Masterplan Nichelino 2010

Fratture e discontinuità territoriali Nichelino / Italy / 2011

1
1 Love 1,637 Visits Published

INTRODUZIONE METODOLOGICA


La città e il territorio costituiscono l’habitat di una comunità e, contemporaneamente, ne


conservano e rappresentano la memoria collettiva, la storia e l’identità, il patrimonio culturale


consolidato e le aspettative per lo sviluppo futuro.


Nichelino è una città di medie dimensioni, elemento significativo del sistema metropolitano


con centro in Torino, ricca di “storia” e di “storie”, ben espresse dalla sua struttura territoriale


e dalla sua forma urbana.


Nei secoli passati, la “storia” di questa porzione di pianura padana piemontese fu storia di


nobiltà sabauda e di laboriosi contadini, arte e agricoltura, cultura e lavoro. La storia nobile e


quella contadina sono radicate a Nichelino e trovano una sintesi espressiva nel Complesso di


Stupinigi, nella Palazzina di Caccia, nei Poderi Juvarriani e nel Parco che si estende anche


oltre il territorio comunale.


Negli anni sessanta del secolo scorso, le “storie” più diverse raggiunsero Nichelino, storie di


lavoratori che da tutta Italia venivano alla ricerca di un lavoro e di migliori condizioni di vita.


Negli anni del boom economico e della industrializzazione, decine di migliaia di uomini e


donne si concentrarono nel polo produttivo torinese, nelle fabbriche e nella “fabbrica” per


eccellenza: la FIAT.


A quegli anni risale la crescita demografica, edilizia e urbana di Nichelino, grazie alla sua


posizione strategica a sud di Torino, non lontana dal complesso del Lingotto e dal grande


stabilimento Mirafiori. Nichelino ha visto crescere la sua popolazione da meno di 7.500


abitanti nel 1951, a circa 15.000 dopo dieci anni e quasi 45.000 nel 1971, per poi


sostanzialmente stabilizzarsi.


L’urbanistica di quegli anni, in Italia, era fatta di piani di espansione residenziale che


produssero quartieri dormitorio senza identità e senza servizi, nonostante gli sforzi legislativi


(DI. n. 1444 del 1967) che fissarono per legge i minimi inderogabili di standards urbanistici.


Nichelino è piena espressione del suo tempo, prima satellite e poi periferia abitativa della più


grande città industriale del Nord Italia: molte case, poche attrezzature collettive e d’interesse


generale, pochissimi spazi pubblici e assenza di luoghi urbani.


Passano gli anni, Nichelino si espande verso Torino diventando tutt’uno con il Capoluogo


Piemontese a nord e con Moncalieri a est. L’espansione a Sud è contenuta dalla Tangenziale


mentre il Parco di Stupinigi resiste alla crescita verso Orbassano.


I progressivi miglioramenti, le dotazioni infrastrutturali, l’arricchimento di attrezzature


collettive, gli interventi di riqualificazione urbana non sono sufficienti a trasformare Nichelino


da quartiere dormitorio in centro urbano dotato di una propria identità, non si riesce a creare


il cosiddetto “effetto città” nonostante gli sforzi delle amministrazioni che si succedono.


Negli anni 2000 Torino è interessata da un innovativo processo di governance del territorio i


cui esiti culminano negli interventi per le Olimpiadi Invernali del 2006. La città cambia volto


cambiando la sua vita e l’impatto positivo si estende ai territori limitrofi.


La prima capitale d’Italia acquista un respiro internazionale e, pur senza snaturarsi nel suo


carattere sobrio, si apre al mondo, verso una cultura internazionale e cosmopolita.


La pianificazione territoriale e i progetti urbani interpretano il nuovo momento storico dando


forma alle idee e Torino cambia, fisicamente e nel modo di vivere, diventa molto più aperta ed


ospitale.


La corona metropolitana vive con Torino il momento di grazia e ne riceve i benefici effetti, pur


con esiti variegati. Inseguono il cambiamento, come spesso accade nel nostro Paese, non


tutti i Piani e Programmi riescono a prefigurare il cambiamento, talvolta lo inseguono.


