Marzia Moreschi

Iesi / Italy

1
send a message
Marzia Moreschi 1
Marzia Moreschi
Dopo 10 anni da agente immobiliare, stanca di vederne di tutti i colori, ho deciso di mutare l'agenzia in una attività di consulenza alle imprese nei settori amministrativo, marketing, formazione, finanziario e immobiliare. In particolare seguo l'avvio delle nuove imprese e servizi connessi. Un altro ramo importante è quello relativo alla consulenza a tutto il comparto immobiliare: costruttori, agenzie immobiliari, operatori immobiliari a vario titolo, clienti privati. Parlando di me posso dire che mi dedico quasi dalla nascita alla ricerca di amici, conoscenti, colleghi o clienti che, come me, credano nella correttezza, nell'onestà, nella giustizia a tutti i livelli: personali, lavorativi, pubblici e privati. Non ho pregiudizi di nessun tipo verso niente e nessuno ma mi fanno orrore l'arroganza, l'egoismo, la supponenza, la presunzione degli incapaci e, in genere, la cultura del "più furbo a tutti i costi" e dell' "io speriamo che me la cavo". Non sopporto il potere (posizione economica, lavorativa o politica) usato per tiranneggiare i deboli o gli svantaggiati spacciandolo per capacità personali ma neanche il vittimismo, posizione assai comoda per spiegare, spesso, situazioni di vantaggio ingiustificate.
Marzia Moreschi
Marzia Moreschi

Dopo 10 anni da agente immobiliare, stanca di vederne di tutti i colori, ho deciso di mutare l'agenzia in una attività di consulenza alle imprese nei settori amministrativo, marketing, formazione, finanziario e immobiliare. In particolare seguo l'avvio delle nuove imprese e servizi connessi. Un altro ramo importante è quello relativo alla consulenza a tutto il comparto immobiliare: costruttori, agenzie immobiliari, operatori immobiliari a vario titolo, clienti privati. Parlando di me posso dire che mi dedico quasi dalla nascita alla ricerca di amici, conoscenti, colleghi o clienti che, come me, credano nella correttezza, nell'onestà, nella giustizia a tutti i livelli: personali, lavorativi, pubblici e privati. Non ho pregiudizi di nessun tipo verso niente e nessuno ma mi fanno orrore l'arroganza, l'egoismo, la supponenza, la presunzione degli incapaci e, in genere, la cultura del "più furbo a tutti i costi" e dell' "io speriamo che me la cavo". Non sopporto il potere (posizione economica, lavorativa o politica) usato per tiranneggiare i deboli o gli svantaggiati spacciandolo per capacità personali ma neanche il vittimismo, posizione assai comoda per spiegare, spesso, situazioni di vantaggio ingiustificate.