Recupero e Riqualificazione del Giardino del Castello Caracciolo

Programma integrato di sviluppo territoriale _ PO FESR 2007-2013 Asse VII Sammichele di Bari / Italy / 2013

47
47 Love 3,311 Visits Published
Il progetto di Recupero e Riqualificazione del Giardino del Castello Caracciolo di Sammichele di Bari si pone l’obiettivo di consentire la realizzazione di nuovi servizi nella città storica (laboratori urbani partecipati) attraverso il recupero di manufatti di pregio storico-culturale e del loro intorno urbano. L’area di progetto è il Giardino collocato sul retro del Castello Caracciolo di Sammichele di Bari che rappresentava, a causa dello stato di abbandono in cui versava, un luogo degradato dove i cittadini si recavano raramente, mentre in passato ospitava numerose attività. Le caratteristiche dell’area, con la presenza di un patrimonio arboreo e la vicinanza ad un bene storico quale il castello, offrivano la possibilità di sviluppare un progetto con valenza urbana e sociale restituendo al paese un’area da tempo dimenticata. Il giardino è caratterizzato da alcuni manufatti e in particolare: la stalla preceduta da un piccolo cortile recintato, l’aia, la cisterna seminterrata, la macina per la molitura, il percorso pavimentato con pergolato che attraversa il giardino; inoltre altri elementi originari di rilievo sono i muretti a secco di recinzione, in particolare quello ad ovest su via Montegrappa e quello a sud. LA PIAZZA Con l’intento di preservare, valorizzare e caratterizzare nuovamente l’esistente, il progetto si propone di lasciare inalterato l’aspetto architettonico e funzionale delle parti ma per rendere il Giardino più vivo e frequentato dalla comunità intende realizzare al termine del pergolato, che si presentava interrotto, un’area pavimentata che sia funzionale alle attività all’aperto del laboratorio. Si prevede la continuazione del percorso che dal retro del castello conduce alla porta di accesso su via Montegrappa. Per il rifacimento di detto percorso centrale, di concerto con la Soprintendenza, si sono utilizzate basole di pietra tenera tipo Trani bocciardata, in continuità con i materiali e le finiture già presenti nelle porzioni pavimentate esistenti. La Piazza è attraversata dal camminamento centrale ed è posizionata a traguardo dello stesso che la divide in due aree. L’area a sud, rialzata di circa 50 cm rispetto al percorso, è accessibile a mezzo di gradoni in pietra, dal lato prospiciente il percorso principale e con rampe, dai lati adiacenti alla parete di via Montegrappa e al blocco servizi. Il dislivello tra le due piazze permette che la parte rialzata possa fungere da podio e la parte a quota piano campagna possa accogliere la platea. La rampa adiacente il blocco servizi è delimitata da lastre di pietra di Trani infisse nella pavimentazione e tenute da elementi metallici. I monoliti sono caratterizzati da uguale altezza e spessore, sono lavorati a grana fine su entrambe le facce ed hanno finitura già presente in altri elementi lapidei del Giardino, presentano lunghezza differente e sono distanziati fra loro in modo tale da riproporre una sorta di “codice a barre”. La delimitazione della rampa lungo la parete di via Montegrappa è realizzata con elementi in metallo per consentire la completa visibilità del muro di cinta in conci di pietra di via Montagrappa. L’area a piano campagna è definita lungo i lati nord ed est da piantumazioni di specie vegetali autoctone proprie della zona fitoclimatica (alloro). Lungo il lato ovest è delimitata da una fioriera, che si sviluppa parallelamente a via Montagrappa, ospitante anch’essa piante arbustive mediterranee. La pavimentazione delle piazze è realizzata con pietra tenera tipo Apricena burattata, allettata con malta bastarda e con giunti connessi a cemento di colore chiaro. ARREDO URBANO L’area a piano campagna è inoltre delimitata lungo i lati nord, est ed ovest da un’alternanza di sedute in pietra, del tutto simili alle panche esistenti lungo il pergolato, e da fioriere ad effetto cocciopesto che ospitano giovani esemplari di ulivo con relativi proiettori, tali da garantire un ulteriore sistema di illuminazione. MURO DI VIA MONTEGRAPPA Il muro di confine di via Montagrappa (ovest) ha assunto rilevanza nel progetto di recupero e contribuisce in maniera sostanziale alla riqualificazione dell’area. E’ stata valorizzata la sua fattura attraverso l’eliminazione della sopraelevazione dello stesso costituita da un cornicione posticcio in cemento armato, il ripristino funzionale tramite la stilatura dei giunti tra i conci, la ricostruzione della sagoma e la realizzazione di copertina terminale in cocciopesto, così da riportarlo al suo significato originario. E’ stata inoltre ricostruita la parte di muro utilizzata come varco di accesso al cantiere per i mezzi. BLOCCO SERVIZI Il blocco dei servizi igienici, realizzato circa una quindicina di anni addietro, è addossato lungo il confine sud e realizza un unico corpo di fabbrica con la cabina Enel adiacente. Per fare in modo che l’area rialzata della piazza avesse una “quinta” più calibrata, il progetto ha previsto lo spostamento dell’originario ingresso ai servizi (posizionato lungo il prospetto nord), tamponamento e apposizione di rivestimento in pietra, successiva apertura di nuovo ingresso lungo il lato est e chiusura con serramento esistente. Il blocco servizi si presentava con il cornicione in calcestruzzo mancante in alcuni punti per via di una precedente demolizione. Si è intervenuti attraverso un ripristino volumetrico e strutturale dello stesso mediante l’applicazione di malta colabile. AREA A VERDE L’area a verde si presentava incolta e abbandonata. Gli esemplari arborei si presentavano con chiome folte e rami rovinati per cui è stata prevista una potatura di diradamento e ringiovanimento per regolarizzare, contenere ed riequilibrare la chioma . L’area a terreno, caratterizzata da sterpaglie ed erbe infestanti, è stata ripulita con l’ausilio di mezzi maccanici. IMPIANTI Per la protezione dell’area esterna è stata prevista la realizzazione di un impianto di videosorveglianza. L’impianto di illuminazione è stato integrato con i corpi illuminanti già presenti. I nuovi corpi illuminanti hanno lampade a tecnologia LED. Per l’illuminazione della nuova area pavimentata sono stati scelti oltre ad apparecchi segna percorso, proiettori da porre su palo per beneficiare di una luce più diffusa. E’ stato ripristinato l’impianto idrico-fognante sia nei collegamenti e tubazioni presenti nell’area a verde che nel blocco servizi.
47 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Il progetto di Recupero e Riqualificazione del Giardino del Castello Caracciolo di Sammichele di Bari si pone l’obiettivo di consentire la realizzazione di nuovi servizi nella città storica (laboratori urbani partecipati) attraverso il recupero di manufatti di pregio storico-culturale e del loro intorno urbano. L’area di progetto è il Giardino collocato sul retro del Castello Caracciolo di Sammichele di Bari che rappresentava, a causa dello stato di abbandono in cui versava, un luogo degradato...

    Project details
    • Year 2013
    • Work started in 2012
    • Work finished in 2013
    • Client Comune di Sammichele di Bari (BA)
    • Cost ( € ) 187.790,18
    • Status Completed works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Urban Furniture / Restoration of old town centres / Urban Renewal
    Archilovers On Instagram
    Lovers 47 users