RhOME for denCity

Solar Decathlon Europe 2014 Rome / Italy / 2014

38
38 Love 5,589 Visits Published
Following the analysis of the building fabric in the neighborhood of Torre del Fiscale the project area was bounded. We decided to take care of the area between Via di Torre del Fiscale, Via Appia Nuova and Aquedotto Felice. Only after an initial idea of a masterplan could we proceed with the identification of the buildings that have to be demolished and that can be relocated into three main categories: industrial, residential fabric sheds and spontaneous.Our analysis is not limited to the allocation of its category of membership for each building but we have analyzed in detail the same batches of belonging: we realized how each batch of belonging to a private individual is more or less saturated according to its economic possibilities. In the beginning, the original core of the house is built, the resulting materials are placed inside the lot, usually in a shed. Whenever you have the option, in economic terms, to enlarge the house you must proceed with the construction of the accretions leaning to the mother building. All this to reach the maximum saturation possible for the lot. It becomes the natural consequence of the partial or total impermeability of the lot.
Area of intervention

The buildings that are replaceable in the category of the residential fabric divided up, enjoying a better quality of architecture, have been preserved in principle. Except in rare cases where they were at odds with the general directions given by the Masterplan.

Masterplan

The RhOME for DenCitys aim is to strengthen the relationships enhancing the value, the aqueduct and the ruins as well as the environment.

The densification, with the liberation of the area next to the Tower of Fiscale, thus becomes fundamental to preserve the landscape and parks now disconnected, such as the Parco di Tor Fiscale, the Parco degli Aquedotti and the Parco di Appia Antica. Regarding the urban structure, where the nature of the spaces allow a certain kind of mobility and usability, an enhancement of these qualities is planned. The transformation project mainly focuses itself in the urban fragmented environment, where the basic services and the hierarchy of spaces are missing. The residential units of new or old constructions have been preserved because of their architectural quality. It appeared to be clear that their function within the neighborhood is essential. This decision was made after a careful analysis of the individual artifacts and careful assessments on the need to protect the cultural and historical heritage. The residential units which were built with not-certified quality materials, as well as located in a position which is not in accordance to the landscape constraints, will be demolished. For the buildings that will be restored, their functions will be preserved, only when their activities are to be essential activities for the district, such as religious activities. For buildings which are of historical / cultural importance, the inclusion of new features is planned so that it would evoke the ancient characters. In the case of the ancient Vacchereccia, the house is recovered and used to host the headquarters of the Agricultural Cooperative. The project’s aims is to improve the efficiency of the city:

- a balance and an integration between residences, services, working place and free time spaces to build urban areas which are experienced throughout the day;

- an improvement of the area, the neighborhood and the city territorial connections;

- an application of the principles expressed in the Italian and European urban culture

- considering the issues of environmental sustainability.

The prototype of Versailles represents the top floor of the complex proposed for Tor Fiscale. This choice derives from the intention to describe the architectural features and technological innovations that would not appear in a common floor or in the ground floor, where the focus is on the integration with the urban environment. The prototype inherits the distribution system from the aggregation: the access is located on its side as in the urban configuration there is a central distribution core, which serves the apartments on both sides. During the contest this distribution pattern is conjured up by the public tour which valorizes freedom of the plan.

Architectural concept
Our idea of good house living is told here through a clear spatiality, the result of a tectonic concept. The space is articulated around the 3d core which is the plant and structural center of the house. This element hierarchizes and characterizes the space, defining the various areas of which the house is composed: the kitchen, the living room and the bedroom. The views open up to the south-west and to the north-east and are protected by loggias. The presence of the loggias in the two opposite corners ensures an original and versatile plan scheme, of which the versailles prototype is only one possible configuration. Specifically, in the competition the two main areas of the house relating to public life (living room) and the intimate life (bedroom) have direct contact with the outside world. In this way each one of these spaces receives the type of natural light suited to its function and in the phases of the day that compete to them. This condition also stands in terms of sustainability. In fact this result is not achieved exclusively working on the density (above all), on the use of solar and passive energy and on the optimal exposure to the sun and the wind. Attention has been paid to the choice of materials and of a technology that would reduce as much as possible.

