zaza(us)

single family house Milan / Italy / 2010

32
32 Love 6,715 Visits Published

Da bambini, a casa dei nonni, si costruivano mondi senza confini, giocando da soli, di nascosto dai grandi, rannicchiati dentro un vecchio armadio a muro, o pancia a terra sotto un letto altissimo,
Tra scatole di cartone e oggetti misteriosi, sorgevano palazzi, castelli, scalinate, immensi saloni e altissime mura dove i nostri due soldatini di latta si sfidavano a duello per portare al ballo una delle due bambole di pezza: e poi era bello inventare qualcosa di nuovo per i due perdenti, (normalmente: lui rinchiuso nella torre, lei lo fa fuggire)


Venti o trenta anni dopo, diventati grandi, ci si ritrova con la propria principessa imprigionati in unità abitative standard, due piani, quattro vani, sei finestre, ottanta metri di stanze piccole, soffitti bassi e la presa tv tra l’angolo cottura e il divano a elle, a questo punto, con incoscienza infantile l’architetto-bambino Roberto Zanoletti ha pensato: se da bambino riuscivo a trasformare un armadio in un castello, posso benissimo da architetto trasformare una casa in un armadio, con scompartimenti aperti, che contengono interi mondi.


Dalla tipologia residenziale più diffusa, due piani in batteria, nasce l’open space verticale, strutturato come un armadio-baule, con tre scomparti, occupati da tre scatole e altrettanti spazi vuoti. Nello scomparto inferiore: scatola-cucina e spazio-ricettivo. Nello scomparto centrale: scatola-bagno e spazio riflessivo.
Nello scomparto top: scatola-letto e spazio-formativo.


Zaza(us), sotto una maschera minimalista-funzionalista, rivela una vocazione massimalista e onirica, e rivendica l’esigenza fantastica della vita privata, la scala a chiocciola è il nervo concettuale, il cordone ombelicale, è “la scintilla che mondi possa aprirti”, è il “facciamo che”, è un passaggio magico dagli angusti confini della realtà agli orizzonti infiniti dell’immaginazione: pochi gradini, e sei altrove, ti ritrovi sulla scaletta tra il ponte passeggiata e il castello di poppa, sulla tolda di un transatlantico, in oceano mare, sogno infantile di un mondo perfetto, bianco, amniotico, e finalmente, lì, in questo pensatoio-ballatoio a mezza scala, piccolo spazio apparentemente inutile, capisci quel che si faceva da bambini, nascosti da qualche parte, senza tv né internet: si faceva navigazione d’interni.


La lezione è semplice e importante: in una piccola casa, la funzione più grande è la capacità di accogliere la vita interiore, lasciando vuoto tutto lo “spazio risparmiato”: è lì, in questo vano-invano, che andrà subito a giocare il bambino che hai dentro, e anche il bambino che hai fuori, nell’orto, lasciato dalla cicogna sotto un cavolo.
(Leone Belotti)

32 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    Da bambini, a casa dei nonni, si costruivano mondi senza confini, giocando da soli, di nascosto dai grandi, rannicchiati dentro un vecchio armadio a muro, o pancia a terra sotto un letto altissimo,Tra scatole di cartone e oggetti misteriosi, sorgevano palazzi, castelli, scalinate, immensi saloni e altissime mura dove i nostri due soldatini di latta si sfidavano a duello per portare al ballo una delle due bambole di pezza: e poi era bello inventare qualcosa di nuovo per i due perdenti,...

    Project details
    • Year 2010
    • Work started in 2010
    • Work finished in 2010
    • Status Completed works
    • Type Single-family residence / Interior Design / Custom Furniture / Product design
    Archilovers On Instagram
    Lovers 32 users