The new headquarter of UNICEF in Italy at the Hospital of Innocents - Florence

Progetto di riqualificazione dell'ala dell'ex Maternità dell'Ospedale degli Innocenti Florence / Italy / 2016

2
2 Love 1,726 Visits Published

REPORT_ENG


The construction of the monumental complex of the Hospital of the Innocents, which was the first orphanage in Europe, is launched in 1419. The initial project was by Filippo Brunelleschi and it represents one of the first works of Renaissance architecture. From the sources the construction of the east wing that hosted the Maternity and which will become the new headquarters of UNICEF, between Fibbiai street and Alfani street, starts in the first half of the ‘500.


In 1546 several houses were bought along Fibbiai street and belonging to the Monastery of the Angels to "make places for nurses and other hospital stuff," while proceeding to the completion of the wing on Alfani street. In 1552 the Praetor Vincenzo Borghini builds a large lodge in the Garden of Women, which today is the courtyard towards Alfani street, and that was demolished in the late ‘800. At the same time the building on Alfani street was completed.


In the first half of ‘800 century, the building was expanded, incorporating the report to Fibbiai street that becomes a concrete foundation wall spine between the two perimeter load-bearing walls, one that already exists on the courtyard and the new one on Fibbiai street. In fact, the openings on the perimeter of the bearing wall from the courtyard are aligned with those of the central spine wall but not with those on the perimeter wall to Fibbiai street. In addition, the portals on the wall of the central spine are padded like those of the bearing wall on the court, but mirrored. Another intervention of the nineteenth-century is the realization of the monumental staircase with a square base with an internal courtyard lit by a skylight made on a wattle pavilion vault.


Between the ‘60s and ‘70s Guido Morozzi heads important restoration and renovation work in the entire complex, providing the former Maternity wing but not realizing the reopening of the drying rack on the top floor that had been hit by masonry walls towards the courtyard.


Until 2011 this wing hosted on the top floor some offices of the Province. For nearly two decades, the Foundling Hospital hosts a design institute and a school of fashion. In large dormitories that once housed the Maternity, offices, classrooms and hallways have taken place to meet the needs of these activities. The functional program and the use of unsuitable materials, such as gypsum board, mineral fiber tiles and linoleum, now hide to the user that walks inside the real importance of this building and its history.


A careful historical research in the archives of the Hospital of the Innocents, in the Headquarters of the Superintendence for Architectural Heritage, Landscape, Historical, Artistic and Ethno-anthropological Heritage at Pitti Palace and at the International Center of Studies of Architecture by Andrea Palladio, has reconstructed through documents and drawings the various transformations that the Maternity wing has undergone over time. This research has allowed us to know the life that was done in this wing of the complex, interpreting the spaces and listening to the inner vocation. These actions were necessary to define the concept of design for new activities that will be hosted.


The project team strongly believes that this refunctionalization project should be a significant sign of modernization and at the same time an example of a possible harmony between secular history and architecture of Florence and the needs of UNICEF, and a work environment completely contemporary.



Concept design for the new headquarters of UNICEF


We strongly believe that this work should be representative of the important work that UNICEF plays and of representation in the complex of the Innocents in the Florentine environment, national and international. From an understanding of the work of UNICEF and its guidelines comes the concept of the project within the complex of the Innocents. UNICEF is a complex organism of connection and equalization of multiple realities. In September 2000, during the UN General Assembly, were enshrined the 8 Millennium Development Goals, which are ever more ambitious goals set by the International Community (Fig. 1). On this occasion, the Director General of UNICEF's Anthony Lake, who is a supporter of the 8 Millennium Development Goals, gave a speech in support of the Millennium Declaration:


"At Their heart, the Millennium Development Goals are about giving the world's most vulnerable children Their a better chance to reach full potential - Whether it's improving on maternal and child health Increasing gender parity in education, or Eradicating hunger. We've got a lot of urgent work ahead, leading up to, and beyond, the 2015 MDG targets we've set for ourselves. And I believe we can do it with political commitment, sound strategies, adequate investment and the engagement of a global community".