[IT]
CASO STUDIO
L’area di progetto scelta è la zona compresa tra Via di Torre del Fiscale, Via Appia Nuova e l’acquedotto Felice e solo dopo un’iniziale analisi dell’area si è potuto procedere con l’ identificazione degli edifici da demolire. La nostra ricerca non si è limitata alla mera classificazione dei singoli edifici, ma sono stati analizzati in dettaglio i singoli lotti ed il risultato è stato l’identificazione di uno schema di sviluppo del tessuto: ogni abitante ha saturato il lotto in base alle proprie possibilità economiche.

La prima fase di sviluppo dell’edificato consiste generalmente nella costruzione del nucleo originale dell’abitazione e la collocazione dei materiali di risulta in un capannone. Ogni volta che si ha la possibilità, si procede con la costruzione di superfetazioni giustapposte all’edificio “madre”. Tutto questo permette di raggiungere la saturazione massima possibile del lotto e la conseguenza naturale è l’ impermeabilità parziale o totale del lotto.

Masterplan
L’obiettivo principale del progetto di RhOME for denCity è quello di rafforzare i punti di forza dell’area per aumentare il valore del tessuto urbano, in quest’ottica sono stati privilegiati l’acquedotto, le rovine e l’ambiente naturale.
La densificazione e la liberazione dei resti antichi della zona vicino alla Torre del Fiscale, è una parte fondamentale del progetto per preservare il paesaggio ed i parchi che ora risultano scollegati, come ad esempio il Parco di Tor Fiscale, il Parco Acquedotti e il Parco dell’Appia Antica. Per quanto riguarda la struttura urbana, dove la natura degli spazi permette un certo tipo di mobilità e fruibilità, è stato previsto un miglioramento della qualità dei servizi. Il progetto di trasformazione si è concentrato principalmente nell’ ambiente urbano frammentato, in cui i servizi di base e la gerarchia degli spazi sono allo stato attuale mancanti.
Il progetto di insediamento è stato portato avanti seguendo due principi: gli edifici di una certa qualità architettonica sono stati conservati ed integrati nel nuovo quartiere, mentre le residenze con scarsa peculiarità ed in posizione non conforme ai vincoli paesaggistici, dopo un’attenta valutazione, sono state demolite per proteggere il patrimonio culturale e storico dell’area. Gli edifici sono stati ripristinati e le loro funzioni sono state conservate, solo quando le loro attività sono state giudicate attività essenziali per il quartiere, come ad esempio le attività religiose.
L’obiettivo del progetto è quello di migliorare l’efficienza della città tramite:
- Un equilibrio e di una integrazione tra residenze, i servizi, i luoghi di lavoro e gli spazi per il tempo libero per costruire aree urbane vissute durante il giorno ;
- Un miglioramento della zona, il quartiere e le connessioni territoriali della città ;
- L’ applicazione dei principi espressi nella cultura urbana italiana ed europea considerando i problemi di sostenibilità ambientale.


IL PROTOTIPO DI VERSAILLES
Il prototipo di Versailles rappresenta il piano superiore del complesso proposto per Tor Fiscale. Questa scelta deriva dalla volontà di descrivere le caratteristiche architettoniche e le innovazioni tecnologiche che non apparirebbero in un piano comune o al piano terra , dove il focus è l’integrazione con l’ambiente urbano. Il prototipo eredita il suo sistema di distribuzione dall’aggregazione: l’ accesso è situato su un lato a causa del nucleo centrale di distribuzione che serve gli appartamenti su entrambi i lati.

Concetto architettonico
Lo spazio è articolato intorno al nucleo 3d che è il “centro strutturale” della casa. Questo elemento gerarchizza e caratterizza lo spazio, definendo le varie aree di cui la casa è composta: la cucina , il soggiorno e la camera da letto. Le finestre sono protette dalle logge. La presenza delle logge nei due angoli opposti assicura uno schema originale e versatile e il prototipo di versailles è solo una delle possibili configurazioni. Entrando nel particolare della competizione, le due aree principali della casa relative alla vita pubblica (soggiorno) e la vita intima (camera da letto) hanno un contatto diretto con il mondo esterno. In questo modo ognuno di questi spazi riceve il tipo di luce naturale più adatto alla propria funzione. Una grande attenzione è stata posta anche sulla scelta dei materiali e sulle tecnologie in grado di ridurre il più possibile i consumi.

