PesS: Parco eco-sostenibile (di) Salerno | Gianfranco Massari

Salerno / Italy / 2014

2
2 Love 1,370 Visits Published
“PesS”, un “Parco eco-sostenibile” per Salerno, attraverso la realizzazione di una struttura composita che si articola in: una Biosfera e un Museo Vivente (Il Giardino delle Farfalle – The Butterfly Garden), un Teatro Multisensoriale (Il Teatro dell’Arcobaleno – The Rainbow Theatre), un Farmers’ Market (Le Cinque Terre – The Five Lands), il tutto integrato in una progettazione fondata sulle Energie Rinnovabili – Renewable Energetics Resources.
L’area prevista per l’intervento progettuale è pari a 14750 m2; tre distinti ingressi distribuiscono il varco pedonale, l’area a disposizione per tre autobus turistici e/o scolastici di circa 1100 m2 con annessa zona con 32 stalli per biciclette e l’ingresso per i fornitori e/o i fruitori del Farmers’ Market.
L’area d’ingresso di circa 80 m2, presenterà due “box” ognuno di circa 40 m2 ove saranno ubicati la security, la biglietteria, la direzione e l’amministrazione; quindi si accede nel vasto “parco eco - sostenibile”: un’area pedonale di circa 4000 m2, tutta circondata da un giardino di 4000 m2; tale ampio spazio, oltre a distribuire i vari componenti dell’intero “PesS” potrà essere utilizzato anche per “mostre e/o allestimenti temporanei” a tema.
La biosfera - Museo Vivente che riproduce, conserva e garantisce la biodiversità attraverso la realizzazione di habitat naturali specifici, sarà una raccolta di diverse tipologie di foreste tropicali, equatoriali e mediterranee, dove trovano ospitalità e riparo animali di diversa specie, in particolar modo le “Farfalle”.
Di per sé, le “Butterfly” si basano già su principi di economia sostenibile e di commercio equo-solidale, visto che le crisalidi vive di farfalle, che vengono acquistate per favorirne la schiusa nelle varie serre, provengono da allevamenti (“butterfly farms”) realizzati nei paesi di origine direttamente da famiglie indigene al fine di creare economia locale e di evitare il prelievo diretto in natura, che comporterebbe l’impoverimento dei preziosi ecosistemi tropicali.
Il “Butterfly Garden” è una biosfera, complessivamente di circa 1965 m2; sette padiglioni, dalla forma di "tronchi di cono eccentrici" che si intersecano tra loro, atti a formare un arco. La colorazione dei sette manufatti, sarà caratterizzata, di giorno dai profili colorati e di notte dalla illuminazione a led dello stesso colore degli infissi. Il tutto determinerà l'illusione di una visione di un "arcobaleno" (rainbow)!
La biosfera presenta due elementi “visivi” precisi: il rivestimento esterno o è “riflettente” o è “trasparente”. Infatti, il rivestimento dello “stelo / galleria” sarà “riflettente”: composto da moduli di acciaio zincato preverniciato “Caiman” su sottostruttura metallica; il tutto conferirà alla facciata l’aspetto e il rilievo di una pelle a scaglie ed il loro movimento sinusoidale rifletteranno la luce, il cielo e gli alberi a seconda delle ore e delle stagioni, fondendosi con l’ambiente naturale circostante nella sua evoluzione diurna e notturna. La copertura di tale manufatto di circa 373 m2, presenterà moduli per l’impianto fotovoltaico e/o termo-solare. Tale “stelo / galleria”, definirà l’iniziale percorso di visita del “Butterfly Garden”; esso sarà composta da 5 aree distinte: un info point, una galleria espositiva, due zone multimediali, una zona per la didattica, cinque ambienti disposti “a cannocchiale”. Cromaticamente il percorso sarà caratterizzato dai “colori” del sole: dal giallo tenue dell’alba al rosso fuoco del tramonto, colori tutti che anticipano le “luci” della vita delle farfalle diurne, della biosfera.
Nell’info point vengono presentate le motivazioni ed il percorso progettuale del garden; le aree “multimediali” e per la didattica consentiranno, attraverso l’uso di proiezioni ed esercitazioni, di conoscere la vita e l’evoluzione delle farfalle; nella galleria espositiva si potrà ammirare la vasta gamma di farfalle presenti nel mondo (tra specie e sottospecie ne esistono più di diecimila), un vero e proprio “museo delle farfalle”.
Dalla “galleria” si potrà accedere nel cuore della “Butterfly Garden”: il rivestimento in tale area sarà “trasparente”; una zona centrale cilindrica con copertura conica di circa 117 m2, individua l’area “shop” ove saranno presenti “gadget” attinenti il mondo delle “butterfly”, oggetti economici e di pregio; il tutto circondato da piccoli “giardini in serra”, delle vere e proprie “insule verdi” di circa 100 m2. In tale zona, le finiture verticali e orizzontali, saranno tutte in vetro anch’esse del tipo a “bassa emissione”.