Transforming into architectural elements the eight Millennium Goals and the speech of the General Director Anthony Lake and inserting them in the building, the outcome is the planimetric layout (Fig. 2) from which we started to organize various functions required by the client.


The functional planning ante operam has a type distribution as a comb shape with a central corridor and work environments that open on this. The individual cells do not facilitate the social and cultural exchange, as they constitute an individual space. The central path is bidirectional and it isn’t illuminated by natural light, which makes them less attractive as a space of socialization (Fig. 3, left).


The new distribution of the project is in favor of socialization through an omni-directional path. The functional planning provides for the removal of internal partitions to form the open spaces that facilitate the life and work of the group. The open space evoke the spatiality of the past Hospital of the Innocents, the Maternity wing, who wants to return to live in a contemporary way. The service areas are organized within the 8 functional volumes, which represent the 8 Millennium Development Goals, and grow along the wall of the central spine. The alternation of full and empty spaces of the functional volumes along the central spine facilitates the distribution of natural light, open spaces and connective not have physical boundaries and therefore are optimal for the lighting of the central areas of meeting and report (Fig. 3, right). Natural lighting also comes from above: there are skylights on the flap toward the interior elevation of the court which open at the empty space between the volume and the other. In addition, the floor of the second level is made of glass in correspondence with skylights to let in natural light coming from above to penetrate even the first floor. Finally, the skylights will open with electronic control. Speaking of sustainability an improvement of the building envelope will be made through the replacement of fixtures with new ones in accordance with current regulations and equal geometry: but also the optimization of the lighting and natural ventilation are in favor of saving energy (Fig. 4).


The bearing walls A and B have the openings in axis as the wall B appears to be from the historical sources as the original front elevation. Only later was made the C wall with openings on Fibbiai street. These openings do not match those of the existing walls. The gaps of the volumes that represent the 8 Millennium Development Goals and speech of the General Director Anthony Lake of UNICEF seek alignment with the windows so that by accessing the central connective workspaces there is always an on-axis opening (Fig. 5). Within the volumes are organized toilets (men, women and disabled), the scale and the lift of the connection between the first and second floors, the closets, equipment rooms and office machines, according to the Legislative Decree EIGHT1/200EIGHT seeks to limit and circumscribe the toxicity of emissions from laser printers and copiers (Fig. 6).


The volumes refined from the point of view of the relationship between form, function, structure and material, separated from each other and arranged in the large open space that recall the original spatial complex of Hospital of the Innocents, create a sort of unusual urban landscape, in which paths connecting the various functional areas "indoor and outdoor" space become users' communication. The overall effect is that of an organic randomness, which refers metaphorically to the image of a distant village where UNICEF operates, albeit in a completely modern way. The identity of each volume is given by the fact that they all have common variables and constants: constants are the use of various color tones and the rotation around its vertical axis; random variables are the use of shades of color, the angle of rotation and the function inserted internally. The twist of the volumes, the splitting and the overlap of elements rotated between them along a vertical axis, generates an organic element which together with the other volumes appears to be a complex organism. That is also functional cause each horizontal element is empty inside to store documents and office equipment (Fig. 7).


Concerning the internal distribution, the central spine appears to be a complex spinal column from which all the vital activities of UNICEF will radiate (Fig. 8).

In addition, the complex geometry of the volumes creates corrugated surfaces which improve the sound quality of teamwork in the large open space. Finally, along the space and connective report at each volume, will take place an artistic installations that recall, colors and slogan, The 8 Objectives and the speech of the Director General Mr. Lake.


In order to live with constant functions and usable every day with different cultural events, temporary or not, the open space can be divided with lightweight partitions and furniture. The open floor plan in this way can be used not only as offices, but also as a space for events, conferences and presentations, evenings charity. The functional volumes are transformed into the backdrop, due to the lighting project. In the context of the regulatory choice of color for these functional volumes deserves particular attention in relation to the study of psychological reactions in relation to color. For this reason it appeals to a color code of safety applied and standardized by the International Commission of lighting and Organizations lSO and UNI: of particular importance to the standard ISO 6385 that requires the examination of the use of lighting and colors. 


