NUOVA BIBLIOTECA COMUNALE A BRIOSCO - Concorso di idee - Progetto partecipante

Biblioteca comunale con parco giochi a Briosco - con Arch. Carmelo Lo Curto e Arch. Marco Lo Curto Briosco / Italy / 2014

1
1 Love 2,456 Visits Published

RELAZIONE ILLUSTRATIVA TECNICA


 



Premessa


Il progetto per  la nuova biblioteca di Briosco, che organizza le sue funzioni in stretta simbiosi con il parco giochi esistente, vuole essere un’occasione per creare  nuovi spazi  di aggregazione, da utilizzare in maniera differenziata, in un ambiente confortevole dove trascorrere piacevolmente qualche ora, magari conversando, sfogliando un libro, una rivista, un quotidiano: un nuovo e diverso polo di attrazione in grado di avvicinare gruppi di giovani e meno giovani alla lettura e a tutte quelle attività ad essa legate.


Le scelte progettuali sono orientate da una concezione della biblioteca intesa come un servizio essenziale finalizzato ad un  possibile e  significativo sviluppo della politica culturale della città che ha lo scopo di incentivare diverse iniziative quali: attività teatrali, mostre d’arte, concorsi fotografici, concerti, attività didattiche di vario genere che possano coinvolgere un numero considerevole di persone, in particolare giovani di diverse fasce d’età.  Il progetto dunque, data la particolarità del sito,  propone una biblioteca non  intesa in senso tradizionale, in quanto luogo destinato a pochi studiosi e tradizionalmente scarsamente frequentato, bensì come luogo d’incontro e di socializzazione per tutte le fasce d’età, centro di promozione e produzione di attività culturali e non solo, in grado di soddisfare  e di stimolare interessi di ampie categorie di utenti.  


Il progetto pertanto, in vista anche di un possibile potenziamento delle dotazioni librarie rispetto a quelle indicate dal bando, viene concepito sostanzialmente in relazione ad alcuni possibili obiettivi da realizzare qui di seguito riportati:


 



Obiettivi della biblioteca.


- Aggiornamento continuo e potenziamento delle raccolte, nei suoi vari supporti: libri, periodici e quotidiani, foto, CD musicali, DVD, banche dati ecc., per offrire all’utenza un’ampia scelta di materiale documentario da utilizzare sul posto o da prendere in prestito o ancora da distribuire in altri modi (ad esempio un bibliobus o punti di prestito sparsi nel territorio);


 - possibilità di accedere velocemente alle informazioni attraverso un sistema informatico basato su un software compatibile col Sistema Bibliotecario Nazionale che sarà ad esso collegato; sistema informatico che permetterebbe anche le consultazione dei cataloghi e la navigazione in Internet da parte degli utenti, attraverso delle postazioni ad essi riservate;


- possibilità, di conseguenza, di accedere al patrimonio librario e documentario di altre biblioteche, consultabili on-line, attraverso il prestito interbibliotecario; 


- assegnazione adeguata di personale (sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo) per lo svolgimento delle mansioni proprie del servizio bibliotecario: oltre al direttore, gli assistenti di biblioteca [cat. C] e i distributori/addetti al prestito [cat. B]; 


- qualificazione, formazione e aggiornamento di tutto il personale assegnato alla biblioteca, per assicurare all' utenza adeguate forme di assistenze e consulenza, da attuare periodicamente attraverso dei corsi realizzati da società specializzate in questo settore;


- attività di promozione della lettura per tutte le fasce di età, quali mostre, dibattiti, presentazione di libri, letture animate, laboratori del libro, laboratori di scrittura, tornei di lettura ecc., 


- definizione dei ruolo della biblioteca all’interno delle agenzie culturali del territorio quale centro di propulsione e coordinamento delle iniziative culturali, attraverso una programmazione congiunta per la realizzazione di progetti culturali mirati che vedrebbe da una lato la sinergia fra i diversi gruppi e dall'altro la valorizzazione delle loro peculiarità. Importante, altresì, la complementarietà tra la biblioteca comunale e le biblioteche scolastiche, attraverso    una precisa    suddivisione dei compiti la diversificazione e l'integrazione dei patrimoni; 


- creazione di un “Sistema bibliotecario intercomunale" che favorirebbe la circolazione, fra le biblioteche dei comuni aderenti, del materiale librario e documentario di ognuna di esse, con notevoli vantaggi per tutti gli utenti dei comuni limitrofi che vedrebbero moltiplicato il patrimonio a disposizione; si potrebbe arrivare anche all'acquisto coordinato dei libri e alla programmazione congiunta di alcune iniziative; facile accessibilità alle raccolte, attraverso accesso libero e gratuito, circolazione interna senza barriere né fisiche né psicologiche, orari ampi di apertura.


