Club Azzurro

Varese / Italy / 2015

5
5 Love 751 Visits Published

ENG -Concentrating on the choice of soft parameters, the firm D73 (Vismara and Viganò) has re-qualified a sports centre by including a spa area among its services and characterising it withhigh-tech stone surfaces by Ariostea enhanced by grazing light from spotlights.


Marco Vismara and Andrea Viganò have a perceptive approach to projects for rooms and focus their attention on the way in which people interact with the place in which they “live”, in the more complete sense of the word. They pay special attention to projects having to do with wellness in which the correct perception of the surroundings is essential for creating a condition of wellbeing. They tackled the project for re-qualifying the Club Azzurro in Gazzada Schianno, in the province of Varese, starting out from the image and from the figurative references that the user would like to find when seeking physical and mental wellbeing.
The project was not simply an up-date and modernisation of the technical systems for well-being, of the type implemented regularly by fitness facilities in order to stay in line with the times. Rather, it was a matter of re-interpreting the rooms on the basis of the parameters defined as “soft” that determine a change in the interaction between the individual and the place.When speaking of “soft” parameters, what is normally meant is the environmental aspects such as the lighting, the colours, even the smells, in some cases. Great attention is paid in this respect to the type of surfaces, floors and wall coverings and their finishes. These are no longer perceived as an aseptic container but as elements that, since they come into contact with the body, interact directly with people’s mental wellbeing. They are aspects of design that reach beyond the primary construction choices and that characterise an interior, differing it from another and causing individual reactions.
The Club Azzurro is one of the many sports centres in Italy in the wake of the fashion of fitness, body care and health improvement. Created in the late nineteen-eighties, it was originated as a set of equipment, with a merely functional established distribution of the rooms and without any overall formal project. With the change of management in 2007, the need to adapt the image of the interiors to contemporary aesthetic taste has provided the opportunity to create a spa area of about 90 square metres, with a whirlpool, sauna, Turkish bath, a relaxing area and reaction showers in the place of an earlier area dedicated to beauty that has now been demolished.
The relatively minute size of the area involved in the project enabled the designers to enrich it by studying the details thoroughly. Definition of the soft parameters started from the choice of the surfaces, for which Ariostea’s high-tech Black Ardesia stone was used. This material has an intense and extremely fine grain, with a smooth and uniform appearance. Used for the floor of the whole spa area, including the swimming-pool and the chaises longues in the interior, it has the purpose of giving the environment an atmosphere of intimacy, welcoming and protective, preparatory to the embrace and regenerating action of the water. This “cavern” of warmth and coolness has delicate lighting provided by spotlights along the ceramic surfaces of the walls and in the swimming-pool, forming visual cones that guide users through the paths of well-being without disturbing the overall atmosphere of repose for the eyes: the light reflected on the Black Ardesia surfaces also highlights the delicacy of its veins, that in the shadow look exactly like those of the stone of a cavern. Colour therapy is carried out by means of LEDs inside the Turkish bath and the sauna. Illuminated slits between the tiles, lastly, separate the various zones, from the swimming-pool to the relax area: the intention of the project is to allude to the functions rather than impose them with dominating visual signs.


 


 


ITA - Concentrandosi sulla scelta dei parametri soft, lo studio D73 (Vismara e Viganò) riqualifica un centro sportivo inserendo tra i suoi servizi una zona Spa e caratterizzandola con superfici in pietra high-tech di Ariostea dai toni cupi valorizzati da illuminazione radente a spot. Marco Vismara e Andrea Viganò hanno un approccio al progetto degli ambienti di tipo percettivo e concentrano la loro attenzione sulle modalità di interazione tra le persone e l'ambiente in cui “abitano”, nel senso più completo del termine. Particolarmente attenti ai progetti della tipologia del wellness, in cui fondamentale è la corretta percezione dell'intorno al fine di creare una condizione di benessere, hanno affrontato l'intervento di riqualificazione del Club Azzurro di Gazzada Schianno, in provincia di Varese, a partire dall'immagine e dai rimandi figurativi che l'utente desidera nella situazione della ricerca del benessere fisico e mentale.
Non si è trattato infatti di un semplice aggiornamento e ammodernamento delle strutture tecniche deputare al benessere, che gli impianti per il fitness periodicamente realizzano per essere al passo coi tempi, ma di una reinterpretazione degli ambienti basata su quei parametri definiti “soft” che determinano il cambiamento nell'interazione tra l'individuo e il luogo. Quando si parla di parametri “soft” si intende in generale aspetti dell'ambiente come la luce, i colori, persino gli odori in certi casi; grande attenzione tra questi meritano il tipo e le finiture delle superfici, pavimenti e rivestimenti, che non sono più percepite come contenitore asettico ma come elementi che, essendo a contatto con il corpo, interagiscono in modo diretto con la psiche della persona: si tratta di aspetti delle progettazione che vanno al di là delle primarie scelte costruttive e che caratterizzano un interno rispetto a un altro, provocando reazioni individuali. Il Club Azzurro è uno dei numerosissimi centri sportivi sorti in Italia in seguito alla moda del fitness, della cura del corpo e del miglioramento della salute. Realizzato alla fine degli anni Ottanta, era nato come insieme di attrezzi da palestra, con una distribuzione esclusivamente funzionale degli ambienti e senza un globale progetto formale. Con il cambio di gestione nel 2007, le necessità di adeguare l'immagine degli interni al gusto estetico contemporaneo ha offerto l'opportunità di realizzare un'area Spa di circa 90 mq con idromassaggio, sauna, bagno turco, area relax e docce di reazione al posto di una precedente area dedicata all'estetica ora demolita.
La dimensione relativamente minuta dell'intervento ha permesso ai progettisti di arricchirla con lo studio dei dettagli. La definizione dei parametri soft ha avuto inizio dalla scelta delle superfici, per le quali è stata scelta la pietra high-tech Black Ardesia di Ariostea, un materiale dalla grana intensa, estremamente fine, che si presenta liscia e uniforme. Utilizzata a rivestimento e a pavimentazione dell'intera zona Spa, compresa la piscina e le chaise longue all'interno, è finalizzata a conferire all'ambiente un clima di intimità, di accoglienza e protezione, che è preludio all'abbraccio e all'azione rigenerante dell'acqua. Questa “caverna” del calore e del refrigerio, ha un'illuminazione delicata, a spot lungo le superfici ceramiche delle pareti e nella piscina, a formare coni visivi che guidano nei percorsi benessere senza turbare la globale atmosfera di quiete per gli occhi: la luce riflessa sulla Black Ardesia fa anche emergere la delicatezza delle sue venature, che nell'ombra appaiono proprio come quelle della roccia di una caverna. La cromoterapia è realizzata a Led all'interno del bagno turco e della sauna. Tagli di illuminazione tra le piastrelle segnano infine cambiamenti di zona, dalla piscina all'area relax: è volontà del progetto alludere alle funzioni invece di imporle con segni visivi dominanti.

5 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    ENG -Concentrating on the choice of soft parameters, the firm D73 (Vismara and Viganò) has re-qualified a sports centre by including a spa area among its services and characterising it withhigh-tech stone surfaces by Ariostea enhanced by grazing light from spotlights. Marco Vismara and Andrea Viganò have a perceptive approach to projects for rooms and focus their attention on the way in which people interact with the place in which they “live”, in the more complete...

    Project details
    • Year 2015
    • Work finished in 2015
    • Status Completed works
    • Type Swimming Pools / Fitness Centres / Sports Facilities / Wellness Facilities/Spas
    Lovers 5 users