Martina Pappalardo

Architect Catania / Italy

0
Martina Pappalardo 0
Martina Pappalardo
Martina Pappalardo
Martina Pappalardo

Follow Martina Pappalardo also on

Teams 1 teams

Si laurea in Architettura nel 2015 presso l’Università degli Studi di Catania, con una tesi dal titolo “Scarti e Architettura: un Centro di Riuso per la città di Acireale”, sulla relazione tra scarti e architettura per il riuso di spazi e fabbricati da destinare ad attrezzature di gestione degli scarti. La tesi viene premiata dalla Municipalità di Acireale e un suo abstract pubblicato sugli Atti XX Conferenza Nazionale SIU “Urbanistica e/è azione pubblica per il ri-ciclo e la valorizzazione energetica dell’ambiente e del paesaggio”. Nel corso degli anni approfondisce la disciplina architettonica sotto i suoi aspetti teorici e progettuali, maturando interesse verso i temi afferenti la co-progettazione, il policy design e i processi di rigenerazione urbana. Nel 2018 consegue il Master di II Livello “U.Rise - Rigenerazione urbana e innovazione sociale” presso l’Università IUAV di Venezia, con un saggio, sviluppato in Spagna, sugli usi temporanei "Il riuso temporaneo come strumento di rigenerazione urbana e attivazione sociale. Il caso Saragozza”. L’esperienza professionale presso studi di architettura, nazionali ed internazionali, come Cannatà&Fernandes in Portogallo, GravalosDiMonte Arquitectos in Spagna, Tat|Studio e Calì Architetti a Catania, le permette di sviluppare, nei confronti della progettazione, un approccio più consapevole, concreto e rispondente alle esigenze comuni e alle problematiche sociali dei nostri tempi. Partecipa allo sviluppo di ricerche e progetti sensibili ai temi della progettazione sostenibile e partecipata. Tra questi, la collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura dell’Università di Catania nell’organizzazione del laboratorio “Luoghi Comuni 2.0” per il progetto partecipato e collettivo dello spazio pubblico della città di Acireale e la collaborazione con lo studio GravalosDiMonte Arquitectos nella realizzazione del progetto “Da scalo ferroviario a vivaio di iniziative di cittadinanza per le colline materane” esposto al Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2018. Nel corso degli anni, prende parte a seminari e workshop sui temi della progettazione architettonica, urbana e paesaggistica, dell’innovazione tecnologica e sociale, dell’imprenditoria (Made labs – Nuove Identità/Mascali – Arcoss – Wow Fablab – GiovanInnovazioni – Illuminafest). Insieme a NaCl Team, di cui è membro fondatore, ha realizzato "Come back to Itaca", uno dei giardini scelti dalla giuria del Radicepura Garden Festival, "The red wall" per Sussulti.Storie di Terra e umanità". _____________________________________________________________________________________________________________ She graduated in Architecture in 2015 at the University of Catania, with a thesis entitled “Waste and Architecture: A Recycling Center for the city of Acireale”, on the relationship between waste and architecture for the re-use of spaces and fabricated buildings to be allocated for waste management equipment. The thesis is awarded by the Municipality of Acireale and its abstract published on the Acts XX National Conference SIU “Urban planning and its public action for the recycling and the environment and landscape energy development”. Over the years she studies theory and projects of architecte discipline, gaining interest in the themes related to co-planning, policy design and urban regeneration processes. In 2018 she obtained the II Level of the Master “U.Rise – Urban regeneration and social innovation” at the University of Venice (IUAV), with an essay, developed in Spain, on temporary uses “Temporary re-use as urban regeneration and social launch tools. The Saragozza case”. Her professional experience in national and international architectural firms, such as Cannatà & Fernandes in Portugal, Gravalos Di Monte Arquitectos in Spain, Tat | Studio and Calì Architetti in Catania, allows her to develop a more conscious, concrete and responsive approach to the common needs and social issues of our times. She participates in the development of research and projects dealing with sustainability topics. She collaborated with the Department of Civil Engineering and Architecture of the University of Catania for the organization of the “Luoghi Comuni 2.0” workshop regarding the collective project the city of Acireale’s public spaces and the collaboration with the firm Gravalos Di Monte Arquitectos for the project named “From railway station to citizenship initiatives for the hills of Matera” exhibited at the Italian Pavilion of the Biennial of Venezia 2018. Over the years, she took part in seminars and workshops in architecture, urban and landscape design themes, social and technological innovation, entrepreneurship topics.