Lungomare Poetto

Cagliari / Italy / 2012

9
9 Love 2,445 Visits Published
Il progetto del lungomare è basato su una sequenza di onde che, intrecciandosi, definiscono le campiture dei vari tipi di percorso, individuati da colorazioni differenti. Il disegno appare come generato dal bordo del mare e riverberato sul bordo della spiaggia, a definire il limite esterno dell’ecofiltro, che prevede l’utilizzo di vegetazione autoctona al fine di agevolare la ricostituzione del sistema dunale. L’intenzione è di contrastare la specializzazione per fasce longitudinali parallele, che tende a ribadire il ruolo di cesura dei percorsi, per arrivare ad unire il sistema complessivo, dotandolo di una spiccata riconoscibilità. Il confine tra la spiaggia e i percorsi è stato definito realizzando un’unica linea sinuosa che accompagna il disegno delle pavimentazioni e si interrompe solo in corrispondenza degli accesi e dei deck. Questo bordo, costituito da prefabbricati modulari in cemento, svolge il ruolo di cordolo a sostegno dell’ecofiltro, indispensabile per il suo impianto e per la sua tenuta nel tempo, e di sistema di sedute posizionate in corrispondenza delle anse formate dalla sua giacitura. Le anse e le sedute fanno sì che il percorso pedonale non sia solo luogo di transito, ma diventi luogo di socialità diffusa. Le variazioni avvengono sia in pianta che in sezione, infatti il cordolo cresce in modo armonico laddove si trasforma in seduta. Il progetto incorpora al suo interno gli aspetti comunicativi, intrecciandoli strettamente al disegno del lungomare sia attraverso l’inserimento, all’interno delle pavimentazioni in levocell, di scritte e “scansioni” metriche che connotano e misurano, ad uso di chi corre o fa “jogging”, i percorsi, sia attraverso l’introduzione di cartelli e pannelli integrati con i pali dell’illuminazione pubblica, che contengono una serie di indicazioni toponomastiche, raccomandazioni di tipo “comportamentale” e informazioni sulla storia e sull’ecosistema del lungomare. The design/build competition project for the Poetto waterfront is based on a sequence of interweaving waves that define the various road sections (running, walking, biking, limited vehicle access) using different colors. The design is generated by the water's edge to define the outer limit of the green ecofilter, designed through the definition of location-specific vegetational combinations to help facilitate the reconstitution of the beach dune system. The intention was to counteract the rigidity and barrier created by the parallel longitudinal bands in the preliminary project in order to create a unified system that can be read and recognized on different scales. The edge between the beach and road is made of a single sinuous line interrupted only at the decks providing beach access. This edge consists of specially designed prefabricated modular concrete elements and serves both as a retaining support for the ecofilter and as a seating system positioned in correspondence to concave spaces formed by the wave pattern. In this way, the horizontality of the promenade is broken down to create places for socializing and resting, breaking down the monotony of the parallel circulation paths. Variations are designed in both plan and in section with the curb growing in height to become seating. The project also incorporates communicative devices, closely interweaving lettering and metrics (for runners, walkers and bikers) with the design of the waterfront on the ground plane and introducing signs and panels integrated with the public illumination fixtures, containing a number of place names and information for tourists and residents alike.
9 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il progetto del lungomare è basato su una sequenza di onde che, intrecciandosi, definiscono le campiture dei vari tipi di percorso, individuati da colorazioni differenti. Il disegno appare come generato dal bordo del mare e riverberato sul bordo della spiaggia, a definire il limite esterno dell’ecofiltro, che prevede l’utilizzo di vegetazione autoctona al fine di agevolare la ricostituzione del sistema dunale. L’intenzione è di contrastare la specializzazione per fasce longitudinali parallele,...

    Project details
    • Year 2012
    • Status Competition works
    • Type Waterfront
    Archilovers On Instagram
    Lovers 9 users