Da questa area si potrà accedere o alla “serra” con clima “umido” o in quella con clima “secco”, due diversi ambienti rappresentativi di due diverse “biosfere”.
Il Giardino delle Farfalle è un ambiente chiuso, climatizzato (temperatura media 25-28°C) e ad umidità controllata (circa 80%) nel quale vengono allocate piante e fiori in modo da ricreare un habitat molto simile a quello tropicale. All’interno di questa struttura, visitabile da chiunque, volano liberamente, a contatto dei visitatori, farfalle tropicali di varie specie, colori e grandezza e sono anche osservabili falene, bozzoli, crisalidi, bruchi, insetti stecco, blatte soffianti e altri insetti.
Come già evidenziato in premessa, la “biosfera”, sarà individuata da cinque “tronchi di cono” di circa 898 m2, in vetro “strutturale” a “bassa emissione” e/o a triplo strato al fine di garantire anche una temperatura costante all’interno; vetro isolante altamente selettivo che consente il passaggio della luce per circa il 64% con solo il 38% del calore solare.
La struttura portante verticale sarà composta da pilastri in “legno lamellare” disposti a “gabbia” oltre ad un pilastro (eventuale) centrale del tipo “rastremato”; la copertura in legno, inclinata, presenterà un”orditura con “capriate” in legno lamellare e la finitura superficiale sarà data da un “tetto verde” di circa 1154 m2 atto a garantire sia un ottimo isolamento che un efficiente controllo della temperatura interna.
Negli altri due restanti “tronchi di cono eccentrici” sono stati progettati specifiche aree di servizio: in quello di sinistra, un area “bar / ristorazione” su due livelli di circa 150 m2 con una capienza di 120 posti; i solai del piano ammezzato e la scale di collegamento della zona ristorazione saranno tutti del tipo in “materiale plastico e/o vetro strutturale” non trasparente; il “tronco di cono” di destra, presenterà un “cinema 4D” di circa 107 m2 con una capienza di 54 posti in cui si potrà assistere, avvalendosi di alta tecnologia futuristica, di un sistema “4D”, con proiettori virtuali sull’evoluzione delle farfalle nel tempo.
Le pareti inclinate di tutta la “biosfera”, determineranno la forma di “tronco di cono eccentrico”. La tipologia della vetrata sarà “continua” e la finitura sarà di “vetro a bassa emissione”, al fine di mantenere costante la temperatura interna (circa 20°/24°); naturalmente il vetro non insisterà su un perimetro di forma circolare ma bensì su una “poligonale”; la dimensione media di base di tali vetrate sarà di circa ml. 2,60; le altezze variano da un minimo di ml. 3,00 ad un massimo di ml. 12,60.
Attraversando l’area giardino del “PesS”, di giorno, il colore dei profilati di alluminio degli infissi delle vetrate, accompagneranno i visitatori che scorreranno i sette colori dell’arcobaleno della “biosfera”; di notte la “magia scenografica” sarà affidata alle luci a LED, anch’esse dei sette colori dell’arcobaleno, poste lungo il perimetro degli infissi / vetrate.
Terminato il “tour” nelle serre, i visitatori passeggiando intorno alla “Butterfly Garden”, potranno continuare il loro percorso nel “rainbow theatre - il teatro dell’Arcobaleno" una struttura di circa 600 m2 con una capienza di 250 posti; la copertura di tale manufatto sarà in “EFTE” di colore bianco; la struttura portante sarà in legno lamellare e tiranti in acciaio; la forma tipologica sarà quella ad “ala di gabbiano”; il fondale del teatro (16 ml. x 8 ml.) sarà composto da sette vetri affiancati ed intelaiati in una su sottostruttura metallica leggera rivestita da moduli di acciaio zincato preverniciato “Caiman” riflettenti. Un sistema di riciclo dell’acqua produrrà sulle pareti vetrate un effetto di pioggia a cascata.
Il “rainbow” sarà un teatro all’aperto in cui si potrà godere della magia della musica e dei colori attraverso la “parete / fontana”, retro-illuminata da serie di LED di sette colori: rosso, arancione, giallo, verde, azzurro, indaco e violetto; i colori dell'arcobaleno e i giochi d’acqua, movimenteranno la scena ritmando i suoni della musica. Nel teatro si potranno tenere incontri e conferenze, mostre di pittura, scultura, musica, artigianato e libri, tutti a tema.
Gli spettacoli e le manifestazioni, saranno improntati, naturalmente sul tema dell’internazionalità, con partecipazione di artisti provenienti anche da aree del mondo in via di sviluppo.
A completamento del tour all’interno del “PesS”, è stata progettato un centro ove avverrà la promozione di prodotti a “Filiera Corta“, attraverso la vendita e la degustazione di produzioni biologiche dei cinque continenti, nell’ottica dello scambio tra culture produttive diverse.