Innovazione
La prima componente innovativa dell’edificio è la tipologia. La struttura dell’edificio è concepita in modo da consentire la massima flessibilità ed in particolare la possibilità di modificare e far crescere l’alloggio a seconda delle esigenze familiare. L’ innovazione in questo senso è quella di pensare alla futura trasformazione in fase di progettazione , anticipando diverse possibili configurazioni.

Anticipando e consentendo le trasformazioni future, il design può mantenere il suo concetto di architettura e evitare trasformazioni illogiche guidate da esigenze di utilizzo. Altro tasso innovativo è la possibilità di dosare l’ingresso della luce naturale utilizzando schermi ombreggianti fotovoltaici.

La tipologia proposta è strettamente collegata alle categorie di target di utenti scelte: single , precari , giovani coppie e anziani rappresentano la nuova richiesta di soggiorno a medio termine. Hanno bisogno di un appartamento per qualche mese, o qualche anno. Oggi vi è un numero crescente di persone che non vogliono , o non possono acquistare la propria casa a causa della situazione economica, inoltre la casa potrebbe intenzionalmente rappresentare una soluzione temporanea per diverse ragioni.

Ingegneria
Il comportamento strutturale è sistemico e la sua funzionalità dipende da fattori come la coerenza interna , l’armonia tra le parti, la reattività alle tipologie consolidate, la qualità degli aspetti costruttivi, l’affidabilità dei modelli matematici di previsione, la quantificazione di sicurezza e così via.

Il sistema strutturale dell’aggregato urbano è costituito da un primo piano in cemento armato che sostiene gli ulteriori quattro piani e la copertura di un edificio in legno leggero, realizzato con la tecnologia di telaio – muro ( Platform Frame).

Il primo piano in calcestruzzo armato è formato da un nucleo centrale costituito da pareti strutturali a cui è bloccato un reticolo strutturale di travi 3D, sempre in cemento armato, che governano non solo il primo solaio ( parzialmente prefabbricato in cemento armato), ma anche il resto della costruzione. La fondazione deve permettere di non interferire con il patrimonio archeologico e rende il terreno attorno all’edificio più permeabile possibile. Le travi del reticolo strutturale del primo piano sono caratterizzate da sezioni variabili, che permettono alle sollecitazioni maggiori dovute ai carichi verticali di essere spostate nel core e soddisfano i principi dell’architettura di progetto, limitando l’altezza delle travi perimetrali e definendo una sorta di “vassoio” strutturale che contiene l’edificio.

La scelta della tipologia strutturale telaio – muro ( Platform Frame) è motivata da una attenzione per la sostenibilità, leggerezza e rapidità di installazione. In realtà, il sistema Platform frame permette all’edificio di rispondere in modo adeguato ai carichi verticali e orizzontali, ma in Italia questo sistema può essere adottato solo per edifici di altezza limitata ( tre piani ). Per superare questi limiti, abbiamo scelto di utilizzare travi e colonne in aggiunta alle pareti che fungeranno da sistema di rinforzo.

PROTOCOLLO ACTIVE HOUSE
Per la progettazione dei sistemi attivi la prima cosa di cui tenere conto è il loro comportamento in relazione alle strategie energetiche passive. La migliore risposta possibile è quindi quella di limitare la domanda di energia e progettare sistemi in grado di rispondere alla domanda minima di consumi.
Per questo motivo RhOME segue il protocollo Active House, che mette insieme Ambiente, Produzione di Energia e Comfort per progettare edifici che, ottimizzando il comfort termico e luminoso, riducono al minimo il consumo di energia.

Abbiamo usato questo protocollo in collaborazione con il team del Politecnico di Milano per verificare il comportamento del nostro edificio e del prototipo RhOME . Questo è il grafico “radar” ottenuto per il prototipo di Versailles. Stiamo anche lavorando sulla validazione del progetto urbano di Roma e in altre diverse aree climatiche.
38 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Following the analysis of the building fabric in the neighborhood of Torre del Fiscale the project area was bounded. We decided to take care of the area between Via di Torre del Fiscale, Via Appia Nuova and Aquedotto Felice. Only after an initial idea of a masterplan could we proceed with the identification of the buildings that have to be demolished and that can be relocated into three main categories: industrial, residential fabric sheds and spontaneous.Our analysis is not limited to the...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 38 users