Italy Pavilion at Expo Milano 2015

Palazzo Italia Milan / Italy / 2015

329
329 Love 34,747 Visits Published

The Italian Pavilion project, winner of the international design competition awarded by Expo 2015 S.p.A., foresees the construction of the Palazzo Italia,a building of approximately 12000 sq. m. destined to be used for exhibition areas, offices, institutional and event spaces and pavilions situated along the Cardo, for a further 9000 sq. m. of area devoted to exhibition spaces. The Palazzo Italia is the symbolic heart of the whole project, destined to remain even after the end of the Event.


The general concept of the Palazzo Italia is that of an architectural landscape, in which the building assumes, through its very skin and volumetric distribution, the appearance of a tree-forest in which visitors can immerse themselves and live an emotional experience.


Palazzo Italia: a natural architecture


The Italian identity is interconnected with the size of the landscape. The Palazzo Italia


project is an experiential story where the visitor loses himself in an architectural landscape,


evocative of an “urban” forest that it completely surrounds the visitor because of


the trees and volume of which it is composed.


The Palazzo Italia, with its skin of branches, evocative of a natural architecture, is a metaphor of the Tree of Life.


The project researches, through the design of the branched outer skin, a synthesis and abstraction that recalls the simplicity and naturalness of some artworks by artists of Land Art, called “Natural Architecture”. The Palazzo Italia in its own way, represents a “Natural Architecture”, in which a poetic design and experimental technology merge, giving life to a spectacular organism and sustainable energy.


The branches represent the nursery garden. The vertical development of the skin forms a mesh of


branches that rises and stretches towards the sky, indicating the upsurge of Italy towards the future,


thanks to the young talents who represent the Nursery of Ideas.


The roots- a recall to tradition. Big feet/roots sinking in the earth, seeking nourishment (a metaphor of the deep relationship between the Italian identity and tradition).


Palazzo Italia, an osmotic organism with the environment


The dimensions of the project builds an architecture that is alive and interactive, that, like a tree, is able to exchange energy both actively and passively with the outside. The building is bioclimatic that will follow the Class A+ certification.


The concept of the tree-forest takes shape primarily thanks to the strategic placement of the


technological and energetic framework of device points that makes the building an osmotic organism with its environment.


The tree building exchanges energy through:


- The branched outer skin in premixed photocatalytic cement


- The glass photovoltaic canopy that captures solar energy and contributes to the formulation


of the microclimate of the square below.


Palazzo Italia: functional organization


Palazzo Italia is organised in accordance with four functional blocks connected by bridge elements, real urban scenes that defines the great emptiness of the central square, a place of welcome and a symbol of the community. The functional blocks respectively host the Exhibition area (West Block), the Auditorium area (South Block), the office areas (North Block) and the Delegations room (East Block).


The project interprets the overall theme “Feeding the Planet, Energy for Life”, valorising the concept of the community: the energy of the community is represented by the Piazza del Palazzo Italia, the symbolic heart and starting place of the exhibition.


The project originates from the energy that derives from being together, which means friendship, community and acceptance. The symbol of the community is the square, big and empty around which the exhibition is organized.


Cardo pavilions


The Cardo Pavilions have been designed in keeping with the project of Palazzo Italia and represent the discovery of the Italian territory. The volumetric distribution of the project is based on the idea of typical Italian villages consisting of building of various dimensions juxtaposed with small squares, terraces with cafe bars and archways.


 


