VILLA

Progetto architettonico, Direzione lavori, esecutivi di cantiere BERNATE TICINO / Italy / 2011

1
1 Love 1,578 Visits Published
L’edificio ha un impianto planimetrico a L: il lato corto con la zona giorno si affaccia a sud sul parco retrostante, l’ala con la zona notte si distende sul fianco sinistro del lotto . L’inserimento ambientale e planivolumetrico dell’edificio è risultato da analisi bioclimatiche quali lo studio del percorso solare durante la giornata e nelle diverse stagioni che ha influenzato il layout distributivo degli ambienti, ma anche lo studio delle ombre portate dagli edifici e dagli alberi esistenti, la direzione dei venti estivi e invernali ( di scarsa importanza alle nostre latitudini). Al piano rialzato l’open space – zona giorno consente una continuità visiva ingresso – terrazzo e viceversa. Questa completa apertura della zona giorno permette di sfruttare nella stagione estiva la ventilazione trasversale: l’aria entra a sud ed esce a nord raffrescando l’ambiente. Un’altra strategia bioclimatica è il terrazzo a sud che si apre sul giardino. Soggiorno, cucina e una camera si affacciano con ampie vetrate sul terrazzo; questo consente di massimizzare lo sfruttamento dell’apporto energetico passivo della radiazione solare nella stagione invernale. Naturalmente queste vetrate devono essere protette dalla radiazione solare diretta in estate per evitare fenomeni di surriscaldamento. Si prevedono anche sistemi di oscuramento quali tende e, sul terrazzo davanti al parapetto, pannelli frangisole scorrevoli su binari, così da assicurare nelle ore più calde estive la vista esterna ma impedire che i raggi entrino negli ambienti. Particolare attenzione è stata posta nella ventilazione trasversale, nell’illuminazione naturale e nel controllo di quest’ultima durante le stagioni. L’ingresso a nord gode della stessa luce naturale durante l’arco della giornata, infatti la luce indiretta o diffusa è praticamente costante mattino e pomeriggio (nelle belle stagioni). A sud l’intensità della luce viene modulata dalle lamelle frangisole sopra descritte. I pannelli scorrevoli che si spostano al trascorrere delle ore, conferiscono dinamismo: la facciata sud è “viva”, dinamica e sempre in movimento. Si è privilegiata la scelta di materiali e tecniche costruttive tipiche della tradizione locale (intonaco, faccia a vista, serramenti in legno, copertura a padiglione in tegole in cotto, lattoneria in lamiera, parapetti in ferro verniciato, struttura in c.a.) pur non rinunciando a un’immagine architettonica caratterizzata da una linea e un design più contemporaneo. Infatti le lunghe e nette linee bianche orizzontali dei solai aggettanti di copertura e del piano rialzato sono unite da un sottile setto murario intonacato così da individuare un disegno di una C bianca che viene ripetuta su tutte e quattro le facciate . A questo telaio bianco a C di tradizione razionalista si contrappone l’involucro interno in mattoni faccia a vista , richiamo alla tradizione delle vecchie case rurali lombarde. Questi aggetti bianchi fortemente pronunciati trasmettono l’idea di apertura degli spazi interni e di “tensione” verso l’esterno, rompendo così l’immagine di scatola ermetica chiusa in sé: la casa si apre al giardino e alla natura.
1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    L’edificio ha un impianto planimetrico a L: il lato corto con la zona giorno si affaccia a sud sul parco retrostante, l’ala con la zona notte si distende sul fianco sinistro del lotto . L’inserimento ambientale e planivolumetrico dell’edificio è risultato da analisi bioclimatiche quali lo studio del percorso solare durante la giornata e nelle diverse stagioni che ha influenzato il layout distributivo degli ambienti, ma anche lo studio delle ombre portate dagli edifici e dagli alberi esistenti,...

    Project details
    • Year 2011
    • Work started in 2009
    • Work finished in 2011
    • Client PRIVATO
    • Status Completed works
    • Type Single-family residence
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users