In holistic color therapy the green color is in the center between the cool and warm colors, thereby playing a balancing function. It 's the color of nature, the plant world and is a symbol of renewal, is associated with youth, adolescence, freshness, hope, optimism and new. It's neutral color, relaxing, encourages reflection and calm. It 's the color of the fourth chakra, Anahata: This Chakra is the wheel of energy of the heart and blood circulation. The key words of this Chakra are: friendship, love, companionship, public relations and interpersonal love and emotional links.


These are the fundamental concepts around which develops the design idea of this "special" work environment UNICEF which operates according to the principles of co-operation and humanitarian aid on a global scale in favor of the most vulnerable


 


Action of improvements on the building


The modern parameters by which this group intends to intervene, are the respect and appreciation of the historical memory of the context. In addition those of contemporary architecture in which there is sectorialisation of spaces, tasks, thus not facilitating the aggregation phenomenon, and finally the saving of energy and thermo-hygrometric wellness of the users, intervening where possible and in accordance with the current regulations and constraints, with integrated systems architecture and reversible. The flexibility of the space is the centerpiece of the proposal: at the various needs of users and for different functions, match the layout of the conformation space and the dynamism and versatility of UNICEF are concepts that are reflected in the Florence’s headquarter. Maximum functionality of the space requires solutions designed taking advantage of the available surface, so that nothing is random, although having possible variables conformations. 


The wall spine is the centerpiece of the project and not only from the architectural point of view to displace the different functions at the service of open space. In fact, along the central bearing wall will develop the primary distribution of electrical, data connection and ventilation, concealed by the same functional volumes.


The proposal of the various plant systems is aimed at a significant reduction in energy consumption. We have tried to combine the energy saving performance and environmental comfort. 


In addition, the design team has proposed the installation of the machines service of heating radiant floor/floating and cooling via pipelines, integrated architecture and, therefore, in accordance with the historical memory of the Foundling Hospital in a compartment built from scratch under the floor of the court. This facilitates their installation and therefore the maintenance, thus reducing the costs. In addition, the proposal aims to stop affecting machines with bulky and heavy on the supporting structures of the historic building. Finally, this solution is optimal because the ventilation plant room is from vents integrated in the new garden design. In this way, within the offices takes place the only distribution utilities, thus reducing the risk of emergency situations caused by equipment problems and in favor of the safety of the end users.


To restore the condition of the premises of the large dormitories of the Maternity wing, and therefore the historical memory, this involves the removal of ceilings to enhance and make visible the wooden beams, obtaining in this way the very high ceilings: for this it has been decided for the laying a built-in floor radiant and float, so as to ensure the thermal comfort of the users.


The radiant flooring system installed on a floating floor, which also allows the installation of other equipment such as electrical and data connection, ensures accessibility to facilities and the flexibility of the space, without sacrificing the unparalleled comfort of the under floor heating. The low thickness of the package makes the heating system, low-inertia, the time for making the scheme appears to be reduced compared to conventional floor systems. The dry laying directly on the existing floor greatly reduces the material produced is intended to landfill also allows you to install the system in a short time and therefore is cost effective.


STRUCTURAL PROJECT: ING. MARCO PERONI


PLANT PROJECT: ING. GIANCARLO SFARRA OPENGINEERING S.R.L


 


 


ARTICOLO_ITA


La costruzione del complesso monumentale dell’Ospedale degli Innocenti, che è stato il primo brefotrofio in Europa, viene avviata nel 1419. Il progetto iniziale è di Filippo Brunelleschi ed è una delle prime opere di architettura rinascimentale. Dalle fonti la costruzione dell’ala est che ospitava la Maternità e che diverrà la nuova sede centrale dell’Unicef, tra Via dei Fibbiai e Via degli Alfani, ha inizio nella prima metà del ‘500.