 



La biblioteca in relazione al parco giochi


Si accede alla biblioteca  dal parco giochi; i due ingressi esterni, a Nord sulla via G. Carducci e ad Ovest sulla via Leonardo da Vinci, mantengono la stessa posizione. 


L’edificio della biblioteca, la cui cubatura sarà per tre quarti totalmente interrata,  non modificherà sostanzialmente  l’orografia  del parco che manterrà pressoché  la sua conformazione  originaria; le modifiche più significative del sito consistono nella realizzazione dell’unico corpo emergente fuori terra della biblioteca a monte del parco e la creazione di uno spazio ipogeo a corte, a cielo aperto, che si sviluppa longitudinalmente a ridosso dell’esistente muro di contenimento sul lato Est dell’area d’intervento.


Una serie di vialetti danno accesso alle varie aree del giardino e alla biblioteca, essi  sono disposti lungo il perimetro dell’area di progetto per consentire una migliore  fruizione del giardino pubblico e del parco giochi per bambini. 


 All’interno del parco, solo  a titolo esemplificativo, sono stati collocati una serie di elementi di arredo e istallazioni artistiche (sedili e sculture colorati, alberi-gioco ecc.). 


Lo stemma degli alpini viene ricollocato sul piano erboso della scarpata tra la Baita e l’ingresso alla corte ipogea dal parco (vedi prospetto da via Leonardo da Vinci Tav 3).


Là dove si rendesse necessario la rimozione di alcuni alberi, si provvederà a mettere a dimore nuove piante ad alto fusto in un’altra posizione del parco.  


  


L’edificio della biblioteca e le sue le funzioni 


L’edificio della biblioteca è costituito da due corpi di diverse dimensioni organizzati su due livelli, per una superficie lorda complessiva di mq. 412,50.


- Il corpo del primo livello, che dà accesso alla biblioteca, è fuori terra e sviluppa una superficie di mq. 108,00 e una cubatura di mc.464,40, in esso sono collocati l’ingresso-accettazione, l’emeroteca, la direzione e il sistema dei collegamenti verticali; 


- il corpo  del secondo livello più grande, dove sono collocati tutti gli ambienti destinati alla biblioteca vera e propria, è posto ad una quota inferiore rispetto al primo e  sviluppa longitudinalmente per una superficie di mq. 304,50 e una cubatura di mc.1.370,00, esso comprende: una sala multimediale con almeno 8 postazioni; le sale di lettura organizzate in modo da dare all’utente la possibilità di consultare e di accedere  direttamente ai libri, senza alcun ostacolo o “barriera psicologica”; una sala lettura per ragazzi specializzata in libri per l’infanzia, capace di ospitare anche gruppi di scolaresche ed essere utilizzata per attività didattiche quali per esempio: laboratori del libro, laboratori di scrittura, tornei di lettura ecc… quest’ultima sala, date le sue dimensioni, può essere utilizzata come spazio espositivo o come sala civica capace di ospitare circa 80 persone; infine il deposito-archivio e i servizi igienici. 


Una lunga parete vetrata mette in relazione gli spazi interni del livello ipogeo con una corte-giardino a cielo aperto,  anch’essa ipogea, estensione delle sale di lettura della biblioteca.


Dall’esterno del parco giochi è possibile accedere alla biblioteca  attraverso un’ampia scalinata  o percorrendo un passaggio di collegamento coperto.


 



Gli arredi della biblioteca


In considerazione del fatto che la biblioteca è collocata all’interno di un parco giochi per bambini, le scelte progettuali, per la configurazione degli spazi interni e degli arredi nonché degli spazi esterni, saranno orientate e mirate a realizzare ambienti particolarmente gradevoli e accoglienti al fine di restituire all’utente un’immagine della biblioteca non austera ma piuttosto  divertente e giocosa; in particolare l’uso del legno nelle varie essenze e dei colori, utilizzati sia esternamente che all’interno, vuole essere una nota dominante per contribuire a creare tale tipo di  un’atmosfera.  Parte degli arredi della biblioteca, in particolare il sistema delle scaffalature a parete saranno realizzati in legno (si auspica che per la loro esecuzione la scelta possa ricadere all’interno degli operatori dell’artigianato locale); la restante parte degli a arredi (sedie, lampade ecc…)  sarà individuata nell’ambito della produzione industriale più significativa del design moderno e contemporaneo, gli infissi della vetrata saranno in alluminio elettro-colorato in diverse tonalità di colori, così come le pareti interne degli spazi connettivi.


