CONCORSO DI IDEE PER LA MANUTENZIONE URBANA DELL’AREA DEL PIAZZALE ANTISTANTE LA STAZIONE FERROVIARIA E CORSO ITALIA, CUORE DI BORDIGHERA - 2015

Progetto presentato al concorso nel luglio 2015 Bordighera / Italy

0
0 Love 1,201 Visits Published

L'ipotesi progettuale per la manutenzione e la riqualificazione del centro cittadino di Bordighera - in conformità agli orientamenti ed agli obiettivi descritti nel bando del concorso di idee - propone, attraverso il ridisegno del percorso principale (Corso Italia, Via Roma) e della Piazza Eroi della Libertà, una soluzione finalizzata ad implementare la fruizione degli spazi aperti e le funzioni che si esplicano all'interno del sistema centrale urbano, richiamandosi al tempo stesso alla vocazione per il verde ed il paesaggio, storicamente riconducibile all'organizzazione territoriale dell'ottocentesco Giardino Moreno.
L'aspetto che connota fisicamente il disegno della proposta progettuale, intende strutturare un sistema urbano continuo (che allo stato attuale è invece percepito come insieme di parti funzionalmente ed esteticamente separate in diverse soluzioni di continuità), che si svolge tra due polarità - la Piazza Eroi della Libertà e la nuova Piazzetta Italia - unite da un nuovo percorso pedonale a guisa di "sentiero", ricavato all'interno del sedime dell'attuale asse di percorrenza.
"Sentiero Italia"
Il nuovo percorso pedonale - denominato "Sentiero Italia" si sviluppa tra le variazioni degli spazi ai margini dello stesso, per l'incremento di nuove porzioni di superficie da concedere in uso ed a favore delle esigenze commerciali e di servizio dei vari esercizi.
Dalla "porta sud", incorniciata da due imponenti palme Washingtonia che caratterizzano l'ingresso, si dirama il nuovo percorso pedonale ad andamento sinusoidale, la cui dimensione (largh. mt. 3,80), è stata determinata a garanzia della più agevole manovrabilità del limitatissimo traffico veicolare (a senso unico con direzione sud-nord), esclusivamente consentito ai passi carrai attualmente esistenti, oltre che al transito dei mezzi di soccorso.
Il "sentiero" pedonale, inoltre, offre quattro "oasi" circolari, quali punti di aggregazione per la seduta, l'incontro, dotate di fontanelle ed aiuole per l'esposizione e la rappresentazione (anche a rotazione) di essenze floreali e vegetazionali autoctone, secondo coloritura e stagione.
In coerenza ai nuovi equilibri ambientali che il luogo assumerebbe a seguito della realizzazione della presente proposta, l'uso degli spazi pubblici da concedere alle varie attività commerciali, dovrebbe conseguire l'attuazione di soluzioni di arredo, mirate a privilegiare elementi e strutture improntate alla più compatibile leggerezza formale.
In questo senso l'idea che si propone, non intende entrare in questa sede nel dettaglio di tali soluzioni, eventualmente da concordare in base alle esigenze di ciascun operatore e quindi da progettare secondo una linea estetica comune e coerente alle valenze del nuovo disegno.

