarle altrove o impilarle una sull’altra. La pensilina è disegnata in modo da non ostruire né le attività del mercato settimanale né lo svolgersi di manifestazioni, perché, con i suoi 4 metri di altezza non ostruisce la visuale del palco che potrebbe essere posto di fronte al nuovo Centro Polifunzionale o indifferentemente sul lato opposto. Rispetto allo stato di fatto sono stati riordinati gli stalli del mercato e ne sono stati delocalizzati 6, in modo da dare più respiro all’area oggetto dell’intervento. Ciononostante le panchine mobili e impilabili permettono il riposizionamento dei sei stalli suddetti in occasione, ad esempio, di eventi estivi o nel caso si voglia incrementare il mercato rionale. In Piazza troverà sede un altro totem in acciaio pre-verniciato, più piccolo rispetto a quello di Piazza Benedetti, che darà l’arrivederci a chi esce da Atessa e fungerà anch’esso da punto informativo telematico e con QRcode. Sempre in piazza, sotto la pensilina, la scritta ATE in caratteri cubitali in vetroresina, fungerà da divertimento per i bambini. Anche queste lettere cubitali, così come i due box, sono amovibili in caso di eventi di straordinaria importanza. Tutti questi interventi nella parte meridionale, che più si prestava anche per la morfologia del sottosuolo, serviranno certamente da volano anche per altre iniziative commerciali in questa parte di piazza, oggi sfornita. • RIQUALIFICAZIONE E ARREDO DI PIAZZA SANTA CROCE. Nel rispetto del progetto di arredo e nuova pavimentazione in fase di realizzazione, dei parcheggi attualmente esistenti in zona, dei passi carrabili e della via di uscita carrabile dal paese, si è pensato a un intervento minimale che comunque valorizzi questa piazza, individuata come polarità di TIXA. Per tale motivo sono stati posizionati i posti auto a spina di pesce, parallelamente al nuovo disegno della pavimentazione, e sono stati posizionate le lettere cubitali amovibili per i giochi dei bambini nella zona pedonale antistante la chiesta, il totem, identico a quello di Piazza Garibaldi e le panchine aiuole componibili mobili in lamiera presso-piegata in acciaio pre-verniciato bianco, identiche a quelle di Piazza Benedetti. Anche Piazza Santa Croce, in tal modo, può essere utilizzata per lo svolgimento di piccoli eventi pubblici. REALIZZAZIONE DI UN ITINERARIO TURISTICO. L’itinerario inizia da Piazza Benedetti e si sviluppa lungo Via Vittorio Emanuele, Via Roma, Via Menotti De Francesco, e lungo alcune vie pedonali, comprese le scalinate, ed è semplicemente segnalato a terra con quadrati colorati, in termoplastico preformato ad alta resistenza, applicati sulla pavimentazione. In corrispondenza dei punti di interesse turistico individuati (archi, chiese, teatro, municipio, fortificazioni militari), ci sarà un quadrato più grande e una colonnina su cui si troveranno le informazioni relative all’emergenza architettonica e un QRcode su cui puntare il proprio smartphone per visionarvi un piccolo documentario. La suddetta segnaletica orizzontale, dove la strada è anche carrabile, avverrà sulla destra rispetto al senso di marcia. RACCOLTA PUBBLICA DIFFERENZIATA. In corrispondenza dei quadrati turistici segnalati a terra, vicino alle colonnine dotate di QRcode, saranno posizionati dei punti di raccolta differenziata. MIGLIORAMENTO DEL CONFORT CITTADINO E DELLA QUALITA’ AMBIENTALE. Le aree verdi saranno incrementate sia con il green-roof di Piazza Garibaldi, sia con le fioriere componibili di Piazza Benedetti e Piazza Santa Croce. CREAZIONE DI SPAZI PER I BAMBINI. Gli spazi per il gioco dei bambini saranno incrementati con le scritte a caratteri cubitali, in vetroresina, di Ate e Tixa nelle piazze Garibaldi e Santa Croce. Su di esse i bambini potranno arrampicarsi, controllati da genitori o nonni seduti sulle vicine panchine. Le suddette lettere sono facilmente amovibili e spostabili in caso di necessità di maggior spazio durante gli eventi pubblici. Il progetto ha come esito finale uno spazio flessibile da vivere e fruire, sia nella sua interezza sia nelle sue parti, tanto nella quotidianità quanto durante manifestazioni di carattere temporaneo, facilmente attrezzabile a seconda delle necessità grazie al disegno dei pochi arredi fissi e grazie all’utilizzo di elementi di arredo che, spostati, continuano ad avere la loro funzionalità e non necessitano di aree di stoccaggio.

3 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Obiettivo del concorso, promosso dal comune di Atessa, è quello di elaborare idee ed ipotesi progettuali per la riqualificazione del percorso storico di collegamento tra “ATE” e “TIXA”. Le linee fondative del progetto scaturiscono da un’attenta lettura dell’excursus storico dei luoghi. La nostra proposta progettuale prende avvio, infatti, da un’attenta analisi della conurbazione dei due opposti insediamenti di probabile origine longobarda, Ate e...

    Project details
    • Year 2015
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Urban Furniture
    Archilovers On Instagram
    Lovers 3 users