In Italia, sostanzialmente, la pianificazione territoriale e urbanistica è ferma ai tradizionali tre


livelli di pianificazione territoriale, comunale e attuativa, nonostante l’ampio dibattito e le


numerose proposte sperimentate nelle leggi regionali e sul campo: i piani territoriali a valenza


paesistica, i piani urbanistici comunali strutturali e operativi, i programmi complessi, gli


strumenti di concertazione e semplificazione, le varie forme di urbanistica contrattata ecc.


Di fatto, permane il dualismo tra la pianificazione urbanistica e la progettazione urbana che si


fronteggiano anche in ambito accademico da oltre venti anni così come la sterile


contrapposizione tra visioni sociali di vario colore politico e l’attenzione allo sviluppo


economico locale. Si è aggiunta, nell’ultimo decennio, un’interpretazione ecologista della


sostenibilità che antepone gli aspetti ambientali a quelli economici e sociali, generando piani


settoriali a compartimenti stagni.


Ricorre la difficoltà di collaborazione tra le diverse competenze, così come l’incapacità di


sintesi dei contributi delle diverse discipline che sono chiamate in causa per governare le


trasformazioni territoriali.


A ben vedere, la Regione Piemonte con la Provincia e il Comune di Torino hanno compiuto


negli ultimi anni un grande sforzo di pianificazione dell’area Torinese: Corona Verde, Corona di


Delizie, il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, Accordi di programma, Protocolli


d’intesa.


In questo contesto articolato, il Comune di Nichelino e la Regione Piemonte hanno sentito il


bisogno di mettere a sistema quanto negli ultimi anni è stato fatto in termini di concertazione,


pianificazione e programmazione nell’area a sud di Torino.


In particolare, si è deciso di affrontare e risolvere quattro parti cruciali del territorio


nichelinese: l’area della ferrovia Torino-Pinerolo di cui si prevede l’interramento, la fabbrica


dismessa Viberti, il Parco e la Palazzina di Caccia di Stupinigi, il fiume Sangone con le aree


spondali.


Per individuare soluzioni innovative e interrelate è stato scelto lo strumento del Concorso di


idee con facoltà di successivo affidamento d’incarico per la redazione del Master Plan


Nichelino 2010.


Il concorso d’idee è uno strumento che offre alle amministrazioni locali l’opportunità di


innescare processi creativi che difficilmente possono essere attivati attraverso altre modalità


d’incarico professionale. I concorsi stimolano le diverse intelligenze, attivano le collaborazioni


interdisciplinari, elevano la qualità progettuale attraverso la sana competizione.


In Italia, il concorso è una strumento poco utilizzato per l’affidamento di attività progettuali e,


in particolare, per quelle progettazioni che hanno un potenziale forte impatto sul territorio.


L’affidamento degli incarichi professionali avviene quasi sempre sulla base di freddi elenchi di


lavori svolti o anonimi fatturati, mettendo fuori gioco possibili contributi creativi. Le


amministrazioni sembrano preoccupate di perdere, nella procedura concorsuale, il controllo


politico delle successive trasformazioni, la regia degli interventi, il ruolo di indirizzo dello


sviluppo territoriale.


In realtà, il concorso è uno straordinario generatore di energie creative la cui potenza deve


essere ben governata e indirizzata politicamente, dalle amministrazioni pubbliche, attraverso


le prescrizioni del bando del concorso stesso, fornendo materiali e indicazioni mirate.


In tal senso, il Bando del concorso di idee è un atto politicamente forte, espressione di visioni


strategiche che qualificano le amministrazioni locali.


