La Chiesa di Sant'Anna a Piazza Armerina

Studi e Ipotesi di Restauro Piazza Armerina / Italy / 2012

10
10 Love 1,440 Visits Published
“Oggi i siciliani non sanno sfruttare né l’energia né la vitalità del loro carattere e neppure infiammarsi di emulazione alla vista di tutti quei tesori dell’antichità, di tutte quelle meraviglie naturali e artistiche che li circondano. Ma forse la mancanza di razionalità e di iniziativa, la patina di barbarie che affliggono questo popolo devono attribuirsi esclusivamente ai suoi precedenti governanti che si erano poco preoccupati di farlo partecipare al progresso che investiva l’intera Europa.” Jean. Houel, 1787 Sebbene di carattere generico e riferito alla Sicilia intera, l’osservazione di Jean Houel si attaglia perfettamente sulla storia della monumentale chiesa di Sant’Anna di Piazza Armerina, esempio di chiesa barocca con facciata curva che, chiusa per decenni e interessata da discutibili interventi di restauro, è oggi inserita nel programma di rivalutazione dei monumenti della città insieme all’intero complesso monasteriale a cui è annessa. La tesi si avvia con una parte iniziale dedicata all’analisi del manufatto nel suo contesto storico e geografico, propedeutica per la successiva fase di elaborazione dell’ipotesi di intervento. Il progetto parte di fatto dalla conoscenza e comprensione della fabbrica con la quale si confronta e si qualifica come atto tecnicamente e criticamente consapevole rivolto prima di tutto a conservare e trasmettere al futuro il patrimonio architettonico, in secondo luogo all’insediamento delle nuove attività. La rifunzionalizzazione non è trattata come episodio accidentale nel quadro della salvaguardia (l’uso costante e proficuo del bene architettonico ne assicura infatti la manutenzione ordinaria necessaria) e i nuovi elementi architettonici e funzionali si inseriscono nel rispetto dei principi cardinali di compatibilità, reversibilità e minimo intervento, in un continuo dialogo con l’esistente.
10 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    “Oggi i siciliani non sanno sfruttare né l’energia né la vitalità del loro carattere e neppure infiammarsi di emulazione alla vista di tutti quei tesori dell’antichità, di tutte quelle meraviglie naturali e artistiche che li circondano. Ma forse la mancanza di razionalità e di iniziativa, la patina di barbarie che affliggono questo popolo devono attribuirsi esclusivamente ai suoi precedenti governanti che si erano poco preoccupati di farlo partecipare al progresso che investiva l’intera...

    Project details
    • Year 2012
    • Status Research/Thesis
    • Type Churches / Restoration of old town centres / Concert Halls / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Restoration of Works of Art
    Archilovers On Instagram
    Lovers 10 users