ITA


DECLINAZIONE DEL TEMA EXPO L’Italia e l’italianità sono da sempre identificate con l’energia che scaturisce dallo stare insieme, che vuol dire amicizia, comunità, accoglienza. E’ dall’idea di coesione, come generatrice di energia vitale, forza propulsiva del cambiamento per un ritrovato senso di comunità, che siamo partiti per individuare la giusta declinazione al tema generale dell’Expo, per il nostro progetto del Padiglione Italia: To meeat. To meeat (nato dalla crasi dei verbi “meet” e “eat”) vuol dire riconoscersi come parte di una comunità -la Comunità Italia e la comunità globale- e incontrarsi in nome del Cibo, e attraverso il Cibo riscoprire il senso della nostra storia e costruire il senso del nostro futuro. Il tema To meeat stimola il visitatore a ritrovare una nuova consapevolezza del nutrimento come atto naturale e puro, di ritrovata simbiosi con la natura, consapevolezza che è anche riconoscere l’importanza del ritrovarsi insieme per condividere questo momento sacro, nell’ambito di una comunità, locale o globale che sia. Attraverso l’immagine avvolgente e accogliente del nuovo Padiglione Italia intendiamo dare vita e forma al tema della connessione e della condivisione, e quindi al valore della Comunità, inteso sia come aspetto peculiare del Paese-Italia, sia come invito a tutto il mondo ad una maggiore responsabilità e solidarietà nella condivisione e gestione delle risorse del Pianeta. CONCEPT ARCHITETTONICO Il concept architettonico del Padiglione Italia si ispira a un’idea di architettura sistemica -generatrice di relazioni- che a sua volta costruisce un’architettura-paesaggio: la modalità con cui queste relazioni sono organizzate ed espresse dà vita non ad un unico volume contenitore ma ad un insieme di volumi che costruiscono un paesaggio architettonico, evocante l’immagine di una foresta urbana. Se esternamente, verso il Cardo, il progetto del Palazzo Italia si ricompone in una volumetria più rigorosa e unitaria per far fronte alle esigenze funzionali e di comunicazione multimediale espresse dal Documento preliminare alla Progettazione, l’architettura-paesaggio si rivela allo spettatore una volta attraversata la piazza espositiva posta al piano terra, generando una sensazione di sorpresa e un senso di scoperta, che rappresenta la prima tappa del viaggio all’interno del Percorso espositivo vero e proprio. Il percorso del Visitatore inizia immergendosi nella piazza coperta che conduce nella foresta urbana, definita da alberi- volumi architettonici che si appoggiano a terra come grandi radici, definendo una spazialità labirintica che accoglie e avvolge il visitatore. Gli appoggi puntuali dell’edificio, che organizzano al piano terra uno spazio labirintico e ancestrale, presentano infatti una volumetria sinuosa e organica che richiama quella di certe radici giganti della pianta di Mangrovia. Allo stesso tempo questi volumi presentano una pelle che rievoca, anche se in forma astratta, la corteccia delle radici, nel suo essere intricata e ruvida ma anche fluida e avvolgente. La pelle “ramificata”, ad un primo livello di lettura evocativa della natura primitiva-ancestrale dell’architettura del Padiglione (parafrasi architettonica del To meeat nature, la natura ritrovata) vuole essere allo stesso tempo evocazione della rete intesa come rete sociale e quindi comunità (to meet people, il social network) ed anche, come rete neurale, con riferimento specifico al tema del Vivaio (la rete dove si accendono le idee), connotazione concettuale-funzionale sia del padiglione expo che della sua riconversione futura ad edificio destinato alla Ricerca ed Innovazione. I volumi avvolgenti e accoglienti dell’edificio, che si costruiscono attorno allo spazio pubblico della piazza, con la loro preziosa trama intrecciata e simboleggiante l’idea del network, hanno poi il valore di identificare il Padiglione Italia come il cuore simbolico e funzionale di tutte le relazioni diplomatiche italiane all’interno di Expo. Si delinea una architettura-paesaggio che nel suo essere evocazione della natura primitiva e ancestrale, si protende verso l’alto con linee fluide e dinamiche, proprie del linguaggio della contemporaneità: una volta addentratosi nella piazza evocante la foresta primitiva e ancestrale , il visitatore scopre che i volumi del padiglione si aprono e si protendono come grandi braccia verso il cielo, ansiose di toccare il futuro. L’articolazione volumetrica del progetto è basata su quattro blocchi principali, organizzati intorno ad un vuoto-piazza centrale, collegati tra loro da elementi-ponte; al loro interno sono organizzate le macro funzioni principali richieste dal Documento Preliminare: Area espositiva, Auditorium, Uffici e Sale riunioni. I quattro volumi architettonici, come se si trattasse di alberi, presentano degli appoggi massivi puntuali a terra che simulano le grandi “radici” del percorso espositivo del piano terra; gli stessi volumi, visti dall’interno della piazza, aprendosi e ampliandosi verso l’alto, si liberano poi con “chiome” leggere, attraverso