Architettura d'Ingresso

progetto finalista concorso internazionale Milan / Italy / 2014

2
2 Love 967 Visits Published

Titolo progetto: CasaScarpa


Il tema dell’ingresso costituisce in architettura una invariante, un tema precipuo che investe specifici significati simbolici e spaziali. Lo spazio di ingresso si identifica come architettura,nel momento in cui connota la condizione del “passaggio”, dall’esterno all’interno, da una stanza ad un’altra, luogo della transizione tra “atmosfere” diverse.
Nel progetto, intitolato “Casa Scarpa” a memoria della città di Venezia e della figura dell’architetto veneziano Carlo Scarpa, la porta è un diaframma utile a regolare il “passaggio. E’ narrazione architettonica del varcare luoghi diversi, che finisce per coinvolgere la materialità di cui si compone, è allo stesso tempo spazio ed esperienza sensoriale.
Il progetto mira innanzitutto a restituire una definizione dell’integrazione tra architettura e spazio d’ingresso, per delineare una modalità di utilizzo delle porte Oikos.
Ciò che il progetto persegue è l’intento di mettere in contatto in maniera stabile materialità ed edificio, evitando quindi di predisporre materiali ed elementi nella loro autonomia , per traslarli in un gioco di connessioni e congiunzioni.
Il gioco linguistico che il progetto propone, si struttura sulla base di tre principi, considerati sinergici nella proposta di allestimento:
- L’architettura d’ingresso come luogo.
- Integrazione con l’architettura.
- Materialità come valore aggiunto.
L’idea alla base dell’allestimento Oikos prende forma componendo due volumi prismatici ,interrotti in sommità e una grande parete che li interseca , unificandoli dall’interno. Il registro linguistico ideato per l’allestimento è calibrato sulla dialettica tra i volumi muti dei prismi, trattati con intonaco bianco e la grande parete rivestita in teak naturale, la quale si incunea scavandoli e marcando la separazione tra spazio esterno ed interno. Questa modalità consente di ottenere in un'unica mossa uno spazio antistante l’ingresso e, al contempo, di organizzare lo spazio interno dell’allestimento, portando in tensione il rapporto tra volumi prismatici e la grande parete che ospita la porta d’ingresso principale.
In CasaScarpa “l’architettura d’ingresso” sul fronte principale, si configura come luogo attrezzato, luogo della sosta, dello stare in una condizione intermedia tra interno ed esterno, ibrida. La soglia in cemento lisciato che prosegue con la grande seduta addossata alla parete in teak, definisce un’area virtuale del passaggio, una condizione graduale dello spazio nella successione esterno/interno e viceversa. La soluzione della porta Synua raso-muro esterna con fianco-luce consente di integrare la parete ai volumi sovrastanti tramite una lama verticale vetrata a prosecuzione del fianco-luce blindato che illumina il vuoto della doppia altezza dell’interno.
I materiali utilizzati per CasaScarpa, convergono verso l’obiettivo di organizzare un involucro significante in cui l’uso dei materiali e delle finiture della porta d’ingresso, materializza un legame con i luoghi dell’esterno e dell’interno abitato, e della condizione del passaggio tra luoghi eterogeni. Lo spazio strutturato dell’ingresso e la materialità di cui è costituito si dissolvono in racconto.

2 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Titolo progetto: CasaScarpa Il tema dell’ingresso costituisce in architettura una invariante, un tema precipuo che investe specifici significati simbolici e spaziali. Lo spazio di ingresso si identifica come architettura,nel momento in cui connota la condizione del “passaggio”, dall’esterno all’interno, da una stanza ad un’altra, luogo della transizione tra “atmosfere” diverse.Nel progetto, intitolato “Casa Scarpa” a memoria della...

    Project details
    • Year 2014
    • Status Competition works
    • Type Apartments / Interior Design / Graphic Design
    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users