Liceo scientifico nel comune di Terzigno

Terzigno / Italy / 2008

0
0 Love 1,391 Visits Published
Progettista : Ing. Giovanni Giugliano


La presente relazione è illustrativa del progetto definitivo per la realizzazione di un edificio da destinare a Liceo Scientifico in Terzigno, Provincia di Napoli.

Le aree oggetto dell'intervento sono state individuate dall'Amministrazione Comunale di Terzigno con D.C.C. e comunicate all'Ente Provincia: sono riportate nella sezione Censuaria del Comune al foglio n° 4 particelle 791 per una superficie di circa mq. 9.000. Il Comune di Terzigno è dotato di Programma di Fabbricazione e l’area individuata ricade in zona Rurale, assoggettata al vincolo paesaggistico (P.T.P dell’Area del Vesuvio), con specifica deroga concessa dal Ministero dei BB.AA.AA, per la costruzione dell’istituto scolastico.
Descrizione delle aree e loro destinazione d’uso attuale
Il terreno di forma rettangolare, confinante a nord con Via Benedetto Croce, a sud con fabbricati residenziali di recente realizzazione, ad ovest con la strada comunale ed ad est con altra area di edilizia scolastica, già realizzata.
Criteri utilizzati per le scelte progettuali
La progettazione architettonica dell’edificio scolastico ha assunto quali riferimenti principali:
- il Decreto Ministeriale del 18/12/1975 “Norme tecniche relative all’edilizia scolastica” reso di riferimento dal disposto della Legge n. 23 del 11/01/1996;
- il Decreto Ministeriale del 26/08/1992 “Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica”;
- il Decreto Ministeriale del 19/08/1996 “Applicazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo”;
- le Norme CONI per l’impiantistica sportiva approvata dalla G.E. del CONI con delibera n. 851 del 15/07/1999;
- il Decreto Ministeriale del 18/03/1996 “Norme di sicurezza per la costruzione e l’esercizio di impianti sportivi”;
- Norma UNI 9217 del gennaio 1988 relativa alle caratteristiche costruttive delle tribune;
- D.P.R. n. 503 del 24 luglio 1996 “Norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici pubblici”;
Per l'Istituto Polifunzionale in Terzigno, vengono definiti in proposta:
n. 15 aule normali; n. 2 aule speciali, poli-funzionali, di 80 e 130 mq, utili per laboratorio linguistico, di arte e musica, informatico, di tecnologia e disegno assistito da disegno informatico; n. 2 aule speciali, poli-funzionali, di 180 e 160 mq, utili per laboratori di fisica, chimica e scienze naturali e da potersi attrezzare con apparecchiature di sperimentazioni; uffici amministrativi, aula professori, spazio per riunioni; palestra con spogliatoi, servizi igienici e tribune per una capienza massima di 340 posti a sedere con una superficie complessiva di 780 mq; aula magna di 240 mq per una capienza massima di 312 posti a sedere; biblioteca di 130 mq; sistemazione delle aree esterne; parcheggio annesso alla scuola;

