Nuovo complesso parrocchiale della Madonna del Carmine a Santa Maria la Carità

Concorso di progettazione

5
5 Love 983 Visits Published
Il tradizionale profilo a capanna della facciata, con il volume del Battistero, la Croce, il Sagrato e, le campane, segno sinestetico che ritma la giornata cristiana, rendono inequivocabile il rapporto semantico fra forma e funzione dell’Edificio Sacro. Anche i materiali appartengono all’immaginario collettivo di Chiesa semplice di campagna, casa fra le case, presso le case. Un possente muro in tufo a vista attraversa il lotto e delimita a nord l’Edificio Sacro; percorribile in sommità, è metafora del Monte Carmelo indicato nella Bibbia come il Monte per eccellenza e accoglie una “via Lucis” ritmata da sculture cinetiche fino all’estremità di facciata, laddove sono sospese la campane, il lineare Crocifisso metallico si erge come segno totemico sul territorio, e lo sguardo corre sul golfo di '>http://Castellammare.Dalla'> facciata principale secondo un duplice tracciato curvo, si sviluppa la copertura lignea, rivestita di rame, che termina all’altra estremità con prospetto simile a quello della Chiesa ma più piccolo. E’ questo il Salone che, insieme all’Edificio Sacro, come in un abbraccio simbolico, delimita l’aula all’aperto. Questo invaso, cerniera di tutto il complesso, è caratterizzato da uno pseudo portico in assi di legno, che funge da quinta scenografica e da frangisole rispetto ai volumi retrostanti, dissimula la linea di gronda del tetto, rievoca le cataste di giovane castagno, facili a vedersi lungo le strade del Faito e dei Lattari. Per esigenze parrocchiali, il Salone potrà essere allungato a scapito dell’hortus conclusus, che resta luogo simbolico del Carmelo, di “giardino” dove cresce abbondante vegetazione, luogo di meditazione e di introduzione al percorso della “Via Lucis”. A nord, l’edificio delle OMP poco visibile da sud, è impostato a quota delle serre (-3,00 m). Il piano attico, se realizzato in forma di loggiato, potrà ospitare la casa Canonica previo lavori di chiusura e supportare un impianto fotovoltaico. Il profilo estetico di questo lato è stato valutato nelle tre possibilità: senza piano attico, con loggiato, con Casa Canonica.L’aula liturgica è del tipo longitudinale con accenno assembleare verso il Presbiterio. Di forma curva, questo è conchiuso da una pseudoabside che si svolge come papiro fino ad arrotolarsi più bassa ed avanzata per formare l’Ambone: la Parola che avvolge il luogo dei luoghi e che protegge Altare e Sede. Il “rotolo” presenta una frattura proprio in corrispondenza del Leggio, come Sepolcro aperto che lascia sgorgare la Parola. Il “papiro”, lacerato al centro con l’evocazione grafica del Crocifisso, visibile anche dal lato convesso, dissimula un’area a duplice uso di penitenzeria e luogo di preghiera contemplativa, cuore pulsante della comunità, che surroga la Cappella Feriale. La Custodia Eucaristica, sottoforma di roccia a tutto tondo, è incastonata nel vetro fisso di separazione fra “adorazione” e Presbiterio, con sportello apribile dal lato dell’Aula. Gli interni sono segnati dal grande muro in tufo con deambulatorio che ha funzione di Percorso Processionale, ospita la “via Crucis” e raccorda Aula e Coro, Sagrestia e Confessionali; comincia dalla Porta Catecumenale e termina con la Penitenzeria; poi come porticato interno al Salone, sfocia nel riservato Hortus Conclusus. La Porta, con due grosse ante su forti cardini a colonna, si apre verso l’esterno a delimitare un prodromo che accoglie sia da un punto di vista fisico che semantico. La contro vetrina, per metà fissa, ha dimensioni tali da consentire gli ingressi processionali.
5 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Il tradizionale profilo a capanna della facciata, con il volume del Battistero, la Croce, il Sagrato e, le campane, segno sinestetico che ritma la giornata cristiana, rendono inequivocabile il rapporto semantico fra forma e funzione dell’Edificio Sacro. Anche i materiali appartengono all’immaginario collettivo di Chiesa semplice di campagna, casa fra le case, presso le case. Un possente muro in tufo a vista attraversa il lotto e delimita a nord l’Edificio Sacro; percorribile in sommità, è...

    Project details
    • Year 2014
    • Work started in 2013
    • Work finished in 2014
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Churches
    Archilovers On Instagram
    Lovers 5 users