Nel 1546 furono acquistate alcune case su via dei Fibbiai ed appartenenti al monastero degli Angeli per "fare luoghi per balie ed altre chose per lo Spedale", mentre si è procedeva al completamento dell'ala su via degli Alfani. Nel 1552 il Pretore Vincenzo Borghini fa costruire una vasta loggia nell'Orto delle Donne, che oggi è il cortile verso via degli Alfani, e che fu demolita sul finire dell'800. Contemporaneamente viene completo l'edificio su via degli Alfani.


Nelle prima metà dell’800 l’edificio viene ampliato, inglobando il prospetto su Via dei Fibbiai che diventa il muro portante di spina tra i due portanti perimetrali, quello già esistente sulla corte interna e il nuovo su Via dei Fibbiai. Infatti le aperture sul muro portante perimetrale che da sulla corte sono in asse con quelle del muro di spina centrale ma non con quelle sull’altro muro perimetrale verso Via dei Fibbiai. Inoltre i portali sul muro di spina centrale presentano gli imbotti come quelli del muro portante sulla corte, ma specchiati. Un altro intervento di epoca ottocentesca è la realizzazione dello scalone monumentale a base quadrata con una chiostrina interna illuminata da un lucernaio realizzato su una volta in incannucciato a padiglione.


Tra gli anni ’60 e ’70 Guido Morozzi segue importanti lavori di restauro e ristrutturazione in tutto il complesso monumentale, prevedendo ma non realizzando nell’ala dell’ex Maternità la riapertura dello stenditoio all'ultimo piano che era stato tamponato da pareti in muratura verso la corte interna.


Sino al 2011 quest’ala ospitava all’ultimo piano alcuni uffici della Provincia. Da circa due decenni l’Ospedale degli Innocenti ospita un istituto di design e una scuola di moda. Nelle grandi camerate che un tempo ospitavano la Maternità, uffici, aule e corridoi hanno preso il posto per rispondere alle necessità di queste attività. Il programma funzionale e l’utilizzo di materiali non adeguati, quali cartongesso, pannelli in fibra minerale e linoleum, oggi celano al fruitore che vi cammina all’interno la reale importanza di questo edificio e della sua storia.


Un’accurata ricerca storica negli archivi dell’Istituto degli Innocenti, nella Sede della Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici a Palazzo Pitti e presso il Centro internazionale di studi di Architettura Andrea Palladio, ha ricostruito attraverso documenti e disegni le diverse trasformazioni che la Maternità ha subito nel corso del tempo. Questa ricerca ha permesso di conoscere la vita che veniva svolta in questa ala del Complesso, interpretandone gli spazi che furono ed ascoltandone la vocazione intrinseca. Queste azioni sono state necessarie per definire il concept di progetto per le nuove attività che verranno ospitate.


Il gruppo di progettazione crede fortemente che questo progetto di rifunzionalizzazione debba essere un segno significativo di modernizzazione e al contempo un esempio di possibile armonia tra la storia e l'architettura secolare di Firenze e le esigenze dell'Unicef di un ambiente lavorativo del tutto contemporaneo.


 


Concept di progetto per la nuova sede dell’Unicef


I progettisti ritengono che questa opera debba essere rappresentativa dell’importante lavoro che l’Unicef svolge e di rappresentanza all’interno del Complesso degli Innocenti nell’ambiente sia fiorentino, nazionale che internazionale. La comprensione dell’opera dell’Unicef e delle sue linee guida scaturisce il concept di progetto all’interno del Complesso degli Innocenti. L’UNICEF è un organismo complesso di connessione e parificazione delle molteplici realtà. Nel settembre del 2000, durante l’Assemblea Generale dell’ONU, furono sanciti gli 8 Obiettivi di Sviluppo del Millennio, che sono i traguardi più ambiziosi mai stabiliti dalla comunità internazionale (Fig. 1). In questa occasione il Direttore Generale dell’Unicef Anthony Lake, che è sostenitore degli 8 Obiettivi di Sviluppo del Millennio, tenne un discorso a sostegno della Dichiarazione del Millennio.


