Nuovo plesso Scolastico a Radicofani

Concorso - 2° classificato Radicofani (SI) / Italy / 2011

1 .ToString()
1 Love 256 Visits Published
All’esterno il corpo di fabbrica si presenta articolato in altezza, contraddistinto da una sostanziale compattezza muraria interrotta della grande cesura che individua l’ingresso e dalla quale si inquadra uno scorcio dell’interno. I prospetti ripropongono il carattere semplice e austero delle architetture del luogo; i materiali sono quelli dell’architettura tradizionale locale, come la pietra peperina. Dal punto di vista distributivo è stato seguito il principio di aggregare gli spazi funzionali attorno alla grande corte, verso la quale si affacciano con ampie superfici vetrate, inquadrando il verde della montagna e denunciando un carattere introverso dell’edificio: un giardino diventa così uno spazio intimo, protetto dove i bambini possono giocare e studiare all’aperto. In estate la vetrate della corte si possono aprire a creare un grande spazio porticato. Il programma funzionale della scuola è stato definito a partire dalle indicazioni della normativa ministeriale e di settore, oltre alla realtà, in termini numerici attuali e di previsione, della scolaresca di Radicofani. Il lotto è stato organizzato prevedendo un accesso pedonale e un accesso carrabile utilizzabile dallo scuolabus, dai furgoni per lo scarico e carico di materiale necessario al funzionamento della scuola e dai mezzi di soccorso quali ambulanza e Vigili del Fuoco, oltre ad un area destinata al parcheggio e collegata alla quota d'ingresso con una rampa, tutto il resto è destinato alle aree verdi attrezzate. Tenendo conto della futura destinazione d’uso degli attuali magazzini comunali, il nuovo edificio sarà tenuto ad una distanza di almeno 10m e opportunamente separato da una fascia verde di rispetto. La collocazione della scuola media in un braccio autonomo dell’impianto quadrato, ricongiunto agli altri ambienti con un collegamento aereo, permette la realizzazione dell’opera per stralci senza compromettere l’integrità formale del complesso durante la prima fase dei lavori. Al piano terra nella sezione riservata alla scuola elementare trovano posto cinque aule, la mensa, la cucina oltre che ad un’aula di interciclo, ad un deposito, ai servizi igienici e alla stanza per i custodi; mentre al piano primo si trovano la stanza insegnanti, la segreteria e la direzione didattica oltre ai servizi igienici e ad un piccolo magazzino. Anche la scuola media è organizzata funzionalmente su due piani con uno schema che si ripete uguale: le tre aule e i servizi igienici al piano terra e la stanza insegnanti, la segreteria e la direzione didattica oltre ai servizi igienici e ad un’aula informatica multimediale, al piano primo. Le aule si affacciano all’esterno con grandi finestre quadrate per favorire le relazioni visive e spaziali con il contesto naturale. Gli ambienti sono pensati per soddisfare le esigenze di una permanenza confortevole, stimolando inoltre una fruizione attiva degli spazi; obiettivo fondamentale è quello di garantire una buona manutenzione dell’edificio, attraverso un corretto utilizzo degli standard costruttivi in tema di isolamento, funzionamento e gestione temporale. In fase progettuale si è tenuto conto anche delle esigenze attese, ipotizzando una flessibilità funzionale dell’edificio per una possibile trasformazione futura, sia in termini di superficie attraverso l’utilizzo di pareti divisorie interne non fisse, sia in termini di destinazioni d’uso dei locali. La scuola come grande e rassicurante casa pronta ad accogliere al suo interno la vita e a trasmettere attraverso l’istruzione e la conoscenza, i sentimenti di identità e di appartenenza alla comunità.
1 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    All’esterno il corpo di fabbrica si presenta articolato in altezza, contraddistinto da una sostanziale compattezza muraria interrotta della grande cesura che individua l’ingresso e dalla quale si inquadra uno scorcio dell’interno. I prospetti ripropongono il carattere semplice e austero delle architetture del luogo; i materiali sono quelli dell’architettura tradizionale locale, come la pietra peperina. Dal punto di vista distributivo è stato seguito il principio di aggregare gli spazi...

    Project details
    • Year 2011
    • Client Comune di Radicofani
    • Status Competition works
    • Type Kindergartens / Schools/Institutes
    Lovers 1 users