 



Gli impianti tecnologici


Gli impianti della biblioteca saranno adeguati secondo il Piano di Efficienza Energetica della Commissione Europea e la Direttiva sull’Efficienza Energetica degli Edifici  che stabilisce che  dal 2019 in poi tutti gli edifici pubblici di nuova costruzione dovranno attestarsi su un livello prestazionale di “energia quasi zero”.


Gli standard di costruzione della biblioteca saranno adeguati a quelli delle così dette "Case Passive”: edifici che assicurano condizioni di comfort al proprio interno durante il periodo invernale ed estivo senza la necessità di disporre di un sistema di riscaldamento o raffreddamento convenzionale, riducendo al minimo la richiesta energetica.


 



Gli impianti tecnologici  di riscaldamento e di raffrescamento


Si prevede la realizzazione di un impianto di riscaldamento e raffrescamento con pannelli radianti a pavimento di tipo centralizzato con circolazione di acqua a bassa temperatura  con generatori a pompa di calore.
L’impianto verrà utilizzato per il riscaldamento degli ambienti, il sistema è inoltre idoneo alla produzione dell’acqua refrigerata per il raffrescamento nel periodo estivo, permettendo in tal modo la climatizzazione nell’intero arco dell’anno con un unico impianto. In ogni ambiente, per il solo regime estivo, si prevede l’installazione di deumidificatori autonomi.


Per soddisfare la richiesta di energia termica estiva e invernale è prevista l’installazione di un sistema a pompa di calore, alimentata da sonde geotermiche che utilizzano come fonte primaria di energia termica l’acqua di falda in conformità ai  parametri di legge. L’alloggiamento è previsto nella centrale tecnologica, apposito locale ad uso esclusivo ricavato al piano interrato con accesso esterno dalla corte ipogea.



Materiali, coibentazione e rivestimenti, strutture


Coerentemente al tipo di impianto sopra indicato si prevede un adeguato sistema di impermeabilizzazione e coibentazione termica dei muri controterra, di quelli fuori terra e dei solai di copertura, nel rispetto delle norme e leggi vigenti; in particolare il corpo fuori terra è interamente rivestito in legno, all’esterno con listelli di Larice e all’interno  con assi in legno lamellare e pannelli in legno di faggio, materiali  dalle caratteristiche prestazionali compatibili con l’ambiente ed il risparmio energetico. 


Il corpo emergente, denunciando in modo esplicito la sua struttura si pone eccezionalmente nel contesto come unico elemento riconoscibile dell’edificio biblioteca: una “scatola” staccata dal  suolo di 65 centimetri, rivestita da semplici listelli in legno, un involucro in cui sono state casualmente eliminate alcune porzioni delle tavole per ricavare delle prese di luce protette da pannelli di Perspex.


Tutti i vetri dei serramenti esterni sono realizzati in vetro basso emissivo da mm.4 in doppio o triplo strato con interposta camera d'aria o con gas in modo tale da garantire una adeguata trasmittanza termica del complesso vetro telaio, gli infissi sono a taglio termico tra interno ed esterno. 


La struttura della Biblioteca è prevista ad elementi portanti in acciaio, posti ad interasse principale di mt 6.00.


Per l’edificio del corpo fuori terra è prevista una struttura  in acciaio e copertura leggera con pannelli sandwich costituiti da due lamiere zincate 10/10 con interposto strato isolante in resine poliuretaniche. 


Per la parte ipogea dell’edificio sono previsti muri di contenimento in calcestruzzo armato provvisti di opportuni  sistemi di drenaggio e di isolamento; il solaio di copertura è realizzato con una struttura mista in calcestruzzo e lamiera grecata zincata, provvisto di un opportuno sistema di impermeabilizzazione costituito da un manto antiradice, tessuto non tessuto e adeguato drenaggio,  ciò al fine di contenere  il sovrastante terreno vegetale; i montanti della struttura andranno ancorati con piastre e tirafondi alla fondazione prevista con piastra nervata in c.a. incassata nel terreno, tale  sistema consente di ripartire i superiori carichi della struttura su una ampia superficie, riducendo in misura significativa la pressione massima d’esercizio sul sottostante terreno. 


 

1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    RELAZIONE ILLUSTRATIVA TECNICA   Premessa Il progetto per  la nuova biblioteca di Briosco, che organizza le sue funzioni in stretta simbiosi con il parco giochi esistente, vuole essere un’occasione per creare  nuovi spazi  di aggregazione, da utilizzare in maniera differenziata, in un ambiente confortevole dove trascorrere piacevolmente qualche ora, magari conversando, sfogliando un libro, una rivista, un quotidiano: un nuovo e diverso polo di attrazione in grado di...

    Project details
    • Year 2014
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Urban Furniture / multi-purpose civic centres / Libraries / Urban Renewal
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users