Casa per i paesi del Mediterraneo - Leverano-Lecce

Edilizia bioclimatica per i paesi del Mediterraneo, con criteri di risparmio energetico e sostenibilita' ambientale Leverano / Italy / 2008

5
5 Love 4,146 Visits Published
CRITERI GENERALI
I criteri generali seguiti nella redazione della nostra proposta progettuale di “casa per i paesi del Mediterraneo” concepita con criteri di risparmio energetico hanno generato quel complesso di soluzioni tecniche, che cercano di limitare al massimo l'intervento degli impianti e quindi anche i relativi consumi di energia primaria. Con questo approccio, che affida in modo prevalente alla struttura, alla conformazione fisica dell'edificio, al suo orientamento ed al contesto climatico del sito, si è inteso realizzare una interazione tra edificio e ambiente in grado di dare vita ad un “organismo” edilizio capace di interagire dialetticamente con la natura, traendo, all’esigenza, calcolato alimento dalle sue componenti.

2. SOLUZIONE PROGETTUALE
Scelta della tipologia: l’obiettivo è di realizzare un organismo edilizio compatto in grado di avere ricadute positive sia sul piano della riduzione della dispersione energetica che dei costi realizzativi.
Orientamento: l’asse prevalente delle stecche delle schiere è quello con orientamento nord-sud. La scelta di tale orientamento è stata effettuata sulla base dei risultati delle simulazioni dell’ombreggiamento.
Il verde: le venti unità abitative sono organizzate sostanzialmente in tre stecche che sfruttano lo sviluppo longitudinale dei lotti. Tale tipo di aggregazione ci consente di organizzare il lotto per fasce verticali ricavando ampie e “profonde” zone verdi che, oltre a garantire un elevato confort ambientale ed abitativo, favoriscono il raffreddamento dell’aria in estate
L’Acqua: Nelle aree di verde pubblico sono previste delle vasche di acqua “in movimento” che funzionano come un sistema di raffrescamento solare passivo, di giorno, di notte l’acqua, cedendo calore all’ambiente esterno, favorisce la circolazione dell’aria.
La barriera acustica: lungo le strade carrabili è prevista la realizzazione di una barriera “verde”.
La barriera assorbente: essenze arboree quali il pioppo o i salici sono in grado di catturare parte dei gas di scarico delle auto. Anche i giardini pensili posti in corrispondenza dei solai di copertura delle schiere catturano le polveri sottili oltre ad abbassare la temperatura all’interno degli ambienti
Forma e funzione
Ogni singola unità abitativa è stata dimensionata per ospitare un nucleo familiare di cinque persone,la forma è rettangolare e al suo interno presenta due vuoti destinati a corte e patio. Essa è disposta su due livelli: al piano terra la zona giorno su cui convergono i percorsi di accesso al fabbricato (da est e ovest) con affaccio sulla corte interna e sul patio, uno studio, ambienti di servizio, il garage. Al primo piano la zona notte con tre camere da letto, ognuna con una terrazza, e due bagni.
3. PRINCIPI BIOCLIMATICI
Orientamento: essendo la zona climatica di Leverano caratterizzata da temperature elevate in estate con forte irraggiamento solare sulle pareti degli edifici e da inverni sostanzialmente miti l’asse prevalente delle schiere è quello con orientamento Est-Ovest prevedendo, per le pareti est e ovest, una “doppia pelle”.
Doppia pelle: la sua funzione è quella di proteggere le vetrate esterne dall’irraggiamento solare estivo. Essa consiste in una serie di pannelli a lamelle che, scorrendo lungo dei binari, fungono, all’occorrenza, da schermature solari. In inverno i pannelli verranno “impacchettati” in corrispondenza delle pannellature fisse.
Protezione: 1) l’impianto planimetrico delle singole unità abitative è quello di un edificio prevalentemente chiuso verso l’esterno con affacci su piccole corti interne. 2) Il sistema delle murature esterne e dei serramenti, con elevata prestazione termica, consentono in inverno la riduzione delle dispersione termica verso l’esterno, e in estate, aiutate anche da un sistema di ombreggiamento in facciata. 3) Il tetto verde in copertura abbassa sensibilmente la temperatura dell’ultimo piano e quella dell’area circostante. 4) La ventilazione della copertura a shed riduce l’entità degli apporti energetici estivi. 5) Gli sporti in corrispondenza delle vetrate sono stati progettati in modo di ottenere la massima protezione dai raggi solari d’estate e massimo irraggiamento in inverno. 6) Il colore bianco dei muri riflette, di giorno, la radiazione solare e smaltisce egualmente, di notte, come radiazione infrarossa, il calore accumulato durante le ore diurne.
Ventilazione naturale: essa è favorita dalla presenza della corte interna dove, la vegetazione prevista, riduce la temperatura dell’aria; l’effetto camino nella zona a doppia altezza (in corrispondenza degli shed) consente l'espulsione del calore indesiderato.
Tetto solare: gli shed in copertura fungono da tetto solare in quanto utilizzabili sia come collettore termico (pannelli fotovoltaici e solari), sia come accorgimento rinfrescante in estate (effetto camino), favorendo inoltre l'ingresso di luce naturale in quantità e qualità elevate durante l'intero arco dell'anno.
5 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    CRITERI GENERALI I criteri generali seguiti nella redazione della nostra proposta progettuale di “casa per i paesi del Mediterraneo” concepita con criteri di risparmio energetico hanno generato quel complesso di soluzioni tecniche, che cercano di limitare al massimo l'intervento degli impianti e quindi anche i relativi consumi di energia primaria. Con questo approccio, che affida in modo prevalente alla struttura, alla conformazione fisica dell'edificio, al suo orientamento ed al contesto...

    Project details
    • Year 2008
    • Client Consorzio Salento Congressuale
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Neighbourhoods/settlements/residential parcelling / Single-family residence
    Archilovers On Instagram
    Lovers 5 users