Il governo delle trasformazioni del territorio è competenza degli enti locali, nel rispetto delle


prerogative degli organismi sovraordinati, secondo il principio di sussidiarietà. Il concorso


mette delle idee al centro dell’attenzione e presuppone una successiva ampia partecipazione


critica di tutti i soggetti presenti sul territorio. Il processo creativo concorsuale interpreta i


fabbisogni e le vocazioni del territorio offrendo possibili percorsi evolutivi. La politica sceglie e


detta gli indirizzi, ma la condivisione delle scelte con i soggetti interessati - cittadini, imprese,


associazioni - garantisce la concreta attuabilità delle indicazioni progettuali.


La strada del concorso è stata scelta dall’Amministrazione comunale di Nichelino e dalla


Regione Piemonte per la “riqualificazione, valorizzazione e riconnessione” del territorio di


Nichelino con una serie di obiettivi interrelati che, in fase di redazione del Master Plan, sono


stati specificati e finalizzati.


Il Master Plan è uno strumento di pianificazione e programmazione urbanistica che unisce la


progettazione e la strategia per l’attuazione delle previsioni progettuali. Non definito da


alcuna legge nazionale o regionale, il Master Plan è uno strumento interpretabile e flessibile


che offre, alle amministrazioni locali e ai progettisti, l’opportunità di percorrere nuove strade


innovative e creative per indirizzare le trasformazioni del territorio e rispondere ai bisogni


delle comunità.


In taluni casi, il Master Plan è interpretato come un piano urbanistico in altri casi come un


piano strategico, in altri ancora come un progetto urbano; nella cultura urbanistica


anglosassone è un piano d’azione per lo sviluppo o la riqualificazione di un’area più o meno


vasta e comprende aspetti urbanistici, economici e sociali.


La nostra proposta metodologica inquadra il Master Plan come piano-progetto che traccia un


percorso possibile per lo sviluppo sostenibile del territorio. In questo approccio, le tre


dimensioni della sostenibilità ambientale, economica e sociale si intrecciano e rafforzano


reciprocamente. Il nostro Master Plan non è prescrittivo ma individua le criticità e le risorse


del territorio, propone le azioni e gli interventi, delinea le strategie di attuazione.


L’approccio che si propone per il Master Plan è territoriale, sistemico, olistico, semantico e


richiede la collaborazione di esperti con diverse competenze complementari che


interagiscono nella costruzione di un equilibrio armonico tra città e natura. (Farr, 2007)


L’approccio territoriale suggerisce di analizzare i problemi e di individuare le possibili soluzioni


alla scala del territorio. Il passaggio successivo avviene con la declinazione delle proposte


nella dimensione attuativa, attraverso i progetti di distretto, ambito e luogo, fino alla scala


architettonica.


L’approccio sistemico considera il territorio nella sua natura di sistema aperto, dinamico e


complesso. Il sistema territorio è composto da elementi complessi legati da relazioni


complesse. Gli elementi del territorio, a loro volta, possono essere considerati sub-sistemi del


sistema territoriale.


L’approccio olistico consente di penetrare nella complessità del sistema territorio che non


può essere ridotta nel tentativo, destinato a fallire, di isolarne gli elementi costitutivi. Sono


difficili da discretizzare perché assolutamente complessi e, come si diceva sopra, ogni


elemento può essere considerato a sua volta un sistema: ambiente naturale, ambiente


costruito, popolazione, servizi, mobilità e così via.


L’approccio semantico intende penetrare l’essenza dei luoghi e la capacità di evocare


significati e valori nella comunità di donne e uomini che vivranno quei luoghi. I luoghi naturali


e costruiti esprimono l’identità delle comunità, evocandone il senso di appartenenza al


territorio.


Il Master Plan Nichelino 2010 ha il non facile compito di indirizzare il processo di


riconversione e riqualificazione, urbana e ambientale, in ambiti di intervento strategici ma


irrisolti del territorio comunale. La nostra idea-progetto per il Master Plan è la realizzazione un


sistema di relazioni fisiche, funzionali e semantiche attraverso la risoluzione delle barriere


naturali e la neutralizzazione delle barriere antropiche esistenti.


