Holy See Pavilion at Expo Milano 2015

Not by Bread Alone. At the Lord's Table with all Mankind Milan / Italy / 2015

13
13 Love 4,684 Visits Published

The Concept

"Not by bread alone does man live, but by every word that proceeds from the mouth of God." From this first sentence of the Gospel, is a message that the Holy See wishes to send out during its participation at Expo Milano 2015.

Food is a primary value for mankind, forever the subject of rituals, symbols, stories, calendars and rules, and also a tool for understanding one’s identity and building relationships with the world, the Creation, time and history.

The Holy See aims to focus visitors' attention on the strong symbolic relevance of feeding, and on its potential for anthropological development. Its potential is deeply social and collective, yet unfortunately, is often interpreted negatively as a reprimand for neglect and injustice.

Food is therefore not only portrayed as nourishment of the body, but as a gesture of nurturing, a meal and a convivium: a moment of encounter and communion, education and growth. This sharply contrasts with the "culture of waste," which increasingly influences today’s society, fuelling the terrible hardships of injustice and poverty.

Through its pavilion, spread over a total area of ​​747 square meters, the Holy See looks to offer its visitors a space for reflection on issues that persist today, related to food and access to food. Such issues highlight how the anthropological act of offering food is at the heart of both Christian experience, and the cultural and spiritual thinking it has generated within our history.


[IT]


Il padiglione della Santa Sede è situato in posizione centrale, spiegano gli architetti dello studio milanese Quattroassociati che lo hanno progettato: «Ci piace immaginarlo come il punto fermo attorno a cui ruotano le aree espositive delle altre nazioni. Circondati da padiglioni che intendono il nutrimento come elemento commerciale, fisico o al massimo culturale, ci siamo trovati davanti alla sfida di progettarne uno in cui la valenza fosse spirituale».


Con la cautela di non renderlo simile a una chiesa: non si tratta della cappella dell’Expo. E infatti mancano del tutto, sulle pareti esterne, elementi esplicitamente cristiani. Il messaggio è affidato a scritte leggere e sottili, in acciaio, poste sulla facciata e sulle pareti esterne con le parole “non di solo pane” e “dacci oggi il nostro pane”, tradotte in 13 lingue.
Nelle intenzioni della Santa Sede le lettere devono sembrare come piovute dal cielo: una richiesta concretizzata mediante la finezza del materiale e dal fatto che «sarà l’ombra proiettata a consentire la lettura, più che l’acciaio», precisano gli architetti.
Ciò è permesso da una particolare inclinazione delle pareti, realizzata come se l’interno del padiglione avesse attirato a sé, modellandolo, l’esterno. «Trae ispirazione – spiegano gli architetti - dall’architettura conventuale, dal chiostro. Se ne intuisce la forma dalla parete Nord, modellata da due sezioni di arcata, a tutto sesto e a sesto acuto, dalle quali emerge, come da una spaccatura della roccia, la vegetazione che cresce sul tetto».


Una parola d’ordine della progettazione è stata “sobrietà”: il padiglione della Santa Sede è uno dei più piccoli tra quelli presenti ad Expo: la base è di 15 per 25 metri, alta 15. «Sobrietà non significa banalità strutturale – precisa lo studio –, ma rispetto del terreno, utilizzo di materiali semplici e poveri in senso positivo».


L’aspetto complessivo è quello di un blocco costituito da un unico materiale. «Quasi come fosse una pietra», aggiungono. Alla cui soglia, elemento caratteristico, si trova una enorme vela gialla in tessuto che maschera l’ingresso, colora la luce e contribuisce a rendere la facciata simile alla bandiera Vaticana.

13 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    The Concept "Not by bread alone does man live, but by every word that proceeds from the mouth of God." From this first sentence of the Gospel, is a message that the Holy See wishes to send out during its participation at Expo Milano 2015. Food is a primary value for mankind, forever the subject of rituals, symbols, stories, calendars and rules, and also a tool for understanding one’s identity and building relationships with the world, the Creation, time and history. The Holy See aims to...

    Project details
    • Year 2015
    • Work finished in 2015
    • Client Pontificio Consiglio della Cultura, Conferenza Episcopale Italiana, Arcidiocesi di Milano
    • Status Completed works
    • Type Pavilions
    Archilovers On Instagram
    Lovers 13 users