Nuova "Piazzetta Italia"
L'altro ingresso al nuovo cuore di Bordighera, si colloca all'incrocio tra il tratto superiore di Corso Italia e Corso Europa.
Attraverso la "porta nord", incorniciata come la corrispondente a sud da due grandi palme Washingtonia, si accede alla nuova "Piazzetta Italia", spazio esclusivamente pedonale.
Nella piazzetta, oltre alle attività proprie dello spazio di aggregazione, la fruizione della stessa si presta ad accogliere manifestazioni ed eventi, le cui attività possono contare su l'ulteriore disponibilità di superficie costituita sia dall'arrivo del Sentiero Italia, sia della superficie sotto quota strada, destinata a gioco per i bambini, esistente all'angolo con Corso Europa. Quest'ultima porzione superficiale, ancorché esclusa dall'area oggetto del presente concorso, non potrà che essere coinvolta nel ridisegno del centro cittadino, in sede di progettazione esecutiva. Va considerato in ultimo che in prossimità della nuova piazzetta, esistono comunque altre aree limitrofe che possono costituire utili spazi di supporto.
"Via Roma"
Grazie al nuovo senso unico di percorrenza (direzione sud-nord) ed alle modifiche ipotizzate per il transito veicolare, così come descritte di seguito al punto dedicato alla nuova "Rotatoria", anche per Via Roma la proposta progettuale si uniforma al nuovo profilo funzionale ed ambientale del "Sentiero Italia".
Ugualmente per questo breve percorso, le superfici pedonali esistenti ai margini, oltre quelle da concedere alle attività commerciali (specie sul lato di levante), si ampliano e si arricchiscono di essenze vegetazionali (delle quali i disegni restituisco soltanto un esempio) per la schermatura del traffico veicolare del percorso centrale, verso i due sensi di percorrenza della Via Vittorio Emanuele e, per i soli aventi diritto, verso il "Sentiero Italia".
Rispetto alla situazione esistente, anche per Via Roma la proposta è finalizzata a dare continuità all'intero impianto urbano centrale, ponendosi al tempo stesso come cerniera a collegamento della piazza e da questa al mare, anche secondo quanto si farà cenno nell'ipotesi di esplorazione per la riduzione dell'effetto barriera che verrà descritta in seguito.
"Piazza Eroi della Libertà"
In considerazione degli orientamenti del bando del concorso - i quali richiedono, "una accessibilità per tutti e chiunque", una chiara "identificazione e riconoscibilità", un aspetto "attraente ed ospitale", un'area "non solo per il passaggio, ma anche per la sosta, per il ristoro ed il ritrovo", "versatile negli usi e nella fruizione e adatta ad ospitare piccole fiere e mercatini o spettacoli ed eventi di gioco" - l'organizzazione che si propone per l'area della Piazza Eroi della Libertà, si articola sostanzialmente in uno spazio suddiviso in tre superfici integrate, costituenti la rotatoria veicolare (con relativo controviale circolare per il servizio di taxi, carico e scarico, sosta polizia urbana), la nuova piazza ed il Palmeto della Libertà sul lato a levante.
L'ipotesi progettuale per la Piazza Eroi, prevede la pedonalizzazione esclusiva della parte centrale, delimitata da una cerchia di palme posizionate sul perimetro interno dell'ellisse, le quali, oltre a costituire (così come il palmeto a levante), un sipario a schermatura del poco gradevole edificato esistente ("data la presenza di edifici differenti per epoca, altezze, fattura e destinazione sugli altri tre lati"), separano la restante porzione della piazza dove è consentito anche il transito veicolare sul tracciato ellittico pedonale, seppur ristretto ai soli aventi diritto ai tre passi carrai esistenti, oltre che ai mezzi di soccorso, i quali potranno anche, se necessario, attraversare l'ellisse centrale.
Agli angoli della piazza si collocano quattro isole, dotate di sedute semicircolari, di fontanelle ed aiuole, le quali, come per le oasi del "Sentiero Italia", sono idonee ad esporre e rappresentare varietà floreali e vegetazionali del territorio ligure.
Al centro della piazza è previsto che venga collocata l'antica fontana, attualmente in posizione decentrata sul lato sud della stessa.
In generale il nuovo disegno della Piazza Eroi, configura un rinnovato spazio continuo e modulato, per cui, grazie alla prevalente pedonalizzazione dello stesso, è in grado di promuovere ulteriori versatili capacità ed attitudini, le quali aprono variegate possibilità, sia alla fruizione della piazza stessa, sia all'organizzazione di un vasto panorama di manifestazioni ed eventi, la cui partecipazione potrà anche estendersi all'intero organismo urbano centrale, in forza della nuova impronta di unitarietà e continuità, che si determina organicamente tra la nuova Piazzetta ed il Sentiero Italia, Via Roma e Piazza Eroi .
"Palmeto della Libertà"
La porzione di Piazza Eroi a levante, delimitata dagli accessi ai passi carrai esistenti e frontalmente dalla curva dell'ellisse, è stata pensata come un vero e proprio palmeto.
La scelta di tale collocazione, oltre a contribuire alla più consona schermatura dell'esistente edificato (totalmente fuori scala, avulso per qualità edilizia e per compatibilità paesaggistica e dall'ambiente marino), intende essere una irrinunciabile citazione (oltre che esempio di sintesi), in omaggio alla bellezza ed alla qualità ambientale del Giardino Moreno, ovvero alla prestigiosa organizzazione storica del territorio di Bordighera, la quale, nel periodo a cavallo tra otto-novecento, riusciva a condensare villeggiature e frequentazioni di alto profilo, che divenivano congeniali e quasi sinergiche rispetto alle economie di terra che in allora venivano praticate. Questa porzione di piazza è pertanto concepita come una esigua tessera di giardino e/o sottobosco, in cui sorgono palme di diversa qualità e dimensione, in parte oggetto di recupero e reimpianto (per quanto possibile) di ogni esemplare idoneo esistente in situ.
Nuova "Rotatoria"
L'introduzione di tale elemento, costituisce un aspetto significativo per la riformulazione della gestione dei servizi di taxi, carico e scarico e presidio di Polizia Urbana, che, grazie alla modifica introdotta al nuovo sistema di circolazione veicolare, sposta l'accesso all'area della stazione ferroviaria su Via Sant'Antonio, usufruendo, per la sola uscita, di Via Roma. Tale modifica è inoltre coerente con la direzione di percorrenza a senso unico già prevista per il "Sentiero Italia".
Altro aspetto interessante, conseguente alla modifica della circolazione, risiede nella possibilità di poter incrementare anche spazi pedonali e recuperare superfici in favore delle attività esistenti (Ristorante Monet e Centro Hotel) sul lato nord della restante parte di piazza non oggetto di concorso. In pratica grazie alla centralizzazione dell'asse proveniente da Via Sant'Antonio, oltre ad agevolare il percorso di accesso dei taxi, sarà possibile anche mantenere pressoché invariata la disponibilità dei posti auto attualmente esistenti sulla porzione di piazzale posta a ponente.

