Una piazza per Bologna e l'Emilia Romagna

EDEN Bologna / Italy / 2007

0
0 Love 814 Visits Published
Dalle scelte di carattere generale sopradescritte, si propone un metodo-tecnico-esecutivo di aggregazione edilizia che consente lfavvio nel Centro Direzionale esistente una sperimentazione e un sistema spaziale da verificare nel tempo con i veri utenti futuri della nuova città Bologna Nord – Est

Il progetto quindi si caratterizza in un allestimento di aggregazione spaziale articolato e vario, mutevole e complesso di vuoti e pieni con volontà di un carattere intimista, caldo, aggregante e pensante senza violenze estetico-pubblicitarie aggressive tipo quelle esistenti nei Centri Commerciali di cui si apprezza la potenzialità di attrazione ma non la scarsa qualità culturale e sociale esclusivamente consumistica e commerciale. In sintesi le scelte tecniche sono :

1‹- Spazi di altezze variabili di tre, sei, e otto metri di altezza a secondo lfuso, le esigenze e da definire con gli organismi e le organizzazioni poi incaricate alla gestione delle strutture2‹- Un sistema di Griglie- Strutture orizzontali in legno lamellare,acciaio e cavi in acciaio ( ragnatela ) con profilo a doppia curvatura, variabili e componibili in funzione delle luci nelle coperture e della modulazione di varii interassi e secondo gli agganci della ragnatela agganciata ai torrioni circolari esistenti Alcune strutture sferiche leggere ( bolle di sapone ),alcune aperte e altre chiuse sono previste quali coperture speciali della Piazza centrale Kenzo Tange, della Sala Consigliare Regionale, di altri padiglioni nel parco urbano e negli eventuali altri poli pedonali e ciclabili, e , infine, in punti strategici panoramici sopra le i cilindri delle torri3‹- Una serie di Membrane – Pannelli verso gli spazi aperti esterni, in cristallo trasparente o traslucido o opaco semplice o doppio, strutturale interconnesso con montanti auto-portanti Intervallati con pannelli scorrevoli o bilicati per le uscite e entrate dagli e per gli spazi chiusi

4‹- Membrane – Pannelli interni in materiali leggeri trasparenti o traslucidi o opachi semplice o doppio autoportanti In prevalenza rivestiti in legno come divisori interni degli spazi

5‹- Coperture e spazi esterni a strisce rettangolari e-o quadrati in prato verde, fioritura, specchi dfacqua a varie altezze con possibilità di passeggiate, soste e per le varie manutenzioni

6‹- Pavimentazioni generali in legno naturale trattati con prodotti eco.compatibili e in pietra grezza per parte degli esterni

7‹- Diffuse sistemazioni verdi esterne e interne in contenitori mobili articolati leggeri e rivestiti in legno per consentire nel tempo una variabilità spaziale

8‹- Inserimento diffuso tra le travature di un impianto di illuminazione artificiale al disotto di teli di tessuto di vario genere per la intensità luminosa diffusa e inserimento di spot o fari concentrati per lfilluminazione degli oggetti e altro

9‹- Inserimento di segnaletica leggera con caratteri non luminosi non aggressivi tipo quanto diffuso oggi nei Centri Commerciali

10‹- Inserimento, ovunque,di bacheche blindate con opere dfarte prelevate dai Depositi dei musei, oggi, purtroppo,visionate solo da specialisti e consentendo la visibilità godibilità a tutti i cittadini
0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Dalle scelte di carattere generale sopradescritte, si propone un metodo-tecnico-esecutivo di aggregazione edilizia che consente lfavvio nel Centro Direzionale esistente una sperimentazione e un sistema spaziale da verificare nel tempo con i veri utenti futuri della nuova città Bologna Nord – EstIl progetto quindi si caratterizza in un allestimento di aggregazione spaziale articolato e vario, mutevole e complesso di vuoti e pieni con volontà di un carattere intimista, caldo, aggregante e...

    Project details
    • Year 2007
    • Client Comune di Bologna
    • Status Competition works
    • Type Public Squares
    Archilovers On Instagram