superfici vetrate su cui si allungano “rami” che in maniera dinamica tessono la trama di queste chiome. Le volumetrie del progetto così articolate costruiscono un’architettura-paesaggio dalla forte urbanità, quasi fosse esso stesso un organismo vivente, dove il Visitatore potrà “arrampicarsi” e godere del panorama che sarà diverso a seconda del blocco architettonico e funzionale in cui si trova, e del livello di riferimento, fino ad arrivare sulla grande terrazza di copertura,dove, affacciandosi, godrà della vista della grande chioma della architettura-foresta. Il dinamismo delle volumetrie architettoniche è ottenuto nell’interno della piazza attraverso superfici inclinate dal basso verso l’alto che curvano in corrispondenza degli spigoli, conferendo fluidità e leggerezza all’insieme, offrendo al Visitatore una vista di alto impatto emotivo; l’inclinazione e la curvatura dei volumi sono gestite con angolature che si ripetono per una rapidità ed un’ottimizzazione dei costi di costruzione. Verso l’esterno invece i volumi risultano più compatti e ortogonali, per una maggiore armonizzazione con il fronte del Cardo e gli edifici e quinte che su esso si affacciano. CONCEPT ALLESTITIVO In coerenza con la concezione generale del progetto, il percorso expo è immaginato come un percorso verticale, di graduale scoperta e conquista delle forme e dei contenuti dell’allestimento, che si svolge parallelamente alla scoperta delle caratteristiche di questa architettura paesaggio e della sua urbanità. In tal senso, ricollegandoci all’idea dell’albero della vita, abbiamo studiato un percorso verticale che permette al visitatore di attraversare da sotto a sopra l’intero edificio, come si trattasse di addentrarsi dentro una foresta (La foresta urbana) e di arrampicarsi sul suo più grande albero (volume interamente dedicato ad area expo), affacciandosi infine dall’alto per rimirarne la grande chioma (la parte superiore dei volumi, in cui sono raccolte le altre funzioni, organizzate sempre entro volumi verticali). Man mano il visitatore sale, la “chioma” degli altri volumi-alberi visibili dall’interno del volume dedicato all’area expo si farà più fitta e suggestiva, e lo spazio expo si dilaterà gradualmente dal livello mezzanino all’ultimo livello offrendo la sensazione di uno spazio che respira e che vive. La grande scala architettonica interna che conduce dal Piano terra del volume dedicato ad expo ai livelli superiori, (avente accesso in corrispondenza dell’angolo a nord-ovest dell’edificio) attraversa longitudinalmente lo spazio espositivo e ne connette visivamente tutti i piani: è metafora della scala che conduce sull’albero dove “Chi vuole guardare bene la terra deve tenersi alla distanza necessaria” (Italo Calvino, Il Barone Rampante). Un’altra scala architettonica, esterna, posta nel cuore della piazza, rappresenta un accesso esclusivo dedicato ad eventi che permette di godere di tutto il panorama interno del progetto. Procedendo dal basso verso l’alto, una volta accreditato il Visitatore potrà accedere alla Piazza del Piano Terra, aggirarsi nella foresta di radici e godere della sua atmosfera raccolta e ‘primitiva’ da foresta pietrificata, e quindi avere accesso all’atrio dedicato all’expo, con la grande scala ‘rampante’ che conduce al vero e proprio percorso espositivo, posto prevalentemente nel blocco ovest del Palazzo Italia. Mano a mano sale il visitatore scoprirà i diversi allestimenti e atmosfere dei differenti livelli espositivi e sarà avvolto dalla luce e dai riflessi della trama di facciata, dalle linee morbide dello spazio espositivo, e da percorsi fluidi e lineari che assecondano il dinamismo architettonico del progetto ed offrono costantemente nuove visuali della foresta urbana. La superficie espositiva aumenta dal basso verso l’alto, così come la luce che la invade e che contribuisce alla sensazione di graduale scoperta legata all’arrampicarsi sulla ‘chioma’ dell’edificio. Questo percorso di graduale salita e scoperta, dando forma -architettonica oltre che allestitiva- alla Visitor Experience, simboleggia il rapporto di trasformazione e mutamento operato dall’uomo sulla natura. Il tema della scoperta sarà alla base del percorso espositivo, con tutte le valenze (educativa, informativa, di stupore e divertimento) ad essa collegate. In termini architettonici il progetto costruisce una sequenza di visioni che accoglie il visitatore e connota il percorso espositivo.

329 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    The Italian Pavilion project, winner of the international design competition awarded by Expo 2015 S.p.A., foresees the construction of the Palazzo Italia,a building of approximately 12000 sq. m. destined to be used for exhibition areas, offices, institutional and event spaces and pavilions situated along the Cardo, for a further 9000 sq. m. of area devoted to exhibition spaces. The Palazzo Italia is the symbolic heart of the whole project, destined to remain even after the end of the...

    Project details
    Lovers 329 users