VILLA G

Como / Italy / 2012

85
85 Love 8,059 Visits Published
Ogni architettura realizzata è frutto di molte relazioni: tra le parti, tra le persone, con i luoghi. Bisogna mettere in fila richieste e funzioni, tener conto di performance tecnologiche, indirizzare aspettative. Anche per una villa in Brianza. Cerchiamo quindi una direzione, anzi più d'una; dei vettori che mettano in movimento gli spazi. Lasciamo che i volumi prendano forma. Gli ambienti si sviluppano attorno alla piscina formando un elemento continuo, che prosegue ininterrotto al piano superiore per affacciarsi sulla campagna circostante. Il corpo edilizio si distende sul terreno, ma resta la tensione di questo movimento generatore. Poi, costruito lo schema, cerchiamo le linee di fuga: lo spazio vuoto che ospita la piscina coperta, racchiuso all'interno, è messo in relazione diretta con il giardino aprendo dei varchi in tutte le direzioni nella continuità degli ambienti (il solarium, il pranzo e la zona relax vicino alla spa, il lucernario, la grande apertura al piano superiore). Quello che si ottiene è più della somma delle parti: è un sistema di relazioni spaziali, tenuto insieme dall'inseguirsi e dall'incrociarsi delle linee. Le diverse funzioni si collocano in una geometria di sovrapposizioni e slittamenti che diventa il linguaggio comune per dialogare con il committente, estimatore dell'astrattismo comasco. I materiali sono utilizzati per sottolineare le geometrie: i volumi sono trattati esternamente e internamente in pietra calcarea, mentre l'ambiente piscina è completamente rivestito con grandi lastre di vetro acidato azzurro e ghiaccio, come i gradini della scala che porta al piano superiore. La pensilina in rame e legno avvolge e protegge il piano terra sviluppandosi in un sistema di grandi ante scorrevoli al piano superiore che ripercorre lo sviluppo del diagramma iniziale. I serramenti principali e gli imbotti delle finestre sono in bronzo. All'interno, la cucina è ricavata da blocchi in pietra mentre le parti tecniche (ascensore, zona lavaggio) sono racchiuse in un volume rivestito in legno di palissandro. Le superfici calpestabili esterne sono campite a grandi riquadri bicolori in graniglia di cemento, con un disegno che richiama le lastre della piscina interna. Tutti i materiali sono predisposti ad un invecchiamento naturale, che ci attendiamo possa portare un ulteriore grado di complessità alla composizione delle superfici.
85 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    Ogni architettura realizzata è frutto di molte relazioni: tra le parti, tra le persone, con i luoghi. Bisogna mettere in fila richieste e funzioni, tener conto di performance tecnologiche, indirizzare aspettative. Anche per una villa in Brianza. Cerchiamo quindi una direzione, anzi più d'una; dei vettori che mettano in movimento gli spazi. Lasciamo che i volumi prendano forma. Gli ambienti si sviluppano attorno alla piscina formando un elemento continuo, che prosegue ininterrotto al piano...

    Project details
    • Year 2012
    • Work finished in 2012
    • Status Completed works
    • Type Single-family residence
    Archilovers On Instagram
    Lovers 85 users