Nuovo Auditorium di Firenze

Florence / Italy / 2011

79
79 Love 7,635 Visits Published
Eng Florence’s new Parco della Musica complex is an intricate programme ensemble: an urban architecture designed as a music venue for opera and all other kinds of musical performance, it is also a landmark building knitting together different parts of the city. Built to group the many, highly specific, requirements of the Maggio Musicale Fiorentino festival in one location, the new complex also creates a physical and conceptual bridge between the historic town and the Parco delle Cascine area, a trait-d’union between the ancient stone gem that is the city centre and the surrounding landscaped countryside. ABDR’s programme is appropriately “monumental”, a solidified urban landscape fitting seamlessly into its setting. At the same time it is a highly functional technological unit with large halls for concerts and opera in which acoustic excellence is generated by architectural prowess. Accessory spaces include rehearsal rooms, prop-making workshops and accommodation for all the other activities of staged performances. The architecture comprises built volumes, ramps, terraces, staircases, semienclosed spaces and views. Although converging on the complex, external distribution pathways are an orderly continuation of public routes in the area. Boulder-like geometries form huge masses of different textures accessible from all sides by broad approach ramps and stairways. A paved public concourse rises to meet a sturdy leaning volume - a 1800-seat concert hall set at right angles to wide staircases on either side. Its sloping roof becomes the “cavea” of an open-air amphitheatre. The wide graduated steps are clad in porcelain stoneware tiles and can seat 2600 spectators. They flow like a great stone wave down towards the parallelepiped fly tower of the concert hall. A landmark, the tower stands alone, the highest point of the whole complex. Concert hall and fly tower differ not only in shape. The walls of the fly tower are clad in grey tiles whose staggered pattern provides varying visibility into the building while at the same time acting as a fixed sun-shading system. In contrast, the outer walls of the large concert hall are clad in more luminous Kerlite ceramic slabs. A less conspicuous 1000 seat concert hall to the side is also clad in Kerlite. Inside, public areas like foyers and distribution circuits are paved in porcelain stoneware tiles. Walls and ceilings of the performance areas are lined with acoustic-friendly multi-layer wood; the flooring is also in wood. Ita Nuovo Auditorium del Maggio Musicale Fiorentino. Sala lirica 1800 posti a sedere; sala concerti 1000 posti a sedere; cavea aperta 26000 posti a sedere. L’ intervento è chiamato a dare risposta a un programma funzionale e simbolico complesso, applicato a una parte della città, finora marginale, chiamata oggi ad ospitare importanti e prestigiose istituzioni pubbliche. L’area in cui è prevista la costruzione del “Nuovo Auditorium”, posta lungo la linea di faglia che separa la Firenze verde da quella di pietra, gioca infatti un delicato ruolo di integrazione tra le diverse parti della città. Alla scala urbana il progetto è stato pensato per aumentare la dotazione di spazio pubblico ed operare un’efficace riconnessione tra la città ed il parco delle Cascine. Questo ambizioso obiettivo è perseguito attraverso la realizzazione di un vasto sistema di aree aperte e percorribili pedonalmente, che a varie quote tra di loro raccordate, mette a sistema le nuove volumetrie dei due auditorium e della cavea all’aperto. Il sistema del palco artificiale costituito dalle coperture praticabili dell’edificio si raccorda a quello naturale delle Cascine attraverso un piano inclinato pedonale che a sudovest attraversa il fosso Macinante. L’insieme degli spazi e dei luoghi espressamente dedicati alla musica descrive un luogo di grande valore urbano e paesaggistico, un sistema di terrazze e di spazi aperti schiettamente “toscano”, destinato a raccordarsi sul piano urbanistico, architettonico e visivo con l’immediato intorno costruito e con l’intera città di Firenze. Alla scala del contesto locale il nuovo progetto è pensato per realizzare un ampio complesso culturale di livello europeo, il parco della Musica e della Cultura appunto, all’interno del quale sono inseriti i volumi imponenti degli auditorium e dei servizi connessi con le importanti preesistenze (Leopolda) sino a costituire una nuova centralità urbana dedicata alle attività culturali e musicali. Alla scala architettonica il progetto è pensato per assicurare le migliori dotazioni di un polo musicale di primaria importanza, attraverso un’offerta prestazionale di estrema rilevanza e di assoluta eccellenza sul piano della musica lirica, concertistica, da camera e rock, in un complesso polifunzionale e flessibile sul piano delle sue molteplici potenzialità. Il principio progettuale è ispirato a una chiarezza architettonica: una sorta di ampio basamento, una zoccolatura inclinata dove sono inserite le due grandi sale da musica e l’enigmatico volume della torre delle scene. Un progetto che presenta un’ imponente massività, stemperata dall’ esistenza di una fitta rete di percorsi interni ed esterni, costituiti da rampe, terrazze e spazi racchiusi che, dimensionati a misura d’uomo, riportano il progetto alla conformità della scala architettonica. Tutti gli spazi interni per il pubblico sono serviti dall’ampio foyer a cui si accede attraverso lo spazio sottostante la grande pensilina urbana o, provenendo dal Parco delle Cascine, attraverso la vetrata al di sotto del volume inclinato della sala grande. LE SALE La realizzazione di un nuovo teatro lirico dotato degli