"La sostanza degli Obiettivi di sviluppo del Millennio riguarda il fatto di dare ai bambini più vulnerabili del mondo una migliore possibilità di raggiungere il loro pieno potenziale, che si tratti di migliorare la salute materna e infantile, di aumentare la parità di genere nell'istruzione, o di sradicare la fame. Abbiamo molto lavoro urgente da fare, per arrivare e superare gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio che ci siamo posti per il 2015 e oltre. Credo che ce la possiamo fare con impegno politico, strategie affidabili, adeguati investimenti e l'impegno della comunità globale".


Graficizzando in elementi architettonici gli 8 Obiettivi Del Millennio e l'eloquio del Direttore Generale Anthony Lake ed inserendoli nell’edificio oggetto di intervento ne scaturisce l’impianto planimetrico (Fig. 2) dal quale si è partiti per organizzare le diverse funzioni richieste dalla Committenza.


Il programma funzionale ante operam ha una distribuzione di tipo a pettine con un corridoio centrale e gli ambienti di lavoro che si aprono su questo. Le singole cellule non agevolano lo scambio sociale e culturale in quanto costituiscono uno spazio individuale. Il percorso centrale è di tipo bidirezionale e non è illuminato da luce naturale, risultando quindi meno gradevole come spazio di socializzazione (Fig. 3, sinistra).


La nuova distribuzione di progetto è a favore della socializzazione attraverso un percorso omnidirezionale. Il programma funzionale prevede l’abbattimento dei tramezzi interni per costituire degli open space che agevolano la vita e il lavoro di gruppo, e dunque la comunicazione fra colleghi. Gli open space richiamano una spazialità propria del passato dell’Istituto degli Innocenti, la Maternità, che vuole tornare viva in chiave contemporanea. Gli spazi di servizio sono invece organizzati all’interno degli 8 volumi funzionali, che rappresentano gli 8 Obiettivi del Millennio, e si sviluppano lungo il muro di spina centrale. L’alternanza dei pieni e dei vuoti dei volumi funzionali lungo la spina centrale di distribuzione agevola l’illuminazione naturale: gli open space e il connettivo non presentano confini fisici e dunque risultano ottimali per l'illuminazione degli spazi centrali di incontro e di relazione (Fig. 3, destra). L’illuminazione naturale proviene inoltre dall’alto: sono previsti dei lucernai sulla falda verso il prospetto interno della corte che si aprono in corrispondenza dei vuoti tra un volume e l’altro. Inoltre il pavimento del secondo piano è in vetro in corrispondenza dei lucernai per far penetrare la luce naturale proveniente dall’alto anche al primo piano. Infine i lucernai saranno apribili a controllo elettronico. Parlando di sostenibilità verrà effettuato un miglioramento dell’involucro edilizio attraverso la sostituzione degli infissi con altri nuovi nel rispetto delle normative vigenti e di egual geometria: tuttavia anche l’ottimizzazione dell’illuminazione e della ventilazione naturale sono a favore del risparmio energetico (Fig. 4 ).


I muri portanti A e B hanno le aperture in asse tra loro in quanto il muro B risulta essere dalle fonti l'originario prospetto su strada. Solo successivamente è stato realizzato il muro C con le aperture su Via dei Fibbiai che non ribattono quelle dei muri preesistenti. I varchi dei volumi che rappresentano gli 8 Obiettivi di Sviluppo del Millennio e dell'eloquio del Direttore Generale dell'Unicef Anthony Lake ricercano l'allineamento con le finestre in modo che accedendo dal connettivo centrale agli spazi di lavoro si ha sempre in asse un'apertura (Fig. 5). All'interno dei volumi sono organizzati i servizi igienici (uomini, donne e diversamente abili), la scala e l'ascensore di connessione tra il piano primo e secondo, i ripostigli, i locali tecnici e le macchine per ufficio, secondo il D.lgs 81/2008, per limitare e circoscrivere la tossicità delle emissioni di stampanti laser e fotocopiatrici (Fig. 6).