Descrizione del progetto
Il progetto propone la realizzazione di due volumi separati ma fra loro funzionalmente connessi mediante una passerella di collegamento che si diparte dalla testata del corpo scala e raggiunge in testata l’aula magna.
Il primo volume, costituito dall’articolazione di tre distinti corpi di fabbrica tutti fra loro completamente giuntati, è destinato agli spazi didattici, amministrativi, ed alle aule didattiche; in particolare si individuano:
il corpo definito A, posto in posizione laterale destra rispetto all’ingresso, è destinato ad aule; si sviluppa su n. 3 piani fuori terra ed un piano seminterrato a deposito.
Il corpo definito B, posto in posizione centrale, destinato a zona scala e disimpegno; tale corpo si sviluppa su n. 4 piani fuori terra ed un piano seminterrato che consente l’accesso agli spogliatoi della palestra. Il corpo B, accoglie: l’atrio di ingresso a doppia altezza per un’ampiezza di 75 mq, il sistema dei collegamenti orizzontali, dei collegamenti verticali costituito da una scale decentrata rispetto all'atrio, dal corpo ascensori adiacente al corpo scala idonei ai portatori di handicap.
Il corpo scala collega tutti i piani attraverso corridoi; lungo tali corridoi sono disposti gli uffici, gli spazi didattici (siano essi aule normali che aule speciali) e i servizi e sono dotati in testata di scala di sicurezza e di emergenza. Dal corpo scala si dipartono anche i collegamenti al secondo volume dal piano terra e dal piano interrato per l’accesso all’aula magna ed agli spogliatoi mediante la passerella di collegamento.
Il corpo definito C, posto in posizione laterale sinistra rispetto all’ingresso, è destinato a uffici, servizi, biblioteca ed aule speciali; si sviluppa su n. 2 piani fuori terra ed un piano seminterrato ad uso deposito. Il volume si completa con due scale di sicurezza e emergenza interne rispettivamente a servizio dei corpi A e C.
La passerella di collegamento, che definiremo corpo D giuntata ai due volumi principali, è realizzata su due livelli: il livello inferiore delimitato da pareti vetrate mette in collegamento il piano interrato del corpo scala agli spogliatoi della palestra ed alla palestra stessa; il livello superiore collega il piano terra con l’aula magna. Sistemi di chiusura posti agli accessi dei diversi piani consentono di isolare il primo volume dal secondo. La separazione dei volumi destinati alla didattica da quelli destinati a palestra ed dell’aula magna oltre a consentire un migliore funzionamento nelle ore scolastiche del complesso, limitando i problemi di interferenza connessi all’uso della palestra, consente altresì l'utilizzazione degli spazi sportivi e dell’aula magna nelle ore pomeridiane senza comportare la necessaria apertura e frequentazione degli spazi didattici. A tal fine questo corpo risulta dotato di accessi e scala indipendenti.
Il secondo volume risulta costituito dall’articolazione di due distinti corpi di fabbrica fra loro completamente giuntati e da due corpi scala annessi, destinato alla palestra, ai relativi servizi ed all'aula magna; in particolare si individuano:
il corpo definito E, costituito da n. 2 piani fuori terra destinati a servizi per la palestra al piano terraneo ed aula magna al piano superiore.
Il corpo definito F, costituito da n. 2 corpi scala, adiacenti alla palestra, con annessi ascensori idonei ai portatori di handicap per l’accesso alle tribune e connessi orizzontalmente alle uscite di sicurezza dell’aula magna.
Il corpo definito G, destinato alla palestra, è dotato di due ordini di spalti accessibili sia dalla quota palestra che dal livello superiore mediante i corpi F, di servizi igienici normali e per disabili suddivisi per sesso posti sotto le tribune ed accessibili dai corpi scala.
Strutturalmente i corpi A, B, C sono realizzati con: fondazioni su travi rovesce, telai in c.a. e solai latero-cementizi gettati in opera. Il corpo D è realizzato con: fondazioni su travi rovesce, telai in carpenteria metallica e solai in lamiera gregata con soletta di completamento in c.a. gettato in opera. Il corpo E è realizzato con: fondazioni su travi rovesce, telai in c.a. gettato in opera con la sola esclusione della copertura, travi di copertura tipo API 145/50 e tegoli TT H40 B9 in c.a.p. con soletta di completamento in c.a. gettato in opera;
I corpi F sono realizzati con: fondazioni su travi rovesce, telai in c.a. e solai latero-cementizi gettati in opera. Il corpo G è realizzato con: fondazioni su travi rovesce, telai in c.a. gettato in opera con la sola esclusione della copertura, solai per spalti del tipo latero-cementizio gettato in opera, travi di copertura in legno lamellare.

0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Progettista : Ing. Giovanni Giugliano La presente relazione è illustrativa del progetto definitivo per la realizzazione di un edificio da destinare a Liceo Scientifico in Terzigno, Provincia di Napoli.Le aree oggetto dell'intervento sono state individuate dall'Amministrazione Comunale di Terzigno con D.C.C. e comunicate all'Ente Provincia: sono riportate nella sezione Censuaria del Comune al foglio n° 4 particelle 791 per una superficie di circa mq. 9.000. Il Comune di Terzigno è dotato di...

    Project details
    • Year 2008
    • Status Unrealised proposals
    • Type Schools/Institutes
    Archilovers On Instagram