apparati scenotecnici più innovativi e la dotazione di un moderno ed efficiente auditorium costituisce per la città di Firenze, la premessa indispensabile per appartenere al circuito musicale internazionale della musica colta, sia dell’esecuzione musicale della musica classica e contemporanea nel quale l’Italia vanta storicamente un primato indiscusso. La forma delle sale è concepita, come in uno strumento musicale, nell’obiettivo di assicurare la migliore risposta acustica. IL TEATRO LIRICO La grande sala da 1800 posti è contenuta all’interno di un volume stereometrico inclinato inserito all’interno del piano inclinato ascendente. La forma adottata è a “ferro di cavallo”, tradizionale ma innovativa nelle sue condizioni di disegno, è contenuta tra le due fasce distributive perimetrali di scale e rampe, che assicurano il funzionamento della macchina distributiva e contribuiscono allo stacco dalle pareti dell’involucro per una migliore resa acustica. Una complessità che trova forse nella figura della sala il punto più evidente di raccordo tra creazione formale e risposta prestazionale. Come in uno strumento musicale il percorso creativo della forma è qui tutto dispiegato per assicurare la migliore risposta acustica ( e visiva) possibile. La distribuzione della Sala prevede un’ampia platea direttamente accessibile dal foyer e un solo ordine di galleria accessibile dal sistema di distribuzione laterale alla sala. Nel due porzioni laterali ottenute dalla prosecuzione del piano della galleria verso il palco sono collocati i palchetti, serviti da piccoli spazi retrostanti destinati all’accoglienza degli ospiti. Il palco, conforme per forma e dimensione agli standard internazionali, è studiato per ospitare al centro dello spazio scenico la rappresentazione e nelle due tasche laterali fino a due allestimenti pronti per essere movimentati durante gli intervalli. La movimentazione delle scene avviene orizzontalmente attraverso l’uso di piattaforme mobili montate si carrelli. Altro aspetto unico del nuovo Teatro Lirico di Firenze è dato dalla flessibilità dimensionale del palco in grado di ospitare rappresentazioni teatrali con profondità di scena doppia rispetto alle dimensioni consentite dai tradizionali teatri italiani ed europei. L’AUDITORIUM La Sala da 1100 posti è caratterizzata da una grande flessibilità d’uso. Prevalentemente destinata alla musica concertistica, il palco può ospitare fino a 115 musicisti e 100 coristi, nonchè essere facilmente adattato per le rappresentazioni teatrali. il palco di fatto può assumere, una configurazione di tipo tradizionale rispetto alla posizione della platea o una posizione centrale, del tipo Teatro Globale, per le rappresentazioni sperimentali. La platea unica ed i settori laterali al palco permettono attraverso veloci apparati scenotecnici di variare la capienza della sala da 1100 a 500 spettattori, restituendo alla Fondazione Maggio Fiorentino uno strumento in grado di articolare al meglio le proposte teatrali ottimizzandone la gestione. I rivestimenti interni saranno realizzati, nella migliore tradizione concertistica, in legno e con speciali tende acustiche capaci di ottimizzare l’ acustica ad ogni differente configurazione e utilizzo della sala. LA CAVEA La Cavea capace di contenere più di 2000 spettatori. è posizionata in copertura del teatro ad integrazione e conclusione dell’esteso sistema di piazze, terrazze e belvedere. La sua fruibilità, pertanto, non è relegata alla sola temporalità degli spettacoli, ma è estesa all’intero arco della giornata, delle stagioni e dell’anno. Le sue gradinate di “pietra” sono concepite come veri e propri “salotti urbani” alternati a porzioni trattate a piccolo giardino, offerti all’uso continuo e libero del pubblico. La contigua presenza del complesso bar-caffeteria-ristorante, ne supporta la funzione di struttura adatta alla vita en plein air. La localizzazione della Cavea ai piedi del grande volume della torre delle scene, inoltre, assicura funzionalità aggiuntiva alla struttura che potrà trovare, nella grande parete soprastante, un ampia superficie per proiezioni, in grado di supportare al meglio qualsiasi grande evento spettacolare. LE SETTE NOTE Sulla piazza dell’Auditorium si stagliano, perfettamente allineati, sette grandi vetri, tre metri per tre, che fuoriescono dal suolo. Il numero dei vetri è l’unico richiamo alla scala musicale. In ognuno di loro c’è una forma di colore che si libra nel vuoto. Si tratta di pigmento compresso, e si alternano tre colori: un’ocra limone, un rosso pozzuoli, una terra verde di Nicosia. Sono terre naturali, le stesse terre che usavano i maestri della nostra tradizione per gli affreschi. La distanza tra ogni vetro sarà di due metri: il pubblico potrà passeggiare tra l’uno e l’altro, entrando nello spazio della scultura e in qualche modo facendone parte.
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    Eng Florence’s new Parco della Musica complex is an intricate programme ensemble: an urban architecture designed as a music venue for opera and all other kinds of musical performance, it is also a landmark building knitting together different parts of the city. Built to group the many, highly specific, requirements of the Maggio Musicale Fiorentino festival in one location, the new complex also creates a physical and conceptual bridge between the historic town and the Parco delle Cascine area,...

    Project details
    • Year 2011
    • Work started in 2010
    • Work finished in 2011
    • Main structure Reinforced concrete
    • Client presidenza Consiglio Ministri, Comune di Firenze, Regione Toscana
    • Contractor SAC spa
    • Cost 160.000.000
    • Status Completed works
    • Type Concert Halls
    Lovers 79 users