La Cjase dal len

Recupero storico ed ampliamento moderno della ex-falegnameria Marsilio Sutrio / Italy / 2013

2
2 Love 2,090 Visits Published

The construction project involves restoration to the most conservative of the complex of the former “Marsilio” sawmill and adjacent seventeenth-century mill with a conversion in their teaching museum functions, in order to maintain and ensure the relevant social and historical heritage, so that both surfaces that the structural members have been restored so as to recover the original texture, with particular attention to the conservation of wooden structures of the floors and roofs.
On the other hand however, consistent with functional conversion of the old factory, it was necessary to solve the problem related to the systems of mobility and distribution to the various floors of the complex and the relative placement of toilets and technological systems designed to make the whole old building habitable without distorting it formally and structurally .
So the obvious choice and less destructive has been to build, instead of the fake volume erected after World War II along the eastern front, a new wooden two-story volume in X -lam intended to accommodate the stairs, the elevator, the toilets and the various technical areas, concentrating in such a manner then these functions at the same time modern and invasive in one place, and thereby avoid distorting the typological and morphological characters of the other pre-existing artifacts .
Furthermore, in order to ensure a correct reading of the original body main historical architectural compared to the new one made to his exclusive service, the latter is physically distanced from the old one thanks to the interposition of a full height glazed space, all deliberately structured as a admittedly modern body, but at the same time integrated with the surrounding environment, thanks to a slightly curved shape and to a coating in wood boards of larch intended in time to assume a grayish patina, thus conforming externally to the coloring material of the pre-existing walls in stone, but at the same time resulting punctuated horizontally by aluminum string courses and vertically by colored plates randomly alternate.

[IT]
“La Cjase dal len” è situata a quota 600 m.s.l.m. nella regione alpina della Carnia e funge da ingresso di Sutrio (Udine), cittadina alle pendici del monte Zoncolan e al centro dell’Alta Valle del But. Grazie alla fiorente tradizione di maestri d’ascia e di abili artigiani del settore dei mobili l’abitato è definito il “Paese del legno” per antonomasia in Friuli. L’edificio per secoli è stato il fulcro di questo tipo di attività; architettonicamente è costituito da più corpi di diverse altezze sviluppatisi, dal XVII fino alla fine del secolo scorso, lungo l’asse Nord-Sud della roggia comunale e occupa un’area verde di circa un ettaro.



L’intervento consiste nel restauro del complesso -conosciuto in passato come “Ex segheria Marsilio” e comprendente l’attiguo mulino Seicentesco- ed una sua riconversione a polo didattico-museale a disposizione della cittadinanza. Tale destinazione è adatta a preservare la rilevante importanza storica-sociale del manufatto; a tal fine si è posto particolare attenzione al trattamento delle superfici e delle membrature strutturali in modo da recuperare la tessitura originaria e operando con un occhio di riguardo sulle strutture lignee dei solai e delle coperture.

Sono stati utilizzati solo isolanti naturali in fibra di legno, malte e betoncini di calce pura o con pozzolana, intonaci di calce applicarti su cannicciato, etc., nonché legname locale o in alternativa della vicina Austria, ma sempre certificato PEFC. L’impianto di riscaldamento è alimentato direttamente dalla rete comunale di teleriscaldamento a biomasse. È stato realizzato un impianto per il recupero dell’acqua piovana utilizzabile sia per l’alimentazione degli sciacquoni dei bagni che dall’impianto antincendio.

Permettere la effettiva riconversione funzionale del vecchio opificio e consentirne la piena fruibilità a tutti i tipi di utenza ha reso necessario un complesso sistema di deambulazione/distribuzione ai vari piani, rilevanti impianti tecnologici e numerosi servizi igienici.

Per soddisfare le prestazione tecniche richieste evitando di stravolgere formalmente e strutturalmente l’edificio la soluzione è stata quella di realizzare, al posto del precario magazzino del secondo dopoguerra, un volume ligneo a due piani in X-lam lungo il fronte Est, destinato ad ospitare scale, ascensori, servizi igienici e vani tecnici. Concentrando nel nuovo manufatto gran parte delle invasive strutture “moderne” si è evitato di utilizzare per tali fini i delicati spazi del complesso storico potendone conservare i caratteri tipologici e morfologici iniziali.
Il nuovo volume ligneo, pur essendo parte integrante del complesso, si discosta percettivamente dagli edifici antichi per la sua forma curva per garantire una corretta lettura storico architettonica; questa è resa più evidente dalla interposizione di uno spazio vetrato a tutta altezza che funge da cesura tra i due tipi di intervento.
La nuova struttura è morfologicamente e strutturalmente moderna ma al contempo integrata con il contesto grazie al rivestitimento esterno in tavole di larice che nel tempo assumerà la patina grigiastra tipica delle costruzioni della zona, con la sola eccezione dei profili “marcapiani” in alluminio e di alcune tavole lignee colorate.

Riconoscimenti:
Cubo d’Oro al CasaClima Awards 2014 (Bolzano, 2014)
Miglior CasaClima Friuli V.G. 2013 (Padova, 2013)
Concorso Griessier - Il Sole 24 Ore - 3°premio (Milano, 2013)

2 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    The construction project involves restoration to the most conservative of the complex of the former “Marsilio” sawmill and adjacent seventeenth-century mill with a conversion in their teaching museum functions, in order to maintain and ensure the relevant social and historical heritage, so that both surfaces that the structural members have been restored so as to recover the original texture, with particular attention to the conservation of wooden structures of the floors and...

    Project details
    • Year 2013
    • Work finished in 2013
    • Status Completed works
    • Type Multi-purpose Cultural Centres / Museums
    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users