Nuovo Belvedere grattacielo Pirelli

Milan / Italy / 2008

7
7 Love 14,926 Visits Published
PREMESSA

Il progetto di valorizzazione del 31° piano del grattacielo Pirelli, il Belvedere, rientra nel programma di Regione Lombardia per la valorizzazione del proprio patrimonio immobiliare denominato “Amate l’Architettura”.


1. ARCHITETTURA

1.1. Inquadramento storico e urbano
Con la Torre Velasca e la Torre Galfa, l’edificio Pirelli rappresenta la “via Italiana” alla tipologia del grattacielo negli anni ’50.
La progettazione dell’immobile risale ai primi anni ’50 ad opera dello studio Ponti Fornaroli Rosselli, dello studio Valtolina Dell’Orto, e degli ingegneri Nervi e Danusso.
L’inizio lavori avviene nel 1956 e l’inaugurazione è del 1960.


1.2. Stato di fatto
Il 31° piano del grattacielo Pirelli, belvedere pubblico nel progetto originario dei sopraccitati arch.ti Ponti, Fornaroli, Rosselli, con ing.ri Valtolina, Dell’Orto , si percepisce al suo interno come una grande navata che fluttua sulla città di Milano.
Concettualmente la proiezione a terra della torre “sottrae” spazio alla pubblica fruizione,che viene restituito alla città attraverso il belvedere.
La forma a “fuso” della torre è generata dal principio distributivo interno che nella sezione centrale, più ampia, contiene le comunicazioni verticali principali e che si assottiglia alle estremità col decrescere dei percorsi individuali.
Il continuum spaziale del 31° piano è interrotto dal volume dei locali tecnici.
Si individuano così tre ambiti spaziali: una zona centrale che affaccia su Piazza Duca d’Aosta e due aree laterali “pan-ottiche” sulla città. L’orientamento longitudinale del corpo di fabbrica secondo l’asse nord-est conferisce allo spazio vetrato del 31°piano la possibilità di essere “innondato” di luce naturale dall’alba al tramonto, conferendo una sensazione particolare di leggerezza. Un belvedere che “fluttua” sulla città, uno spazio ordinato e chiaro sopra il caos metropolitano.


1.3. Natura dell’intervento
Il programma progettuale prevede la possibilità che lo spazio sia utilizzato per funzioni diversificate, quali:
belvedere – urban center per visite guidate aperte al pubblico
spazio espositivo temporaneo
spazio conferenze o eventi musicali
spazio per colazioni ufficiali di Regione Lombardia
buvette – area break
sala riunioni istituzionali al mezzanino

1.4. Il 31° piano: idea progetto
Nell’intenzione originaria dei progettisti il Centro Pirelli doveva essere percepito dalla città come un’enorme “teatro del lavoro”.
La nuova proposta progettuale per il trentunesimo piano dell’attuale Palazzo della Regione intende invertire i ruoli trasformando la città in palcoscenico.

L’ingombrante volume tecnico viene rivestito da una “pelle fluida” che intende restituire continuità spaziale agli ambiti del 31° piano e valorizzare la naturale limpidezza della struttura architettonica.

Il nuovo involucro riveste tale volume trasformandolo in una sorta di “torre scenica” a servizio delle diverse rappresentazioni che possono avere luogo al piano e in apparato per il controllo dell’acustica di uno spazio di 4.500 mc circa. Nel rispetto filologico del progetto originario, il nuovo intervento è simmetrico rispetto all’impianto strutturale e coerente con l’assunto concettuale che “nel Centro Pirelli si sono ricercate forme vere, ed ogni cosa corrisponde sinceramente alla sua realtà tecnica, funzionale , costruttiva, sostanziale: l’architettura è la forma di una sostanza”.

Il POD – nuovo involucro in vetro – si potrà trasformare secondo le esigenze funzionali dei vari allestimenti, ricomponendosi, una volta chiuso, in un volume concluso.
La nuova sala riunioni costituisce il piano mezzanino dell’intervento ed è uno spazio esclusivo riservato alle alte cariche istituzionali.
Per permettere l’alloggiamento degli impianti tecnologici e di climatizzazione è stato progettato un pavimento galleggiante, che consente di conservare l’originario e di rendere flessibile la possibilità di allestimenti eterogenei.

Tutto ciò, compreso il progetto strutturale, permette di considerare questo intervento come “allestimento” temporaneo. Sarà quindi sempre possibile il ripristino dello stato originario del luogo in quanto mantenuto e preservato.

1.5. Scelte progettuali

L’obbiettivo di creare una percezione continua dello spazio unitamente alla ricerca di de-materializzazione ha portato alla creazione del “POD” in vetro bianco ( un bianco in profondità, in modo da lasciar percepire lo spessore trasparente del vetro) che avvolge il volume tecnico. La ricerca di leggerezza ha portato il POD ad esser totalmente separato dalla struttura statica esistente. Questa indipendenza , materica e formale, rende maggiormente percepibile il rigore dei portali strutturali, il loro disegno complesso ed elegante, la “massa muscolare” contrapposta ora alla fragilità della pelle vetrata.
Il resto è Ponti. Nella scelte delle pavimentazioni in ceramica, nella riproposizione delle texture grafiche, nella lealtà delle scelte progettuali.

1.6. Fattibilità dell’intervento
Considerando l’alto pregio architettonico del Centro Pirelli il presente progetto è stato discusso e condiviso anche dall’ing.Dell’Orto ( facente parte del gruppo originario di progettazione ) oltre ad esser stato sottoposto all’approvazione della Soprintendenza.

Progettazione Architettonica
De8 + 2 ARCHITETTI

Progetto architettonico
De8 architetti – Mauro Piantelli
2 architetti – Enrico Garbin

Coordinamento progettuale
INRASTRUTTURE LOMBARDE – Alessandra Diaferia

Direzione lavori
INRASTRUTTURE LOMBARDE – Silvia Piacentini
7 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    PREMESSA Il progetto di valorizzazione del 31° piano del grattacielo Pirelli, il Belvedere, rientra nel programma di Regione Lombardia per la valorizzazione del proprio patrimonio immobiliare denominato “Amate l’Architettura”. 1. ARCHITETTURA 1.1. Inquadramento storico e urbano Con la Torre Velasca e la Torre Galfa, l’edificio Pirelli rappresenta la “via Italiana” alla tipologia del grattacielo negli anni ’50. La progettazione dell’immobile risale ai primi anni ’50 ad opera dello...

    Project details
    • Year 2008
    • Work finished in 2008
    • Client INRASTRUTTURE LOMBARDE
    • Status Completed works
    • Type Office Buildings / Exhibition Design
    Archilovers On Instagram
    Lovers 7 users