Un’area “Farmer’s Market” di 2900 m2, dove con una “composizione asimmetrica di coloratissimi cinque poligoni irregolari” è stato individuato questo particolare manufatto: “Le Cinque Terre – The Five Lands”. I cinque colori dei “cerchi olimpici” individuano i cinque continenti (Europa/Azzurro, America/Rosso, Africa/Nero, Asia/Giallo, Oceania/Verde) appunto le “Cinque Terre”; ogni continente, con le sue cucine, i suoi aromi, i suoi profumi saranno presenti in questo grande spazio.
L’intersezione dei cinque poligoni irregolari e il loro accostamento cromatico, azzurro, rosso, nero, giallo, verde, “scomporranno” la tradizionale visione dei “capannoni”; nel piano terra, in un’area di circa 1600 m2, 14 stand internazionali, disposti come il disegno del “carapace” delle tartarughe, presentati da personale autoctono, proporranno la vendita di tipici prodotti dei cinque continenti. Nel piano primo, in un’area di circa 1200 m2, troveranno posto 175 persone che potranno “degustare” i prodotti promossi nel “Farmer’s Market” appena visitato, il tutto cucinato da “chef” dei vari paesi, di volta in volta presenti, che a rotazione offriranno e proporranno i propri particolari alimenti.
La struttura portante del “Farmer’s Market” sarà in legno lamellare, mentre il rivestimento esterno sarà in alluminio pre-verniciato: il piano terra presenterà un rivestimento “continuo”, mentre al piano superiore, pur mantenendo la “cromia” di base, dei “frangisole” (brise-soleil) frammenteranno la parete “continua”.
I brise-soleil serviranno per proteggere dal diretto soleggiamento le facciate dell’edificio e gli ambienti interni al fine di evitare il surriscaldamento. Tali “frangisole” saranno comandati automaticamente con un sensore crepuscolare, tanto da presentare di giorno i cinque poligoni irregolari completamente chiusi ed esaltare le cinque cromie e di notte, aprendosi le “alette” a 90°, la “Farmer’s Market” darò la sensazione visiva di una “magica lanterna”; la copertura, presenterà tutte altezze diverse, tanto da garantire, anche dal punto di vista volumetrico, un’irregolarità a tutto il complesso architettonico.
Un’insieme di sistemi tecnologici ad alta efficienza (solare, termico, geotermico, fotovoltaico, captazione, recupero e riuso delle acque, microeolico, tetti verdi) che garantiscono l’auto-sostenibilità energetica dell’intero “PESS”, il vero “collante” dell’intera area. L’intero complesso è progettato con logiche di eco sostenibilità e di consumo di risorse quasi zero.
In sintesi, “PesS” è un sistema integrato che punta ad offrire al visitatore conoscenza, emozioni e sensazioni. La struttura, completamente ecosostenibile ed “off grid”, sfrutterà l’energia solare come fonte di luce e colore e la raccolta delle acque piovane per il fabbisogno idrico.
L’intero complesso, così progettato, sarà una macchina scenografica che tuttavia non tralascerà gli aspetti tecnici come le misure per il contenimento dei consumi e la dotazione di servizi.
Il “PesS” è stato disegnato pensando anche alla sua visione notturna, donando un effetto di sogno a questa parte di città.
Di notte, l’illuminazione ad alta tecnologia ed a risparmio energetico dei LED, renderà le strutture visibili a grandi distanze per effetto dei fasci di luce proiettati verso il cielo.
QUADRO ECONOMICO DI RIEPILOGO (AL NETTO DELL’IVA)
Legno Lamellare Strutture € 1.000.000
Impianti Innovativi Solare termico, Geotermico, Fotovoltaico, Solar Cooling, Tetto verde, Canalizzazione acque, Illuminazione LED € 1.050.000
Impianti Tradizionali Elettrico, Idrico, Fognario, Climatizzazione, Telecomunicazione, Antincendio, Video sorveglianza, Irrigazione € 490.000
Coperture EFTE, Tetti Verdi € 500.000
Rivestimento Acciaio Zinco Titanio Alluminio € 300.000
Vetrate Vetrate a triplo strato bassa emissione € 800.000
Verde Giardini interni e Aiuole Parco € 600.000
Arredamento Office, Galleria, Market, Teatro € 660.000
Edilizia Pavimentazione Recinzione Lavori Edili € 1.000.000
TOTALE € 6.400.000
2 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    “PesS”, un “Parco eco-sostenibile” per Salerno, attraverso la realizzazione di una struttura composita che si articola in: una Biosfera e un Museo Vivente (Il Giardino delle Farfalle – The Butterfly Garden), un Teatro Multisensoriale (Il Teatro dell’Arcobaleno – The Rainbow Theatre), un Farmers’ Market (Le Cinque Terre – The Five Lands), il tutto integrato in una progettazione fondata sulle Energie Rinnovabili – Renewable Energetics Resources. L’area prevista per l’intervento progettuale è...

    Project details
    • Year 2014
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Theatres / Theme Parks, Zoos / Restaurants / Exhibitions /Installations
    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users