Presìdi Locali per Popolazioni Nomadi

Atelier di Tesi - Architettura per la Cooperazione e lo Sviluppo Tanzania / 2016

6
6 Love 903 Visits Published

LIFE - Mod. Tanzania


Nasce dalla conformazione geometrica del guscio a spirale, sulla matrice di ricerca delle tecniche costruttive tribali tanzaniane.
L’apertura laterale è un vivido richiamo alle abitazioni Masai.
L’impronta è invece riconducibile, per la tematica richiesta, alla Yurta Mongola e più largamente ai caravanserraglio mediorientali.
La struttura si presenta come un insieme di componenti assemblabili, rimovibili e facilmente trasportabili, proprio per consentire l’intervento in loco anche senza la necessità di utilizzo di grandi macchine, particolari tecniche costruttive o di posa in opera.
Un plateau in legno, in Laywood, prestampato e preforato dal quale si alzano elementi dinamici, atti a stendere una tela in elastam a fungere da copertura, fissati, a loro volta, ad un albero centrale cavo, anch’esso prestampato, modellato per il ricircolo dell’aria all’interno della struttura.


Diventa, dunque, un elemento di ricovero, facilmente componibile dalle Organizzazioni Umanitarie o politiche presenti sul territorio.
Pensato e progettato con una seconda, ma non meno importante, funzionalità di raccolta e stoccaggio delle acque presenti nell’aria.
Trattenute attraverso una membrana esterna, in polietilene tessile, di conformazione elastica e fatte “scivolare”, su un secondo rivestimento in elastam, all’interno di caditoie, predisposte già in fase di stampa tridimensionale, sugli elementi componibili di pavimentazione (trattati, per immersione, con resina poliuretanica, per garantirne l’impermeabilità).
I fluidi raccolti andrebbero poi a confluire in una tank “comune” e ripescati tramite pompe a mano.

6 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    LIFE - Mod. Tanzania Nasce dalla conformazione geometrica del guscio a spirale, sulla matrice di ricerca delle tecniche costruttive tribali tanzaniane.L’apertura laterale è un vivido richiamo alle abitazioni Masai.L’impronta è invece riconducibile, per la tematica richiesta, alla Yurta Mongola e più largamente ai caravanserraglio mediorientali.La struttura si presenta come un insieme di componenti assemblabili, rimovibili e facilmente trasportabili, proprio...

    Project details
    • Year 2016
    • Work started in 2015
    • Work finished in 2016
    • Main structure Mixed structure
    • Client Università degli Studi "Mediterranea" di Reggio Calabria
    • Status Research/Thesis
    • Type Parks, Public Gardens / multi-purpose civic centres / Landscape/territorial planning / Multi-purpose Cultural Centres / Associations/Foundations / Modular/Prefabricated housing / Strategic Urban Plans / Metropolitan area planning / Product design / self-production design
    Archilovers On Instagram
    Lovers 6 users