Il primo topic che emerge è la ricucitura territoriale da ottenersi attraverso il riordino della


viabilità e l’interramento della linea ferroviaria. Il secondo topic è la riconversione dell’ex


Viberti, area industriale dismessa, luogo di rilevanza urbana ed extraurbana segnato da un


processo di recupero di capannoni in disuso. Il terzo topic è la valorizzazione di Stupinigi e, in


particolare, delle aree agricole, delle infrastrutture storiche (poderi, rotte, rete irrigua) e della


viabilità circostante la Palazzina di Caccia. La riqualificazione dell’area spondale del Sangone


è il quarto topic ambientale che interessa il fiume e la sua riva.


In particolare, i quattro ambiti sono considerati come sub-sistemi di un più ampio sistema


territoriale, costituito non solo dal Comune di Nichelino ma anche dai Comuni circostanti tra


cui Torino, città capoluogo e polo metropolitano. All’interno degli ambiti, le proposte


progettuali si proiettano fino alla scala architettonica, per poter effettivamente incidere sulla


conformazione spaziale e sui modi di utilizzo funzionale.


Osservando gli ambiti oggetto del concorso, ci si accorge che essi sono caratterizzati dalla


marcata presenza di segni territoriali lineari (antropici e naturali ) come il fiume, la ferrovia,


l'autostrada, i quali rappresentano soprattutto delle barriere, delle cesure il cui effetto è di


separare in maniera netta i luoghi che attraversano. In tale prospettiva lo stesso Parco


Stupinigi si presenta come un “recinto” isolato rispetto al contesto. Di conseguenza,


l'insediamento di Nichelino si è sviluppato nelle aree interstiziali, addossandosi a queste


tracce del territorio nel modo più casuale possibile, fino ad assumere un carattere


disomogeneo e frammentato.


L'obiettivo è quello di voler riscattare la natura degradata dei luoghi, trasformando i suoi punti


deboli in punti di forza. Il tema è connesso al progetto come “modificazione dell'esistente”


(Secchi, 2000), intesa quale azione sulle aree intermedie, sugli interstizi, sulle connessure tra


le parti “dure”, re-interpretando le parti “molli”. I termini di barriera, limite, margine, bordo,


punto di confine, soglia, passaggio tra due parti eterogenee, con i quali oggi si identificano, in


maniera negativa, queste strutture lineari, devono essere trasformati in ricucitura,


riconnessione dei due fronti, linea come elemento strutturante capace di innescare un


meccanismo virtuoso di trasformazione dell'intorno.


Il sistema insediativo di Nichelino si presenta disomogeneo e il tessuto urbano appare, a


tratti, disgregato. Soprattutto, si rilevano diversi elementi di discontinuità del continuum


antropizzato, alcuni sono artificiali ed altri naturali. Sono risorse importanti per il territorio in


cui si trovano, seppur in modi diversi. Allo stesso tempo, però, sono veri e propri margini, nel


senso Lynchiano del termine (Lynch, 1960), capaci di marginalizzare porzioni residuali di


territori urbani e rurali. (de Azùa, 2004) (Segal e Verbakel, 2008)


Il primo elemento di separazione è la linea ferroviaria di cui si prevede l’interramento. A ben


vedere, l’operazione del più o meno esteso interramento di per sé non è risolutiva. Infatti,


l’interramento potrebbe generare un vuoto, ad andamento lineare, altrettanto “separante”


anche se di minor impatto visivo e acustico.


La seconda barriera è costituita dalla rete stradale a scorrimento veloce e dagli svincoli che


generano una profonda fascia di disturbo della continuità territoriale, sia fisica sia psicopercettiva.


La barriera stradale cammina in alcuni punti su viadotto, con un impatto ancora


maggiore.


La terza barriera è costituita dal fiume Sangone che separa Nichelino dal territorio comunale


di Torino. Si tratta di una barriera naturale, gradevole e paesaggisticamente importante, ma


pur sempre una barriera. Un ulteriore elemento di separazione, paradossalmente, è costituito


dalla Palazzina di Stupinigi, dai Poderi Juvarriani e dal circostante Parco storico. Stupinigi non


è integrata nel territorio nel quale appare come un’isola. Inoltre, al suo interno il complesso è


frazionato dalla percorrenza automobilistica che ne pregiudica la fruizione da parte dei


cittadini.


