Restauro e recupero funzionale "Villa Rosenda de Mari " ex Hotel Astoria

Albissola Marina /Italia /2010 Albissola Marina / Italy / 2010

4
4 Love 3,606 Visits Published

Villa De Mari- Puccio – “Villa ROSENDA” in Albissola Marina-Via Repetto via Brucciati PROGETTO DI RESTAURO E DI RISANAMENTO CONSERVATIVO



CENNI STORICI


Villa Rosenda De Mari è un antica residenza nobiliare che sorge tra la piana a ridosso dell’arenile e la collina soprastante.
Il corpo della Villa che attualmente ha un’area di pertinenza di circa 4000 mq. compare nelle planimetrie del XVIII secolo e sia lo stemma che compare sulla facciata sia la dicitura “De Mari” apposta su alcune antiche mappe ne attribuiscono l’originaria proprietà ai Marchesi De Mari.
La difficoltà di accesso all’Archivio De Mari e la difficoltà di ricostruire con certezza l’origine delle Ville Albisolesi ha costretto a ricostruire a ritroso l’origine dell’edificio attraverso lo studio dell’edificio stesso e dei particolari decorativi interni. Ad oggi si può ipotizzare, soprattutto attraverso le indagini diagnostiche preliminari e l’esame delle strutture emerse durante il corso dei lavori,che la villa sia stata costruita nella seconda metà del cinquecento e pesantemente rimaneggiata nel settecento con l’ulteriore arricchimento delle decorazioni a stucco che ornano molti ambienti della Villa.
La villa pervenne nel 1884 alla famiglia genovese Puccio che la utilizzò fino ai primi anni cinquanta del novecento quale residenza estiva.
Negli anni immediatamente successivi fu trasformata in albergo, con pesanti interventi di conversione quali l’inserimento di un vano ascensore, costruzione di tramezze per la realizzazione di bagni o camere ,realizzazione di impianti molto precari anche con la parziale distruzione di molti particolari decorativi e di certo con la totale mancanza di rispetto per le strutture originarie.
Nel 1992 l’albergo cessò la propria attività e la proprietà lasciò l’edificio in stato di inattività totale.
Nel 2003 la Villa fu acquistata da altra proprietà che ne dispose il recupero.


L’INTERVENTO


L’intervento è stato progettato nell’ottica del rispetto delle preesistenze non alterate o distrutte durante la conversione in albergo, con particolare riguardo alle zone di maggior interesse storico ed artistico quali l’atrio, lo scalone di pregevole ed originaria fattura, il salone e gli ambienti del piano nobile ed infine la Cappella privata che era stata trasformata in deposito di suppellettili ed in totale stato di degrado.


Il Parco si presentava in totale stato di abbandono, essendo stato usato come parcheggio durante lo svolgimento dell’attività alberghiera.
Essenze spontanee ed estranee all’impianto originario od essenze anche di pregio ma in totale stato di sofferenza, hanno dovuto essere rimosse nell’ottica di salvaguardare le essenze di maggior pregio ed in buono stato vegetativo che andranno ad integrarsi con altre essenze di nuovo impianto nell’ottica di ricostruire il giardino di impianto consono all’importanza dell’edificio ed all’epoca di costruzione permettendo comunque la realizzazione dei posti auto necessari.


Durante lo svolgimento dei lavori sono emerse pesanti problematiche strutturali dovute soprattutto agli interventi effettuati negli anni cinquanta ed alla totale mancanza di manutenzioni negli anni di dismissione dell’attività e di abbandono dell’edificio.
Gli interventi concordati con la competente Soprintendenza di Genova hanno portato al risanamento totale dell’edifico ed alla realizzazione di n. 21 alloggi di vario taglio per cui si sono dovute studiare soluzioni tecniche particolari.


Particolare cura sarà è stata dedicata al ripristino ed al recupero degli elementi decorativi a stucco presenti in molti ambienti della Villa, la maggior parte dei quali gravemente danneggiati durante il periodo di abbandono dell’edificio a causa di infiltrazioni d’acqua e cedimenti strutturali.


Gli interventi di consolidamento strutturale, hanno interessato globalmente l’edificio, dalla muratura in mattoni e pietra (con ricuciture e rinforzi mediante intelaiature metalliche ) alle volte in mattoni (dove sono state utilizzate fasciature in fibra di carbonio) a quelle in cannicci ( rinforzate con fibra di vetro ), fino alla conservazione e al ripristino del ricco apparato decorativo e materico delle facciate e degli ambienti.


La realizzazione degli spazi residenziali ha condotto ad un interessante riflessione progettuale sulle modalità dell’abitare contemporaneo in un contesto architettonico molto caratterizzato. Oltre all’utilizzo di soppalchi d’arredo, strutturalmente indipendenti, sono state previste numerosi soluzioni spazio-funzionali rispettosi dell’immagine originaria, come ad esempio i divisori ad altezza 2.50 con la parte alta in cristallo per enfatizzare la continuità con la volta soprastante, oppure il soffitto in vetro per un bagno al piano nobile.
L’intervento si distingue per diffuso impiego di materiali estremamente performanti per l’isolamento termo acustico di pareti a pavimenti, con elevate prestazioni e spessori ridotti.


Gli spazi abitativi ricavati sono perfettamente utilizzati anche come residenza permanente con un ottimo livello di confort, dato anche dall’utilizzo di tecnologie all’avanguardia nel settore del riscaldamento e raffrescamento, impianti elettrici e antintrusione.



La Cappella Privata, vero gioiello architettonico ascrivibile alla seconda metà del settecento, è stato il primo ambito di intervento date le particolari condizioni di degrado in cui si trovava.
I lavori di pulitura e restauro hanno portato alla luce il bassorilievo sopra l’altare, raffigurante la Madonna dell’Assunzione, interamente realizzato in marmo e di pregevole fattura settecentesca.


 

4 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Villa De Mari- Puccio – “Villa ROSENDA” in Albissola Marina-Via Repetto via Brucciati PROGETTO DI RESTAURO E DI RISANAMENTO CONSERVATIVO CENNI STORICI Villa Rosenda De Mari è un antica residenza nobiliare che sorge tra la piana a ridosso dell’arenile e la collina soprastante.Il corpo della Villa che attualmente ha un’area di pertinenza di circa 4000 mq. compare nelle planimetrie del XVIII secolo e sia lo stemma che compare sulla facciata sia la dicitura...

    Project details
    • Year 2010
    • Work finished in 2010
    • Main structure Masonry
    • Client Società Privata
    • Contractor Impresa Sacchi s.r.l.Geom.Alberto via Garroni Nicolò Cesare n.11/R -Savona
    • Status Completed works
    • Type Churches / Multi-family residence / Interior Design / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Restoration of façades / Structural Consolidation / Building Recovery and Renewal
    Archilovers On Instagram
    Lovers 4 users