I volumi, raffinati dal punto di vista del rapporto tra forma, funzione, struttura e materia, separati tra loro e disposti nei grandi open space che richiamano la spazialità originaria del Complesso dell'Istituto degli Innocenti, creano una sorta di paesaggio urbano inusitato, nel quale i percorsi di collegamento delle varie zone funzionali "all'aperto e al coperto" diventano spazio di comunicazione degli utenti. L'identità di ciascun volume è data dal fatto che tutti hanno comuni costanti e proprie variabili: costanti sono l'uso di varie tonalità cromatiche e la rotazione intorno al proprio asse verticale; variabili sono l'uso random delle tonalità di colore, l'angolo di rotazione e la funzione inserita al proprio interno. La torsione dei volumi, la scissione e la sovrapposizione di elementi tra loro ruotati secondo un asse verticale genera un elemento organico che nell'insieme con gli altri volumi risulta essere un organismo complesso; inoltre è funzionale in quanto ogni elemento orizzontale è vuoto all'interno ed apribile a ribalta per archiviare documenti e materiale da ufficio (Fig. 7). 


Distributivamente parlando la spina centrale sembra essere una spina dorsale complessa dalla quale si diramano tutte le attività vitali dell'Unicef (Fig. 8).


Inoltre la geometria complessa dei volumi crea superfici corrugate che migliorano la qualità acustica di lavoro in team nei grandi open space. Infine, lungo lo spazio connettivo e di relazione in corrispondenza di ogni volume, avranno luogo delle istallazioni artistiche che richiamano, con colori, slogan e sistemi di illuminazione gli 8 Obiettivi e l'eloquio del Direttore Generale Mr. Lake, che servono come segnaletica delle funzioni e dei percorsi.


Al fine di far convivere  funzioni costanti e fruibili ogni giorno con diversi eventi culturali, temporanei e non, gli open space possono essere suddivisi con partizioni leggere e mobili. Gli open space in questo modo possono essere utilizzati non solo come uffici, ma anche come ampi spazi di lavoro multidisciplinare, spazi per eventi, conferenze e presentazioni. I volumi funzionali si trasformano in quinta scenografica, anche grazie al progetto illuminotecnico. Nel contesto normativo la scelta cromatica dei volumi funzionali merita particolare attenzione anche in rapporto allo studio delle reazioni psicologiche di fronte ai colori. Per questo si è ricorsi ad un codice dei colori della sicurezza applicato e standardizzato dalla Commissione Internazionale dell’illuminazione e dalle Organizzazioni lSO ed UNI: di particolare importanza lo standard ISO 6385 che richiede l’esame dell’illuminazione e dell’uso dei colori.


Nella cromoterapia olistica il colore verde si colloca al centro tra i colori freddi e caldi, svolgendo quindi una funzione di equilibrio. E' il colore della Natura, del mondo vegetale ed è simbolo di rinnovamento; viene associato alla giovinezza, all'adolescenza, alla freschezza, alla speranza, all'ottimismo e al nuovo. E' un colore neutro, rilassante, favorisce la riflessione e la calma. E' il colore del Quarto Chakra, Anahata: questo Chakra è la ruota di energia del cuore e della circolazione del sangue. Le parole chiave di questo Chakra sono: amicizia, amore, compagnia, relazioni pubbliche ed interpersonali, carità e legami affettivi.


Questi sono i concetti fondamentali intorno ai quali si sviluppa l'idea progettuale di questo "speciale" ambiente di lavoro dell'Unicef, che opera secondo i principi della collaborazione e dell'aiuto umanitario a scala mondiale a favore delle fasce più vulnerabili. 