Sia il fiume Sangone sia il Complesso di Stupinigi sono risorse molto importanti del territorio


ma, al momento, presentano aspetti problematici che il Master Plan deve affrontare e


risolvere. Si devono fare emergere le potenzialità di questi due elementi primari del territorio


di Nichelino, come meritano, rendendoli fattori di sviluppo sostenibile.


La valorizzazione dei quattro ambiti d’intervento – interramento ferrovia, ex Viberti, Stupinigi,


sponda Sangone – passa per la risoluzione di queste barriere, non facile da realizzare ma


necessaria per restituire continuità al territorio. La linea come margine di lynchiana memoria


(Lynch, 1961) -schema della separazione di porzioni residuali di territori urbani e rurali -deve,


oggi, assumere le potenzialità della linea come taglio, sequenza, secondo l'intuizione di Ignasi


de Solà-Morales: “... all'opposto del frammento, che è un concetto di parte, il taglio è un'idea


di sequenza, di esperienza, di continuità temporale sulla discontinuità spaziale ... La riduzione


sequenziale, tagliata, della forma urbana è un meccanismo di descrizione, ma anche una


strategia di progetto ... Lavorare sul taglio significa studiare gli effetti concreti sulla città dovuti


al progetto di sistemi infrastrutturali”. (Lotus, 2001)


Il taglio, dunque, si profila come metodologia decisiva del progetto inerente alla sezione


longitudinale della città, capace di mostrarci differenti immagini di essa, nonché repentini


cambiamenti di paesaggio.


Le barriere individuate non devono essere considerate solo per la loro problematicità ma,


parallelamente, per il loro essere risorse fondamentali nel territorio di appartenenza. La


risorsa “ferrovia” può essere valorizzata in un progetto complessivo di miglioramento


dell’accessibilità a Nichelino, come linea metropolitana con possibilità di altre stazioni. Il


potenziamento del collegamento su ferro, oltre a connettere meglio Nichelino con Torino, il


territorio provinciale e regionale, può alleggerire significativamente il traffico su gomma.


La risorsa “strade a scorrimento veloce”, una volta sgravata del traffico proveniente da Torino,


può fungere da rete di servizio locale. In questo modo, si diminuisce il traffico sulla rete


stradale secondaria urbana e si potranno liberare i tracciati più sensibili, in primis nell’area


del Parco di Stupinigi.


La terza risorsa è il “fiume Sangone” per il quale bisogna pensare ad una trasformazione dal


ruolo separante a quello unificante, con azioni che siano rispettose degli equilibri ecologici. La


sostenibilità, per il Sangone, va declinata privilegiando la dimensione ambientale rispetto a


quella sociale e, ancor più, rispetto a quella economica. Ciò nondimeno bisogna prevedere


interventi che colleghino fisicamente oltre che simbolicamente le due rive opposte del


Sangone. Le risorse che si sono individuate, dopo avere eliminato i fattori negativi e


segnatamente le caratterizzazioni di elementi di separazione del territorio, saranno disponibili


per essere collocate in un sistema di relazioni spazio-funzionali di livello territoriale.


 

1 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    INTRODUZIONE METODOLOGICA La città e il territorio costituiscono l’habitat di una comunità e, contemporaneamente, ne conservano e rappresentano la memoria collettiva, la storia e l’identità, il patrimonio culturale consolidato e le aspettative per lo sviluppo futuro. Nichelino è una città di medie dimensioni, elemento significativo del sistema metropolitano con centro in Torino, ricca di “storia” e di “storie”, ben...

    Project details
    • Year 2011
    • Work started in 2011
    • Work finished in 2011
    • Client Regione Piemonte _ Comune di Nichelino TO
    • Status Unrealised proposals
    • Type Adaptive reuse of industrial sites / Metropolitan area planning
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users