PIAZZA DELLA SCALA - Progetto partecipante al concorso di idee

Piazza della Scala luogo memorabile e fisiologica prosecuzione della Galleria Vitt. Emanuele Milan / Italy / 2015

5
5 Love 1,287 Visits Published

Il progetto esprime l’idea di non affidare la riqualificazione - rivitalizzazione di Piazza della Scala, il cui valore storico-monumentale è oramai consolidato, ad un semplice sistema di arredo urbano quali pavimentazioni, aiuole, corpi illuminanti e quant’altro…(in passato operazioni di questo tipo non sono stati risolutivi in tal senso) ma piuttosto ad un intervento che possa contribuire a rendere la Piazza Scala un luogo memorabile, di forte impatto visivo, un luogo con una fruizione più vitale, che sia la logica conclusione di un percorso urbano che parte da Piazza Duomo attraversando la Galleria V. Emanuele. La piazza del Teatro alla scala di Milano, gli edifici che la compongono, il tessuto urbano che l'ha determinata, poggiano le loro fondamenta fisiche su un luogo ricco di storia sedimentata le cui tracce appartenendo allaimmaterialità della memoria; fili sottili da riammagliare, relazioni tra luoghi prossimi ed altri distanti: l'icona della Madonna della traslata nella chiesa di San Fedele, il sedime della strada su cui s'affacciava in origine il teatro, il rapporto assiale col Duomo e la sua piazza attraverso il cannocchiale della galleria, il segno circolare lasciato da Beltrami nel mezzo della piazza che segna il "centro" del vasto cerchio della città contemporanea.
La soluzione proposta consiste nella realizzazione di una grande COPERTURA, una struttura in acciaio ad intelaiatura reticolare spaziale, che intende interpretare la classicità dell’architettura della piazza ma in una chiave “moderna” e più legata alla contemporaneità: una leggera membratura sorretta da esili pilastri dove poter sostare per cogliere il senso unitario della piazza e delle architetture che la definiscono, per divenire luogo della rappresentazione di eventi urbani
di varia natura, essa copre gran parte della piazza lasciando liberi gli ambiti viari sui fronti degli edifici esistenti. E’ stato eliminato il centro apparente costituito dalla presenza della scultura dedicata a Leonardo da Vinci (forse solo simbolico che reale), insieme alle aiuole, gli alberi, le panchine, per dare luogo ad una nuova e diversa centralità.
L’intradosso della copertura, costituito da superfici a piani inclinati, è pensato come un grande caleidoscopio che si illumina di notte e che di giorno “illumina la luce del giorno”, modulando le ombre che la luce naturale diurna produrrà all’interno della piazza.
I pilastri in acciaio, disposti apparentemente in modo casuale, si sviluppano per circa 25 metri, un’altezza tale da non alterare la percezione dei fronti architettonici degli edifici della piazza, lasciando ampi squarci di cielo tra i bordi perimetrali della copertura sempre paralleli alle sommità delle cornici degli edifici esistenti; le superfici dei pilastri percorsi da una luce discreta si coloreranno di notte.
I bordi perimetrali della copertura saranno inclinati per consentire, da alcuni particolari punti di vista, di riflettere frammenti dello Skyline milanese.
Il piano della piazza su cui poggia la nostra installazione avrà un semplice ordito di pietra su due direzioni che corre parallelamente al fronte del Teatro alla Scala. Uno specchio d’acqua circolare, memoria storica degli interventi precedenti, darà luogo ad una percezione inedita di riflessi sulla
piazza sia della installazione che dei fronti esistenti; in alcune occasioni, interrompendo il flusso dell’acqua esso può divenire un piccolo podio ove inscenare perfomance di vario genere e tipo (musica, drammatizzazioni ecc..)
Il monumento dedicato a Leonardo da Vinci troverà collocazione nell’attuale spazio di Largo Ghiringhelli adiacente al teatro in prossimità di via Filodrammatici.
Strutture, impianti e finiture
La struttura di copertura è costituita da una intelaiatura reticolare spaziale, con pilastri in acciaio pre-tesati e tirantati, incamiciati da carter in acciaio inox; la fondazione sarà costituita da una piastra di modesto spessore al fine di non interferire con eventuali problematiche relative al sottosuolo.
I sistemi illuminanti a Led saranno alimentati in autoproduzione; elementi fotovoltaici di ultima
generazione troveranno collocazione nell’estradosso della copertura.
Il sistema degli impianti superficiali esistenti verrà quanto più possibile utilizzato: lo smaltimento delle acque meteoriche sarà convogliato alla rete di smaltimento cittadina attraverso 4 pluviali; lo specchio d’acqua sarà approvvigionato dalla rete idrica esistente; il depuratore e la pompa saranno alloggiati in un vano nella seduta a corona circolare.
I materiali delle strutture saranno in acciaio, acciaio inox, rame e materiali riflettenti (pilastri
e copertura). Le pavimentazioni saranno realizzate con materiale lapideo della tradizione locale di provenienza diversa, trattati a filo di sega, levigati e/o bocciardati; verranno riutilizzate le pavimentazioni dismesse.

5 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Il progetto esprime l’idea di non affidare la riqualificazione - rivitalizzazione di Piazza della Scala, il cui valore storico-monumentale è oramai consolidato, ad un semplice sistema di arredo urbano quali pavimentazioni, aiuole, corpi illuminanti e quant’altro…(in passato operazioni di questo tipo non sono stati risolutivi in tal senso) ma piuttosto ad un intervento che possa contribuire a rendere la Piazza Scala un luogo memorabile, di forte impatto visivo, un luogo...

    Project details
    • Year 2015
    • Status Competition works
    • Type Public Squares / Urban Furniture / Restoration of old town centres / Urban Renewal / Monuments / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Restoration of Works of Art
    Archilovers On Instagram
    Lovers 5 users