La Casa Studio

Rome / Italy / 2014

50
50 Love 5,755 Visits Published

La CasaStudio nasce dall’esigenza di conciliare le mie esigenze lavorative con quelle della mia famiglia.
L’ubicazione della porta d’ingresso ad una estremità della casa sembrava rendere impossibile disimpegnare le due funzioni di abitazione e studio. Ma l’idea di realizzare due pareti mobili nascoste in una quinta che divide lo studio dal living , e due porte a vetro scorrevoli che chiudono la zona ingresso (che è anche zona collaboratori) hanno permesso di far convivere le due funzioni di casa e di studio garantendo la privacy di entrambe . Ma soprattutto non è stato necessario sacrificare una parte della casa alla funzione studio perché, riaprendo le pareti mobili e le porte scorrevoli , lo spazio diventa un open-space interamente fruibile, sia visivamente che funzionalmente.
Le linee guida della progettazione sono state quelle dettate dai padri dell’ architettura dei primi decenni del 900, secondo cui “la forma è funzione” e “less is more”.
Pressochè tutto il contenimento della casa è stato da me disegnato e realizzato dal falegname.
L’ordine in casa ci dà una sensazione di benessere perché ci fa percepire una sorta di ordine interiore. Quindi il mio modo di progettare il contenimento prevede una collocazione per tutto ciò che serve in casa secondo il concetto di odine montessoriano “un posto per ogni cosa, ogni cosa al suo posto”.
Ho disegnato per la zona notte ed i bagni un sistema di moduli “pensili” di 3 tipologie (antine, vuoti e a cassetti) e con 3 profondità diverse, che si compongono secondo uno schema a griglia “variabile”, e che permettono di sostituire e costituire tipologie di mobili diverse (comodini, comò, pareti attrezzate, cassettiere, mobiletti bagno, sgabelli contenitivi…), nonché di essere riconfigurati, anche altrove, e/o integrati nel tempo.
Le lampade sono di Flos, Artemide, Fontana Arte, Danese, e le sedute di Vitra,Varier, Sabaitalia, Bonacina, Zanotta.
Le porte e gli scrigni sono sistema filo muro Eclisse.
Le maniglie, prodotte da Olivari, sono le “Lama” di Gio Ponti, disegnate nel 1958.
Il parquet, prodotto da Fiemme 3000, rovere, è trattato ad olio.
I rivestimenti dei bagni sono Pico e Folded di Mutina; i sanitari di Flaminia; le rubinetteriesono le Isystick di Zucchetti.
I pavimenti dei due bagni più grandi sono stati realizzati in resina

50 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    La CasaStudio nasce dall’esigenza di conciliare le mie esigenze lavorative con quelle della mia famiglia.L’ubicazione della porta d’ingresso ad una estremità della casa sembrava rendere impossibile disimpegnare le due funzioni di abitazione e studio. Ma l’idea di realizzare due pareti mobili nascoste in una quinta che divide lo studio dal living , e due porte a vetro scorrevoli che chiudono la zona ingresso (che è anche zona collaboratori) hanno permesso di...

    Project details
    • Year 2014
    • Work finished in 2014
    • Status Completed works
    • Type Apartments / Offices/studios / Interior Design
    Archilovers On Instagram
    Lovers 50 users