Giovanni Spezzaferro

Architect Salerno / Italy

0
Giovanni Spezzaferro 0
Giovanni Spezzaferro
Impegnato nella ricerca della compatibilità dell' intervento politico-progettuale nella città consolidata e nella pianificazione organica del territorio, annovera nel curriculum technicus esperienze progettuali e manageriali urbarchitettoniche.
Sostenitore del principio che: una buona architettura al servizio di una cattiva scelta insediativa, costituisca un doppio errore: politico perché costituisce un impedimento all'attuazione futura di un appropriato piano di zona; urbanistico perché di fatto sottrae un'area e ne condiziona l'intorno in maniera irreversibile.Un illuminato progettista non accetta di essere strumento di una politica speculativa, impegnandosi unicamente nella ricerca della migliore soluzione architettonica; suo dovere è declinare l'incarico, con amplificazione mediatica.
Predilige P. Soleri e F.L. Wright, quali architetti moderni di riferimento e R.Piano e S.Calatrava, tra i contemporanei.
Ritiene i postulati della didattica del Bauhaus, ancora validi per il percorso formativo progettuale.
Suo personaggio cult, l'architetto passionale del romanzo-film "la fonte meravigliosa"

Giovanni Spezzaferro
Giovanni Spezzaferro
  • Address Via San Alferio, 84122 Salerno | Italy
Teams 1 teams

Impegnato nella ricerca della compatibilità dell' intervento politico-progettuale nella città consolidata e nella pianificazione organica del territorio, annovera nel curriculum technicus esperienze progettuali e manageriali urbarchitettoniche. Sostenitore del principio che: una buona architettura al servizio di una cattiva scelta insediativa, costituisca un doppio errore: politico perché costituisce un impedimento all'attuazione futura di un appropriato piano di zona; urbanistico perché di fatto sottrae un'area e ne condiziona l'intorno in maniera irreversibile.Un illuminato progettista non accetta di essere strumento di una politica speculativa, impegnandosi unicamente nella ricerca della migliore soluzione architettonica; suo dovere è declinare l'incarico, con amplificazione mediatica. Predilige P. Soleri e F.L. Wright, quali architetti moderni di riferimento e R.Piano e S.Calatrava, tra i contemporanei. Ritiene i postulati della didattica del Bauhaus, ancora validi per il percorso formativo progettuale. Suo personaggio cult, l'architetto passionale del romanzo-film "la fonte meravigliosa"