Punta della Dogana Contemporary Art Centre

François Pinault Foundation Venice / Italy / 2009

156
156 Love 25,015 Visits Published
L’edificio di Punta della Dogana è caratterizzato da una struttura semplice e razionale. Il volume crea un triangolo, diretto riferimento alla forma della punta dell’isola di Dorsoduro, mentre gli interni sono ripartiti in lunghi rettangoli, con una serie di pareti parallele. Con profondo rispetto per questo edificio emblematico, tutte le partizioni aggiunte nel corso delle ristrutturazioni precedenti sono state diligentemente rimosse, al fine di ripristinare le forme originali della primissima costruzione. Riportando alla luce le pareti in mattoni e le capriate, lo spazio ritrova la propria energia e rimanda alle antiche usanze marinare. Al centro dell’edificio, uno spazio quadrato occupa due navate, conseguentemente a una ristrutturazione precedente. In via eccezionale, abbiamo mantenuto questa struttura, in cui è stata inserita una “scatola di calcestruzzo” che trasforma considerevolmente lo spazio. Grazie all’incontro e alla giustapposizione di elementi antichi e nuovi, l’edificio sa riunire il passato, il presente e il futuro. Il nostro approccio di base alla ristrutturazione esterna dell’edificio ha previsto inoltre un attento recupero delle facciate originali, fatte salve le aperture, che sono state completamente sostituite. Il design delle nuove porte e finestre, nonostante la modernità degli elementi in acciaio e in vetro, attinge di fatto all’artigianato veneziano tradizionale. Nella fase iniziale del progetto ho pensato di costruire, accanto all’ingresso su Campo della Salute, una coppia di colonne di cemento che simboleggiassero il dialogo tra Storia e Futuro. Nonostante la proposta abbia sollevato un dibattito inaspettatamente ampio tra la popolazione della città di Venezia, intendevo realizzarle come monumento che avrebbe annunciato la rinascita del luogo in cui sorgevano. Nel corso della progettazione tuttavia è emerso che una parte delle linee tecniche di comunicazione e di servizi della città è interrata della città sono interrate nel sito in cui sarebbero state costruite le colonne e alla fine ho dovuto rinunciare alla mia idea. I progetti di restauro di architetture storiche raramente procedono secondo i programmi stabiliti in fase iniziale. Le difficoltà e i vincoli che emergono in corso d’opera sono innumerevoli. Credo tuttavia che questo confronto, questo dialogo tra Vecchio e Nuovo, rappresenterà nell’immediato futuro una forza trainante che determinerà il futuro della città. Da parte mia, sono fermamente deciso a trattare di questo tema per tutta la mia carriera di architetto. Located at the tip of the island of Dorsoduro along the Grand Canal, the aim of this project was to transform the 15th-century Dogana di Mare into a museum for contemporary art. The Punta della Dogana has a clearly-defined composition consisting of a series of parallel walls that segment the existing building’s triangular plan. In respect of the existing structure, the numerous partition walls that were added over the years through repeated renovations were removed to restore the building to its original form. The exposed brick walls and woodwork of the roof give strength to the recovered spaces and also trigger memories from the days when the building functioned as a busy Custom’s House. The concrete box that was inserted into the center of the composition creates a space that initiates a dialogue between the old and new.
156 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    L’edificio di Punta della Dogana è caratterizzato da una struttura semplice e razionale. Il volume crea un triangolo, diretto riferimento alla forma della punta dell’isola di Dorsoduro, mentre gli interni sono ripartiti in lunghi rettangoli, con una serie di pareti parallele. Con profondo rispetto per questo edificio emblematico, tutte le partizioni aggiunte nel corso delle ristrutturazioni precedenti sono state diligentemente rimosse, al fine di ripristinare le forme originali della primissima...

    Project details
    • Year 2009
    • Work started in 2007
    • Work finished in 2009
    • Client Palazzo Grassi Spa
    • Status Completed works
    • Type Museums / Art Galleries
    • Websitehttp://www.palazzograssi.it
    Archilovers On Instagram
    Lovers 156 users