Valentina Cubi Winery - Signorvino shop

Cellar and wine shop Veneto / Italy / 2007

5
5 Love 1,240 Visits Published

“(…) L’edificio sorge lungo la strada per la Valpolicella, all’interno della proprietà agricola che, coltivata a uliveti e vigneti, è immersa tra  boschi e frutteti, in un’area punteggiata da laboratori artigiani e da piccole serre. L’assetto della cantina, che asseconda l’orografia del terreno, è regolato da un impianto rettangolare stretto e lungo distribuito su tre livelli, – lo spazio della cantina vera e propria –; su un lato lungo è addossato un volume  curvilineo, destinato ai servizi e ai percorsi verticali. In questo piccolo, ma complesso manufatto, ai punta a un effetto di sottili contrappunti, che interpretano il senso profondo del paesaggio collinare, modellato da una millenaria azione dell’uomo. Così in primo luogo alla semplicità geometrica dell’impianto si contrappone  un alzato variamente declinato da sequenze di pareti tessute di materiali diversi ed eterogenei.


Questi setti murari enfatizzano con sobria eleganza la varietà cromatica e materica che si rivela sotto l’ondulata copertura di brillanti lamiere in zinco-titanio poggiata su travi di legno lamellare. Dal viale di accesso si snoda il percorso pedonale che, separato dalla rampa carrabile più esterna, costeggia la cantina e passa davanti all’alloggio del custode, la cui presenza è segnalata fin dal lontano nel profilo dell’edificio: infatti in quel punto la copertura compie uno scarto sbarazzino e impertinente.


L’ingresso dei visitatori è ritagliato tra la parete di contenimento del terreno, realizzata con gabbie metalliche riempite da pezzame di pietra di Vicenza, e un setto impercettibilmente curvato in pietra chiara, tessuto in maniera da creare tasselli lapidei diversamente sporgenti e geometricamente controllati.


L’espressività materica dei setti verticali, che delimitano il passaggio di accesso, trova un contrappunto orizzontale nella pavimentazione, rustica e sofisticata a un tempo, in cemento e porfido, che si estende a regolarizzare lo spiazzo antistante, conferendogli la grazia accogliente di un sagrato antico. All’interno, dove una passerella aerea introduce agli spazio di vendita, di produzione e agli uffici amministrativi, le pareti in vivo cemento e le travature metalliche sono lasciate a vista: la loro esibita funzionalità strutturale e la loro onestà costruttiva traducono in architettura, immediatamente leggibile, il messaggio della genuinità non artefatta della produzione vinicola che lì si lavora.


Al piano superiore la sala per la degustazione dei vini si spalanca, tramite una parete vetrata, sulla straordinaria vista del vigneto e delle colline circostanti, richiamando alla mente (e al palato) l’origine ‘naturale’, la radice terragna, del raffinato nettare che si degusta. Un montacarichi, ingentilito dal rivestimento in listelli di legno, e una rampa metallica dall’andamento irregolare, dalle maestranze di cantiere immediatamente denominata “la scala ubriaca”, raggiunge l’interrato dove si trovano l’ingresso carrabile per il carico e lo scarico, le grandi botti metalliche, che occupano uno spazio a doppia altezza, l’area visitatori, la “barricaia” e il vano per la conservazione delle bottiglie antiche di pregio, una sorta di archivio storico vinicolo.


Le pareti cementizie, esternamente intarsiate da lamine di zinco-titanio con inserti di multistrato okumè, un legno africano, sono visivamente staccate dall’ondulata copertura da un tagliente inserto vetrato, così che la copertura sembra galleggiare lieve e sinuosa contrapponendosi ai saldi volumi scatolari del corpo di fabbrica. La variegata ed eterogenea commistione di materiali e di colori è tenuta acrobaticamente in equilibrio, grazie alla perfetta disciplina dei volumi, alla meticolosa cura dei dettagli costruttivi e ai misuratissimi accordi cromatici e di superficie dei materiali, che si amalgamano nella luce, dialogando armoniosamente con il dolce paesaggio collinare.”


Marzia Marandola e Claudia Conforti


 


* Recentemente parte dell'edificio è stata destinata a wineshop da parte della catena SignorVino, apportando alcune modifiche minori agli elementi di recinzione esterna e all'allestimento interno.

5 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    “(…) L’edificio sorge lungo la strada per la Valpolicella, all’interno della proprietà agricola che, coltivata a uliveti e vigneti, è immersa tra  boschi e frutteti, in un’area punteggiata da laboratori artigiani e da piccole serre. L’assetto della cantina, che asseconda l’orografia del terreno, è regolato da un impianto rettangolare stretto e lungo distribuito su tre livelli, – lo spazio della cantina vera e propria...

    Project details
    • Year 2007
    • Work started in 2005
    • Work finished in 2007
    • Main structure Mixed structure
    • Client Azienda agricola Valentina Cubi
    • Contractor Mantovani - Verona
    • Status Completed works
    • Type Pubs/Wineries / Wineries and distilleries
    Archilovers On Instagram
    Lovers 5 users