Luce e cultura del progetto. L'esperienza dei grandi nomi dell'architettura

Si conclude il ciclo di incontri con Cino Zucchi, Piuarch, 5+1AA e Stefano Boeri

by Cecilia Di Marzo
0

Volge al termine il ciclo di incontri sul tema Luce e Architettura organizzato da VELUX ed Edilportale in occasione di Made Expo 2017.

Ogni giorno numerosissimi partecipanti hanno seguito con interesse la testimonianza di grandi nomi dell'architettura che hanno raccontato la propria personale visione sul rapporto tra luce e cultura del progetto.

Cino Zucchi, Gino Garbellini di Piuarch, Alfonso Femia di 5+1AA e Stefano Boeri hanno affrontato il tema attraverso un excursus di lavori, dagli albori della propria carriera ai progetti più recenti, che meglio raccontano la loro personale interpretazione.

Cino Zucchi ha invitato a riflettere sull’importanza della luce naturale sin dall’antichità, nonostante la prima età moderna abbia vissuto una sorta di infatuazione per le potenzialità architettoniche della luce artificiale. Il suo intervento è stato un vero e proprio viaggio nel tempo a partire dalle architetture “classiche” come il Pantheon, da lui definita “macchina ottica che sceglie la luce zenitale”, neoclassiche come il Cenotafio di Newton, moderne come quelle di Le Corbusier o Louis Kahn, fino a quelle contemporanee come l’Institute du Monde Arabe o il Louvre Abu Dhabi di Jean Nouvel e le Terme di Vals di Peter Zumthor. Un viaggio che dimostra come un architetto non possa ignorare che la luce è forse uno degli strumenti più potenti nelle sue mani per definire lo spazio e per far risplendere la peculiare bellezza dell’architettura, arte dello spazio abitato.

Fra alcune delle architetture da lui progettate e citate durante il Talk vi sono il Centro direzionale Lavazza che aprirà a breve a Torino, Fili d'erba - il nuovo magazzino automatico Pedrali, inaugurato a settembre scorso a Mornico al Serio, l’edificio per uffici Tertiary Building U15, Milanofiori 2000, il Salewa Headquarters a Bolzano, il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino.


Per Gino Garbellini di Piuarch la luce è “la quarta dimensione di ogni progetto”. È una materia vera e propria: presente, permeabile, persistente, nel divenire naturale come nelle sue manifestazioni indotte dall’uso della tecnologia. La ‘trasparenza’ è infatti un leit motif nei lavori che lo studio ha realizzato negli ultimi 15 anni, pur declinato di volta in volta in modalità differenti: gli Uffici Dolce&Gabbana, il Business Center 'Quattro corti' a San Pietroburgo, il Porta Nuova Building ed il Bentini Headquarters a Faenza sono solo alcuni esempi.


Alfonso Femia di 5+1AA Alfonso Femia Gianluca Peluffo spiega come gli edifici riescano a raccontare la specificità del luogo proprio grazie alla luce. Il modo in cui la luce si relaziona nelle diverse ore del giorno, nei diversi giorni e nelle diverse settimane dell’anno, racconta ogni volta un rapporto diverso dell’edificio con il suo contesto.

Il racconto di Alfonso Femia ripercorre diversi progetti, dalle Nuove strutture direzionali di FieraMilano fino a uno dei lavori più recenti, i Marseilles Docks, in cui la luce è utilizzata per creare atmosfere originali; il sole e il vento come dispositivi architettonici o energetici per rivelare la bellezza del luogo e offrirla in condivisione.

Stefano Boeri sottolinea le potenzialità della luce come "elemento formidabile di variazione della spazialità", come accade ad esempio nel progetto di Villa Méditerranée a Marsiglia, ma soprattutto come "elemento capace di generare una famiglia di architetture che trovano nel vegetale il loro elemento fondamentale", come riesce perfettamente nel Bosco Verticale di Milano.

"Se le città sono la forma della nostra presenza sul pianeta, abbiamo il dovere di portare la natura sulla città". Boeri auspica un vero e proprio processo di "forestazione delle città" attraverso una "demineralizzazione" delle facciate, in cui la luce possa essere accolta e filtrata attraverso le foglie.

Trattenere, filtrare e vagliare le possibilità della luce. Il primo importante intervento in tale direzione è l'oramai ben noto a tutti Bosco Verticale che, spiega Boeri, sarà presto replicato in Cina, Svizzera e Francia con progetti già in fase avanzata di progettazione o realizzazione.

Il rapporto con la luce naturale viene declinato in modi molto diversi. Uno di questi è legato ad una questione di ‘sostenibilità’ in quanto fonte di energia rinnovabile continua. “Abbiamo lavorato molto con architetture che hanno utilizzato la luce del sole per generare energia. Qualche esempio è costituito dal progetto per Astana, per il grande Expo sull’Energia, ma anche per alcuni modelli da esportare lungo l’Africa del Nord".

Comments
    comment
    Author
    References
    40

    Centro direzionale Lavazza

    Turin / Italy / 2016

    26

    Fili d'erba

    Mornico Al Serio / Italy / 2016

    77

    Tertiary Building U15, Milanofiori 2000

    Milan / Italy / 2011

    89

    Salewa Headquarters

    Bolzano / Italy / 2011

    57

    Museo Nazionale dell’Automobile di Torino

    Turin / Italy / 2011

    42

    Uffici Dolce&Gabbana

    Milan / Italy / 2012

    26

    Business Center 'Quattro corti'

    San Pietroburgo / Russian Federation / 2010

    72

    Porta Nuova Building

    Milan / Italy / 2013

    198

    Bentini Headquarters

    Faenza / Italy / 2011

    18

    Nuove strutture direzionali di FieraMilano

    Rho / Italy / 2010

    140

    Marseilles Docks

    Marsiglia / France / 2015

    144

    Villa Méditerranée

    Marsiglia / France / 2013

    319

    Bosco Verticale

    Milan / Italy / 2014