"Esplorazione modalità di riduzione effetto barriera linea ferroviaria"
Pur essendo "esclusa dal budget" del progetto, viene richiesta una esplorazione progettuale, la quale indichi possibili ipotesi finalizzate alla diminuzione dell'effetto barriera rappresentato dalla linea ferroviaria. In questo senso, è plausibile ipotizzare una revisione integrale dell'area su cui sorgono attualmente l'edicola, i servizi igienici pubblici unitamente alla residua porzione superficiale a contorno. Pertanto, l'idea che si propone (in questa sede esclusivamente in termini descrittivi causa la ristrettezza degli spazi concessa dalle tavole di rappresentazione delle parti oggetto di concorso) prevede una ri-progettazione integrale dell'edicola, dei bagni pubblichi e l'inserimento di un ascensore per il collegamento tra i livelli sottopassaggio, Piazza Eroi ed un Belvedere-Selfie, per godere di una particolare e suggestiva visione panoramica, sia sulla Piazza Eroi, sia sul mare e la passeggiata.
Inoltre, per eliminare lo spiacevole effetto di chiusura che si percepisce nel momento in cui si percorre il sottopassaggio per accedere alla passeggiata, la proposta valuta anche la possibilità di eseguire un prolungamento dello stesso, che consideri l'opportunità di raggiungere direttamente la spiaggia e, soprattutto, di vedere il mare sullo sfondo.

“Materiali da impiegare”
Per tutte le pavimentazioni, le aiuole e le sedute, si prevede di utilizzare elementi di cotto e lapidei.

“Essenze vegetazionali e piante”
Tutti gli esemplari esistenti nel sito saranno ricollocati.

“Accessibilità”
I piani pedonali e carrabili non presentano differenze di quote.

“Interramento delle diverse utenze impiantistiche”
L'indicazione del bando di concorso rispetto all'interramento delle diverse utenze impiantistiche, è ovviamente una soluzione da applicare, ma la cui definizione può realisticamente essere esplicitata in sede di progettazione esecutiva, nella quale si potrà certamente avere una mappatura dettagliata degli impianti esistenti.

0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    L'ipotesi progettuale per la manutenzione e la riqualificazione del centro cittadino di Bordighera - in conformità agli orientamenti ed agli obiettivi descritti nel bando del concorso di idee - propone, attraverso il ridisegno del percorso principale (Corso Italia, Via Roma) e della Piazza Eroi della Libertà, una soluzione finalizzata ad implementare la fruizione degli spazi aperti e le funzioni che si esplicano all'interno del sistema centrale urbano, richiamandosi al tempo stesso alla...

    Project details
    • Work started in 2015
    • Cost 700.000
    • Status Current works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Urban Furniture / Urban Renewal
    Archilovers On Instagram