Risistemazione del lungolago di Como - Progetto vincitore

Como / Italy / 2010

13
13 Love 6,394 Visits Published
La nostra proposta per il lungolago di Como vuole osservare il tema del concorso integrando tra loro una serie di sguardi diversi e complementari attraverso una sensibilità comune, senza tuttavia ridurre la stratificazione di un paesaggio modificatosi nei secoli a una forzata unità.
Il nucleo della città romana e medievale si è aperto negli ultimi secoli verso l’acqua e il paesaggio con l’edificazione delle ville patrizie, le opere di sistemazione delle rive, la creazione di parchi e spazi verdi, di nuove presenze monumentali, di strutture ricreative, infine di interventi legati alla fruizione turistica del lago. I manufatti legati ai sistemi di trasporto - la viabilità, le stazioni dei mezzi pubblici, le vie di ferro, i manufatti per l’attracco dei battelli e delle imbarcazioni - costituiscono un sistema complementare all’edilizia consolidata, e le pavimentazioni, le alberature, gli elementi illuminanti, i manufatti di arredo ne costituiscono una sorta di “legante”. L’insieme ha il carattere di un palinsesto complesso, vissuto come sfondo della vita di tutti i giorni da diversi pubblici nelle diverse ore e stagioni, in un delicato equilibrio tra le opere dell’uomo e l’orografia dei monti e del lago.
La proposta progettuale vuole leggere e interpretare queste condizioni all’interno di una nuova sensibilità “ambientale”, capace di creare nuove connessioni tra cose conosciute e amate. Essa individua e valorizza una serie di contesti cruciali: luoghi dal carattere romantico dove passeggiare, sostare, contemplare, spazi più istituzionali e rappresentativi, luoghi privilegiati per il contatto con l’acqua e spazi a vocazione ludica. Nasce così il progetto del lungolago, come una sequenza di eventi fortemente interconnessi e caratterizzati, in grado di costituire un organismo funzionante e omogeneo attraverso una serie di dispositivi unificanti.
La nuova configurazione è centrata su due elementi fortemente integrati: la proposta di una grande piazza d’acqua in forma ellittica posta in asse con piazza Cavour, che riprenda e trasfiguri le forme dell’antica darsena in una nuova dimensione “naturalistica”, e un insieme coerente di linee guida di natura concreta e operativa, come la sistemazione della pubblica illuminazione e l’introduzione di pochi e ben disegnati elementi di arredo urbano.
Il progetto della promenade urbana parte dal riconoscimento degli elementi esistenti quali il doppio filare dei tigli, le gradinate sull’acqua, gli ormeggi; con l’introduzione di un nuovo strato esso arriva a rileggere con attenzione e rispetto lo stato attuale e contemporaneamente a generare nuovi significati e nuovi punti di vista.
Sulla copertura delle grandi vasche di laminazione già costruita si adagia un manto lapideo perforato da anelli verdi di differenti diametri che coronano i fusti dei tigli esistenti quasi fossero perle di una lunga collana. Il manto di pietra naturale, in serpentino della Val Malenco, viene tessuto in una serie di varianti cromatiche generate dai vari tipi di lavorazione e finitura e completato con l’inserimento di listelli rettangolari di bronzo o d’acciaio inossidabile: vengono così a crearsi nuove passeggiate caratterizzate da cromie simili ai toni verde-azzurri del lago.
Piazza Cavour si propone come un nuovo grande palco cittadino dal quale osservare la vita della città. Alcuni elementi preesistenti quali la pavimentazione in pietra naturale, l’alberatura e il verde sono mantenuti e integrati con un particolare sistema d’illuminazione e di definizione dei bordi delle aiuole trasformate in panche lineari.
La biglietteria e il fabbricato per i servizi tecnologici sono caratterizzati da una copertura metallica che accoglie nella parte sottostante tutti i servizi necessari e sono generati da un’unica matrice formale che evoca l’eleganza delle forme “nautiche” in due diverse declinazioni.

Consulenza illuminotecnica:
Ferrara - Palladino
Cinzia Ferrara
Pietro Palladino
13 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    La nostra proposta per il lungolago di Como vuole osservare il tema del concorso integrando tra loro una serie di sguardi diversi e complementari attraverso una sensibilità comune, senza tuttavia ridurre la stratificazione di un paesaggio modificatosi nei secoli a una forzata unità.Il nucleo della città romana e medievale si è aperto negli ultimi secoli verso l’acqua e il paesaggio con l’edificazione delle ville patrizie, le opere di sistemazione delle rive, la creazione di parchi e spazi...

    Lovers 13 users