Sun House

Menzione d'onore al ''20+ 10+ X World Architecture Community Award 2008 -1st Cycle'' Daejeon / South Korea / 2007

1
1 Love 2,474 Visits Published
Il sole regola la nostra vita, in tutto ciò che facciamo, giorno dopo giorno, stagione dopo stagione, è in definitiva l’essenza stessa della vita e della nostra esistenza come individui. Ma allora, perché non pensare ad una casa che si basi sulla variazione di irraggiamento nei vari locali dell’alloggio? L’abitante potrebbe cambiare configurazione della casa in qualsiasi momento lo desideri, magari nell’alternanza delle stagioni, o semplicemente per gioco.

Il bambino potrebbe creare la spazialità della propria camera, re-inventarsi il luogo da cui partire per le proprie fantasie, spostando le pareti ed i mobili che la compongono. Il sistema per ottenere questo risultato consiste nel riportare lo spazio della casa ad una essenzialità, spesso dimenticata nel vortice del vivere contemporaneo, costringendo i componenti della famiglia a “ideare” la loro casa ed i loro “spazi”.

Come? Portando all’esterno dell’alloggio i mobili, tanto da diventare essi stessi elementi di facciata all’interno di volumi vetrati aggettanti, fatti appositamente per contenere divani, letti, sedie, armadi, ecc., tutti forniti di ruote e rigorosamente di serie. I mobili “scompaiono” dall’alloggio in modo da massimizzare l’area vivibile dell’abitazione. L’arredamento diventa in tal modo non solo parte integrante degli interni, ma anche dell’esterno, capace di “liberare” lo spazio interno e dare la possibilità ad ogni famiglia di cambiare la propria casa per l’estate o per l’inverno, più o meno esposta al sole a seconda delle preferenze personali.

Per fornire questa opportunità lo spazio si presenta neutro e simmetrico nello sviluppo interno, caratterizzato da un vano circolare centrale (“core”) nel quale si trovano le scale di risalita tra piano e piano e l’ascensore. Oltre a questo elemento, sono presenti quattro pareti con doppie ante scorrevoli che ruotano attorno a due pilastri centrali, e che nel loro “girare” seguono il sole nel suo divenire e le necessità della famiglia nel tempo. Il blocchi cucina e bagno, sono disposti simmetricamente su lati opposti in zone di passaggio tra ambiti diversi, divenendo elementi di mediazione con la terrazza esterna in doghe di legno.

Anche le risorse naturali dunque fanno parte di una strategia rivolta verso una sostenibilità reale, e in quest’ottica, l’acqua ed il sole, sono parte integrante dell’edificio. Ogni appartamento infatti, è dotato di due facciate con pannelli fotovoltaici integrati capaci di produrre energia elettrica in quantità tale da renderlo autosufficiente. L’edificio nel suo complesso e provvisto di un collettore d’acqua piovana nel “core”, accumulata in una vasca ed in un serbatoio alla base della torre, sempre nell’ottica di una autosufficienza di risorse ambientali.

L’edificio si presenta come una serie di moduli prefabbricati sovrapposti, dove il nocciolo centrale costituisce anche l’elemento portante del fabbricato. L’assemblaggio dei moduli uno sull’altro avviene tramite gru o elicottero, riducendone la cantierizzazione. Il risultato finale è simile ad un “fiore” orientato verso il sole.
1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il sole regola la nostra vita, in tutto ciò che facciamo, giorno dopo giorno, stagione dopo stagione, è in definitiva l’essenza stessa della vita e della nostra esistenza come individui. Ma allora, perché non pensare ad una casa che si basi sulla variazione di irraggiamento nei vari locali dell’alloggio? L’abitante potrebbe cambiare configurazione della casa in qualsiasi momento lo desideri, magari nell’alternanza delle stagioni, o semplicemente per gioco. Il bambino potrebbe creare la...

    Project details
    • Year 2007
    • Client Daejeon Metropolitan City and Korea Land Corporation
    • Status Unrealised proposals
    • Type Tower blocks/Skyscrapers
    • Websitehttp://www.donner-sorcinelli.it
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users