Unicità_IDentificazione

Concorso IDEE - Nuovo Centro Civico Integrato Travacò Siccomario / Italy / 2013

2
2 Love 1,480 Visits Published
Il progetto del nuovo centro civico, partendo proprio da questa caratteristica, propone sull'area tre singoli edifici distinti tra loro sia fisicamente che stilisticamente che si saldano al disegno urbano, rispettandone la scala e la logica di aggregazione di volumi distinti ma non le caratteristiche tipologiche. La risposta al tema che il concorso pone, si articola principalmente in due punti: l’UNICITA’ e l’IDENTIFICAZIONE delle attività civili, mediante un insieme di più complessi connotati da una propria identità architettonica, che comunichino anche visivamente la loro funzione; la creazione di una NUOVA CENTRALITÀ all’interno del paese, che oltre a dare una risposta alla richiesta di servizi, diventi spazio di AGGREGAZIONE e RIFERIMENTO nel quale si svolgano le diverse attività. EDIFICIO POLIFUNZIONALE _ CENTRO RICREATIVO | E’ cronologicamente il primo dei tre edifici ad essere costruito. L’intervento proposto ha lo scopo di RIVITALIZZARE il contesto in cui si inserisce sia attraverso le scelte architettoniche che mediante l’inserimento di funzioni capaci di innescare quel processo di socializzazione e di scambio culturale. Il progetto è giocato opponendo matericità e leggerezza, opacità e trasparenza: la CONTRAPPOSIZIONE enfatizza le peculiarità dei due volumi. Quello superiore, ospitante la sala polifunzionale, rivestito con pannellature cromatiche in laminato HPL e scalfito dalla grande apertura vetrata, risulta ruotato rispetto al sottostante sporgendo in direzione della nuova centralità. Questo sollevarsi dal pavimento permette alla piazza antistante di estendersi sino all'ingresso del foyer intorno al quale si articolano la biglietteria/guardaroba, un piccolo bar e l’ufficio per la direzione. Viste le due principali destinazioni che dovrà ospitare _ piccolo teatrino e circoli ricreativi _ si è strutturato l’edificio in modo tale da poter essere utilizzato indipendentemente per le due funzioni: 1.la sala consiliare sarà direttamente accessibile dagli uffici comunali attraverso il collegamento panoramico fra i due senza dover necessariamente usufruire del piano terreno dello stesso; 2.la medesima sala, se utilizzata in versione teatrale, sarà accessibile direttamente dalla piazza tramite la scala elicoidale vetrata; qualora si rivelasse necessario utilizzare anche lo spazio bar/ristoro, questo è direttamente collegato allo stesso mediante l’ascensore interno. Gli spazi di servizio, quali magazzino e spogliatoi, rimangono interconnessi direttamente col retro palco mediante percorsi riservati agli addetti ai lavori; 3.in ultimo, le due sale dedite al circolo anziani ed al club per i giovani sono state pensate per essere accessibili sia autonomamente dall'esterno che attraverso un collegamento interno all'edificio. NUOVA SEDE MUNICIPALE | Il nuovo edificio ha un’immagine FORTE e UNITARIA che comunica la sua natura di edificio pubblico e rappresentativo. Questa autorevolezza è il risultato di uno SVILUPPO SOLIDO e compatto sia in pianta che nei prospetti, sia per quanto riguarda le caratteristiche architettoniche e compositive che per quanto riguarda la scelta dei materiali e delle finiture. L’architettura dell’edificio riprende in chiave contemporanea la tipologia dell’edificato monumentale tipico degli anni ’30 e presente sul territorio pavese: proporzioni e ripartizione della facciata vengono riproposti all'interno di volumi molto puliti, caratterizzati da bucature di varie dimensioni, da logge e da androni arretrati, da superfici in intonaco e da pannellature in laminato HPL di colore antracite. Disposto su due livelli, si accede dal piano terra attraverso due differenti accessi: uno sul lato Nord _ ovvero dal centro della nuova piazza _ e uno sul lato Ovest _ più in prossimità dei parcheggi. Questo tipo di impostazione ha l’obiettivo di rendere più flessibile l’utilizzo dell’edificio in funzione delle diverse necessità e in nei diversi orari della giornata. La sede municipale ha di per sé un programma funzionale complesso. Esso è risolto tramite una ripartizione dell’edificio su due livelli connessi da un UNICO SPAZIO CONNETTIVO / FRONT_OFFICE centrale