 


Azioni di miglioria sull’edificio


I parametri contemporanei con i quali questo gruppo intende intervenire sono di rispetto e valorizzazione della memoria storica del contesto. Inoltre quelli dell’architettura contemporanea in cui non esiste la settorializzazione degli spazi, dei compiti, non agevolando quindi il fenomeno dell’aggregazione; infine quelli del risparmio energetico e del benessere termo igrometrico da parte dei fruitori, intervenendo, ove possibile e nel rispetto delle normative vigenti e dei vincoli, con sistemi integrati all’architettura e reversibili. La flessibilità degli spazi è il fulcro della proposta: alle varie necessità da parte dei fruitori e per le diverse funzioni, corrispondono layout di conformazione degli spazi; il dinamismo e la versatilità dell’Unicef sono concetti che si rispecchiano nella Sede di Firenze. Il massimo della funzionalità degli spazi richiede soluzioni studiate sfruttando al meglio la superficie a disposizione, in cui quindi nulla è casuale, seppur avendo possibili variabili conformazioni. 


Il muro di spina è il fulcro del progetto e non solo dal punto di vista architettonico nel dislocare le diverse funzioni a servizio degli open space. Infatti lungo il muro portante centrale si svilupperanno le distribuzioni primarie degli impianti elettrico, di connessione dati e di areazione, celati dagli stessi volumi funzionali.


La proposta dei vari sistemi impiantistici è finalizzata ad una significativa riduzione dei consumi energetici. Si è cercato di coniugare il risparmio energetico con le prestazioni ed il confort ambientale.


Inoltre il gruppo di progettazione ha proposto l’installazione delle macchine di servizio degli impianti di riscaldamento a pavimento radiante/flottante e di raffrescamento mediante condotte, integrati all’architettura e dunque nel rispetto della memoria storica dell’Ospedale degli Innocenti in un vano costruito ex novo sotto il piano di calpestio della corte. Questo facilita la loro installazione e dunque la manutenzione, abbattendo quindi i costi. Inoltre la proposta è finalizzata al non gravare ulteriormente con macchine ingombranti e pesanti sulle strutture portanti dell’edificio storico. Infine questa soluzione risulta ottimale in quanto l’areazione del locale impianti avviene da bocchette, integrate al nuovo disegno del giardino. In questo modo all’interno degli uffici avviene la sola distribuzione delle utenze, diminuendo così il rischio di situazioni di emergenza causate da  problemi agli impianti, a favore della sicurezza degli utenti che lavorano.


Per ripristinare lo stato dei luoghi delle grandi camerate della Maternità, e dunque la memoria storica, si prevede lo smontaggio dei controsoffitti per valorizzare e rendere a vista i solai in legno, ottenendo in questo modo dei soffitti molto alti: per questo si prevede la posa di un pavimento integrato radiante e flottante, di modo da assicurare il benessere termico degli utenti.


Il sistema di pavimentazione radiante sopraelevata, che permette anche la posa di altri impianti quali elettrici e connessione dati, garantisce l’accessibilità agli impianti e la flessibilità degli spazi, senza rinunciare al comfort ineguagliabile del riscaldamento a pavimento. Il basso spessore del pacchetto riscaldante rende il sistema a bassa inerzia; il tempo di messa a regime risulta essere ridotto rispetto ai sistemi a pavimento tradizionali. La posa a secco direttamente sul pavimento esistente riduce di molto il materiale prodotto destinato a discarica; inoltre consente di installare il sistema in tempi rapidi e dunque è economicamente vantaggioso.


PROGETTO STRUTTURE: ING. MARCO PERONI


PROGETTO IMPIANTI: ING. GIANCARLO SFARRA OPENGINEERING S.R.L

2 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    REPORT_ENG The construction of the monumental complex of the Hospital of the Innocents, which was the first orphanage in Europe, is launched in 1419. The initial project was by Filippo Brunelleschi and it represents one of the first works of Renaissance architecture. From the sources the construction of the east wing that hosted the Maternity and which will become the new headquarters of UNICEF, between Fibbiai street and Alfani street, starts in the first half of the ‘500. In 1546...

    Project details
    • Year 2016
    • Work started in 2015
    • Work finished in 2016
    • Client Istituto degli Innocenti, Firenze
    • Contractor gara d'appalto in fase di aggiudicazione
    • Cost 3.000.000 Euro
    • Status Current works
    • Type Government and institutional buildings / Business Centers / Research Centres/Labs / Interior Design / Lighting Design / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Structural Consolidation
    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users