“4C” Building - China Convention Compliance Centre

Beijing / China / 2009

1
1 Love 4,045 Visits Published
Progetto: mOa - Mario Occhiuto Architetture
Consulente per le soluzioni energetiche: Prof. Federico Butera (Politecnico Milano) e Architetture Sostenibili Srl.
Strutture ed impianti: FMi- Favero & Milan ingegneria S.r.l. – Mirano, Venezia.
Adeguamento del progetto alle normative cinesi: BIAD- Beijing Institute of Architecture and Design
Superficie: 27 200 mq


Il 4C building è un edificio le cui principali caratteristiche sono l’efficienza energetica, l’innovazione e la forte connotazione estetica nel panorama pechinese. E’ stato realizzato per il MEP - Ministry of the Environmental Protection of China per ospitare gli uffici destinati alla gestione ed al controllo delle attività relative all’attuazione di Accordi Ambientali Multilaterali ed alla lotta contro il traffico illegale delle sostanze chimiche pericolose.

mOa- Mario Occhiuto Architetture ha ricercato le soluzioni tecnico-formali del progetto in un’attenta lettura del contesto e dei suoi elementi climatici, urbanisti ed architettonici, interpretando i suggerimenti del luogo in una espressione formale fortemente riconoscibile e dotata della solennità necessaria per un edificio governativo.

Tanto le condizioni di tipo urbanistico che quelle climatiche suggeriscono la chiusura dell’edificio verso nord ed una maggiore permeabilità a sud. Nella elaborazione del progetto è stato anche importante tenere conto della espressa volontà del Ministero di conferire alla facciata nord un’immagine di alta rappresentanza, armonizzandone le caratteristiche con quelle degli edifici governativi circostanti. Di conseguenza, il disegno di progetto si fonda sul rigore e l’insieme compatto della facciata nord, apparentemente bloccato, ma in realtà ricco di affacci e visuali, in netto contrasto con la realtà mutevole e variegata delle ali ovest, est, e della facciata sud, che presentano un gioco di tangenze tra le superfici curve e l’alternarsi dei pieni e dei vuoti.

La facciata nord, fatta di marmo e travertino, è caratterizzata da una chiusura che trae origine e giustificazione dalla presenza della viabilità di grande traffico, dalla provenienza dei venti freddi invernali settentrionali, ma anche dall’esigenza di conferirle la giusta solennità di edificio del governo; le finestre sono di ampiezza limitata per evitare l’eccessiva dispersione di calore in inverno e studiate per garantire l’interazione visiva interno-esterno. La facciata è ben isolata, sia termicamente, sia acusticamente.
La facciata sud, invece, rivestita in parte con alucobond, presenta ampie vetrature, in modo da sfruttare gli apporti solari invernali ed ottenere il massimo sviluppo possibile di superfici per l’aerazione ed illuminazione naturale, oltre che dialogare con i quartieri residenziali antistanti.
Al fine di evitare gli effetti estivi di surriscaldamento, dovuto alla radiazione solare, l’ abbagliamento e per regolare il comfort visivo, su questo lato sono stati progettati aggetti orizzontali opportunamente dimensionati.
Un altro importante contributo alla sostenibilità del progetto è dato dalle due corti interne con copertura apribile. Queste bucano l’edificio in tutta la sua altezza partendo dal piano terra fino al tetto e rivestono un doppio ruolo: garantire la luce naturale agli uffici privi di affaccio verso l’esterno e, a seconda delle stagioni, contribuire alla diminuzione dei consumi per il condizionamento aprendone il tetto.
Oltre alle caratteristiche puramente architettonico - funzionali e alla scelta accurata dei materiali da costruzione, l’edificio è stato studiato anche dal punto di vista del suo posizionamento rispetto al sole. Sistemi tecnologici molto avanzati sono impiegati per ottimizzare l’illuminazione naturale ed il riscaldamento, contribuendo a combinare il disegno di progetto con il maggior risparmio energetico possibile.

Il progetto fa parte del programma di cooperazione sino-italiana tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare italiano e MEP, sotto la guida della Direzione Generale per la Ricerca Ambientale e lo Sviluppo.
1 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Progetto: mOa - Mario Occhiuto Architetture Consulente per le soluzioni energetiche: Prof. Federico Butera (Politecnico Milano) e Architetture Sostenibili Srl. Strutture ed impianti: FMi- Favero & Milan ingegneria S.r.l. – Mirano, Venezia. Adeguamento del progetto alle normative cinesi: BIAD- Beijing Institute of Architecture and Design Superficie: 27 200 mq Il 4C building è un edificio le cui principali caratteristiche sono l’efficienza energetica, l’innovazione e la forte...

    Project details
    • Year 2009
    • Work finished in 2009
    • Client MEP – Ministry of the environmental Protection of China
    • Status Completed works
    • Type Government and institutional buildings
    • Websitehttp://www.occhiuto.it
    Lovers 1 users