MAXXI

Museo delle Arti del XXI secolo Rome / Italy / 2010

127
127 Love 52,251 Visits Published

MAXXI supercedes the notion of the museum as ‘object’ or – presenting a field of buildings accessible to all, with no firm boundary between what is ‘within’ and what is ‘without’. Central to this new reality are confluent lines – walls intersecting and separating to create interior and exterior spaces.


[IT]


Committenza Ministero per i Beni e le Attività culturali Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l'architettura e l'arte contemporanee Direttore generale Francesco Prosperetti Presidente Fondazione MAXXI Pio Baldi Direttore MAXXI Architettura Margherita Guccione Direttore MAXXI Arte Anna Mattirolo Segreteria tecnica Francesca Fabiani Architetti di staff Carlo Birrozzi, Francesca Fabiani, Alessandra Fassio, Alessandra Mele, Esmeralda Valente, Alessandra Vittorini, Elisabetta Virdia Progetto Progettisti Zaha Hadid e Patrik Schumacher Capoprogetto Gianluca Racana [ Zaha Hadid Limited ] Team di progetto Paolo Matteuzzi, Anja Simons, Fabio Ceci, Mario Mattia, Maurizio Meossi, Paolo Zilli, Luca Peralta, Maria Velceva, Matteo Grimaldi, Ana M.Cajiao, Barbara Pfenningstorff, Dillon Lin, Kenneth Bostock, Raza Zahid, Lars Teichmann, Adriano De Gioannis, Amin Taha, Caroline Voet, Gianluca Ruggeri, Luca Segarelli, ABT David Sabatello e Giancarlo Rampini Strutture Anthony Hunt Associates, OK Design Group Impianti Max Fordham and Partners, OK Design Group Illuminotecnica Equation Lighting Acustica Paul Gilleron Acoustic Stazione appaltante Ministero delle Infrastrutture Provveditorato interregionale per le opere pubbliche per il Lazio, l' Abruzzo e la Sardegna Provveditore Giovanni Guglielmi Responsabile del procedimento Roberto Linetti Consulente per la qualità Remo Calzona Direttore dei lavori Roberto Tartaro Direttore operativo per l'architettura Mario Avagnina Direttore operativo per le strutture Ferdinando Fonti Direttore operativo per gli impianti Angela Aprile Ispettori di cantiere Valter Gentile, Giorgio Grossi, Giovanni Marchionni, Daniele Reali, Dario Sbaraglia Responsabile per la sicurezza in fase di esecuzione Riccardo Morena Contractor_progetto esecutivo ed esecuzione Consorzio MAXXI 2006 Capogruppo mandataria ITALIANA COSTRUZIONI S.p.A. (Gruppo Navarra) Mandante S.A.C. Società Appalti Costruzioni S.p.A. (Gruppo Cerasi) Capo Commessa Marco Odoardi Direttore Tecnico di cantiere Roberto Rossi Capo Cantiere Gianni Scenna Assistente Capo Cantiere Luigi Carducci Ufficio Tecnico Daniele Centurioni, Silvia La Pergola, Fabio Ceci Coord. Progettazione-Esecuzione Impianti Claudio Passini Ufficio Contabilità Roberto Cascino, Enrico Bottacchiari Progettazione Esecutiva-Costruttiva per conto del contractor Validatore progettazione strutturale Antonio Maffey Progettazione strutturale Studio S.P.C. S.r.l., Giorgio Croci, Aymen Herzalla Prog. strutturale carpenterie metalliche scale e solaio "monocoque" Studio E.D.In. S.r.l. Fabio Brancaleoni, Marcello Colasanti Consulente miscela SCC Mario Collepardi Consulente per gli impianti elettrici Gabriele Gangemi Consulente per gli impianti meccanici Francesco Lucernari Consulente per il progetto antincendio Riccardo Gabbrielli Consulente banchinaggi e casseri PERI Italia S.p.A. Consulente in materia di acustica Andreas Hoischen Il progetto – destinato ad occupare un’area di 26mila mq - prevede l’articolazione di due istituzioni, MAXXI arte e MAXXI architettura, che avranno in comune spazi e risorse per le attività culturali, spazi per le esposizioni temporanee, per gli eventi dal vivo, spazi per la produzione e la sperimentazione e spazi di intrattenimento e attività commerciali, oltre alla presenza di zone destinate all’accoglienza, al bookshop, al ristoranti e alle caffetterie, auditorium, sale riunioni, parcheggi. La coniugazione dei due musei è realizzata attraverso profili innovativi che sembrano rincorrersi in un percorso che rifiuta la linearità. Il complesso architettonico è caratterizzato da forme curve, realizzate con strutture in cemento armato faccia a vista, vetro e acciaio, che si intersecano a sbalzo su piani sovrapposti fino a disegnare una sorta di L. “L’idea alla base del progetto – dichiarava l’autrice del progetto - è quella di movimento, un movimento generato da linee di forza che, sovrapponendosi, creano diversi livelli. Lo stesso sito, con la sua forma a L, suggerisce e scaturisce queste linee di forza, dando vita a spazi interni ed esterni che si intersecano, senza rinunciare alla robustezza dell'edificio”. Hadid ha concepito il MAXXI come un “campus urbano aperto alla circolazione pubblica”; un mondo nel quale tuffarsi piuttosto che un edificio come oggetto firmato. Sviluppato su tre livelli, il Museo integrerà arte ed architettura in volumi articolati coperti da un tetto esclusivamente in vetro; elemento progettato come filtro per un uso modulato e zenitale della luce naturale, ma anche come punto di unione tra interno ed esterno. Una serie di ponti collegherà i tre livelli dell’edificio. Intorno ad una grande hall di accoglienza a tutt’altezza ruoteranno i vari spazi commerciali, la caffetteria, i servizi didattici, i laboratori di conservazione e restauro, le sale per eventi dal vivo e convegni. L’idea progettuale è la creazione di uno spazio che non si esaurisca in un percorso lineare, ma si presenti come una complessa rete di connessioni. II progetto identifica infatti una serie di percorsi che si snodano all’interno delle gallerie quasi negando al visitatore di tornare sui propri passi. Flessibilità e controllo delle condizioni ambientali sono le caratteristiche architettoniche di questi spazi. Le diverse suite sono infatti suddivisibili con pannelli espositivi mobili che consentono di mutare la natura stessa del luogo a seconda delle esigenze museali che volta per volta si presentano.

127 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    MAXXI supercedes the notion of the museum as ‘object’ or – presenting a field of buildings accessible to all, with no firm boundary between what is ‘within’ and what is ‘without’. Central to this new reality are confluent lines – walls intersecting and separating to create interior and exterior spaces. [IT] Committenza Ministero per i Beni e le Attività culturali Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio,...

    Project details
    • Year 2010
    • Work started in 2003
    • Work finished in 2010
    • Client Ministero per i Beni e le Attività culturali - Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l'architettura e l'arte contemporanee
    • Status Completed works
    • Type Museums
    • Websitehttp://www.fondazionemaxxi.it/
    Archilovers On Instagram
    Lovers 127 users