che attraversa in verticale tutto l’edificio; il corpo distributivo è posto in posizione baricentrica in modo tale da servire agevolmente tutte le unità funzionali, col minimo di varchi di controllo. Esso è costituito da un atrio posto al livello della piazza inferiore che conduce alle tre aree organizzative, alla sede polizia locale e all’ufficio dedito alle consulenze esterne, e sale infine all’atrio superiore nel quale convergono gli accessi all’ufficio del Sindaco _ rivolto verso la piazza _ , e del segretario comunale, la sala della giunta il locale riunione per i dipendenti nonché lo spogliatoio e le sale archivio/magazzino/ripostiglio. Tramite la passerella sospesa, posta sul fronte Est dell’immobile, il municipio è posto in continuità con l’edificio polifunzionale creando una connessione diretta tra il piano primo del Comune e la Sala Consiliare, anch'essa al piano primo. BIBLIOTECA _ AMBULATORIO | Progettare una nuova biblioteca ha comportato una riflessione sulle caratteristiche di FLESSIBILITÀ, UTILIZZO, ACCOGLIENZA che l’edificio biblioteca deve avere. E’ nata pertanto una riflessione sulla natura dell’organismo stesso, e sul rapporto tra i diversi ambienti (e le diverse funzioni) e tra lo spazio interno e quello esterno. Il progetto prende l’avvio da alcuni punti fondamentali: 1.la biblioteca dovrà essere un luogo attraente, in grado di stimolare la creatività e l’apprendimento, dovrà essere un luogo dove sia piacevole recarsi e trattenersi; '>http://2.caratterizzare'> con la massima trasparenza l’edificio realizzando spazi di lettura luminosi e piacevoli, in diretto contatto con l’esterno e con la piazza; '>http://3.organizzare'> lo spazio interno nel modo più fluido e aperto possibile, rendendo piacevole e naturale l’utilizzo degli spazi e dei servizi offerti. L’edificio si costruisce su geometrie semplici e diviene una presenza che si radica nella città e cerca il dialogo con essa a 360°. Pur essendo un unico volume, l’impostazione planimetrica del progettato si basa, fondamentalmente, su un organismo composto da due elementi circolari tangenti. Al piano terreno gli accessi sono individuati mediante i passaggi attraverso le specchiature d’acqua. La luce che pervade l’open_space della biblioteca si esibisce in un gioco di riflessi che rimbalzano dagli elementi bianchi degli arredi, del pavimento e delle strutture, all’acqua e alle vetrate continue trasparenti. Un solo volume opaco è collocato sul lato opposto agli ingressi, per contenere gli spazi di servizio e la sala riunioni. Dal piano di ingresso, con banco prestito e informazioni, si accede al piano primo sede dell´aula lettura. La ridotta dimensione dei corpi di fabbrica permette di ottenere, all’interno, spazi estremamente luminosi, con uno stretto contatto con l’esterno, ma, nello stesso tempo, di realizzare ambienti raccolti e di dimensioni contenute. Più in disparte è individuato lo spazio bambini che ha un`articolazione che rispecchia in piccolo l´ordine della biblioteca ma incentrata, anche mediante l’uso del colore, sulla stimolazione e sulla capacità di colpire l’attenzione e l’immaginazione dei suoi usufruitori. Lo spazio bambini è inoltre a contatto diretto con l’esterno e permette l’uso del terrazzo. Al piano terreno trova inoltre posto l’ambulatorio medico. Questa destinazione, è stata separata dal resto della biblioteca e può fare uso di un ingresso alternativo e riservato, proprio per la natura delle attività in esse contenute.
2 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Il progetto del nuovo centro civico, partendo proprio da questa caratteristica, propone sull'area tre singoli edifici distinti tra loro sia fisicamente che stilisticamente che si saldano al disegno urbano, rispettandone la scala e la logica di aggregazione di volumi distinti ma non le caratteristiche tipologiche. La risposta al tema che il concorso pone, si articola principalmente in due punti: l’UNICITA’ e l’IDENTIFICAZIONE delle attività civili, mediante un insieme di più complessi connotati...

    Project details
    • Year 2013
    • Client Comune di Travacò Siccomario
    • Status Completed works
    • Type Public Squares / Town Halls / multi-purpose civic centres / Business Centers / Private clubs/recreation centres
    Lovers 2 users