Private Apartment_CityLife

Milan / Italy / 2014

19
19 Love 3,448 Visits Published
EN - In the center of the historic “Fiera Milano” district, overlooking the new public park, there is the apartment for which Marco Piva has been assigned of designing the interior design (internal architecture, lighting-design and furniture).

Marco Piva, along with his team, has revised the layout of the space according to the needs of the customer.

The entrance, featuring a custom-made backlit plasterboard wall, leads to the large living area.
Designed by Marco Piva, the plasterboard has been studied as opposed to the window, an artificial back-lit in contrast with a natural light source.
The contrast is also visible in the decision to give a horizontal cut at the wall, which gives more visual impact to the verticality of the fixtures and plants.

The living area, very spacious and with access to both terraces, is designed to receive guests or relaxing with the family.
An important element are the two hanging lamps, characterized by a descent of blown glass spheres in which is positioned the light source.
The oval one incorporates the oval table in the dining room, and a circular one is instead placed upon the conversation area.

The library, very long, has a geometric pattern reminiscent of Mondrian, obtained with a set of closed and open parts that create harmonious contrast between empty and filled space.
Inside there were placed decorative lamps, in antithesis with the rigor of the library.
For the central table, it was decided a rust lacquered polyester color in contrast with chairs that have a light-tone decorated fabric.
Even the upholstery were played with neutral and contemporary colors, a comfortable seating that call in tissue textures and designs borrowed from the world of fashion.
For the curtains, it was necessary to have an element that soften the light and the very strong architecture that characterizes the entire complex. For this reason the choice was for a simple white veil that can be opened in all directions as needed.

In the living area there is also one of the main project’s design characteristic: at the junction of the second conversation area, just behind the second sofa, there is a sliding door, which you don’t see tracks or anything about it while it is open.
This door divides the space when necessary, creating the space reserved for listening to music or watching television.
The sliding partition, a reflex glass door, is partially transparent and partially reflective, creating a visual game while it is closed.

From the main living area there is the access to a large utility / laundry room, a space strongly desired linked to the need to have an extremely clean and functional, sterile and technologically advanced products and systems for cleaning the house and a wardrobe where to store clothes.
Here there isn’t a decoration lighting, just a technical deep-studied one, purely functional.
From the laundry area we access to the kitchen and to the maid’s bedroom and bathroom.

The kitchen had a key role in the design, both from a dimensional point of view that from the one of the devices that were chosen for the furniture, which come from the world of food and catering industry, bringing in the home the most sophisticated innovations.

For example, the presence of uncommon appliances, such as blast chillers, a steam oven in addition to the classic one and the microwave, a wine cellar, a fridge / freezer with a very large double door, a double sink, a very large stove. So many little touches that enhance the family's pleasure of good eating.
The kitchen floor is done with dark stone, while the back is made of steel, that is also the coating of all appliances.

All the project has been played around the duality between decorative and technical light.
On the one hand, the technical lighting provides a series of specific requirements for the use of space, while on the other, the decorating light gives a touch of personality and atmosphere.
Table and chairs, upon client’s request, has been chosen looking at functionality first, with an extensible table.

From the "secondary" living area we finally get to the study / guest room with its bathroom, and to the night area, with the two main bedrooms.

The bedrooms have been designed as if they are an hotel suite, with separate areas for the wardrobe and private bathroom.

Single bedroom: the door entrance acts as a divider between the study area, consisting of a large corner desk, and the sleeping one, with a bed and a bookcase.

Master bedroom: there are two walk in closets, one for man and the other one for the woman.
The woman wardrobe has been placed before the bathroom, because we liked to imagine that the woman could close it and have a space totally reserved for herself, a space dedicated both for the makeup and the dressing.
The headboard, designed by Marco Piva, provides a soft leather pad for the part that includes the bed, while is stiff and lacquered the one that incorporates the theme of the tables and brings the reading light.
For the two drawers, one for the woman and one for the man, we played on the contrast between the glossy lacquered opening and matt lacquered structure, which creates a pattern of memory of certain Japanese decorations, a culture loved by our customers.

Also in this room is visible the dualism between technical and decorative light.
The decorative lamps chosen distinct themselves for having a color that varies depending on whether they are on or off.
The lamp above the drawers, instead, has an architectural sign that seeks to emphasize the cut of the beam.

Bathrooms: four in all, of different sizes, have been studied individually ad hoc, with a deep study of technical and decorative lighting, for a great visual impact.

Bathroom single room
With no window, this bathroom is characterized by a large walk-in shower that goes from wall to wall with a groove in the bottom of the ceiling light, designed to give light to the same and greater depth to the bathroom. It has been given great importance to the taps for which there is a significant overhead for the various solutions of water use.
The wall cladding plays on a type of tile that creates a play tone-on-tone glossy / matte herringbone, with which the light creates a vibration with almost wavelike motion.

Bathroom Double Room
In this bathroom the request involved a solution that is both whirlpool tub than shower.
The choice was, having a very "invasive" architecture, to further emphasize the performance of the window, select a bath with a shape that makes even more evident the formal contrast.
A long sink, designed with a dynamic and original stretch, replaced two individuals one, making the space more efficiently, while maintaining the use of two taps.
For the entire length of the cabinet, there is a large back-lit mirror.

Bathroom Studio / guests / courtesy
Even in this bathroom there is a shower that occupies the entire space wall to wall, with an important architectural element that actually makes it a double shower.
The architectural element (structural) has been revised and the internal pillar was coated, creating a unique environment.
For the furniture we have chosen to use wood material.

The terraces

The terraces play a very important role in the project, as there is a big exterior space, divided into two large terraces plus a service’s veranda.
The terrace that overlooks the main living room has a square base, while the second, rectangular, starts from the living room and goes until the room.
For the main terrace, designed to be used as a conversation area, we have imagined that the column that interrupts the terrace (a structural one) will be completely green-covered, so we decided to put there a climbing jasmine. The idea is that it will become a vertical green.
Moreover, decorative lights were placed on the trees inside the vessels.

For the second terrace, it was decided to work on a dining area in the front of the living-room, while in the front-bedroom, we used a plant near the pillar so as to make the area a little more intimate and private.
Together with two lounge chairs and a coffee table, it was placed an old family’s dresser chamber, on which it was made a special treatment in order to stay outdoors.
Here, too, it was decided to decorate the green using decorative lamps to complement the architectural lighting of the ceiling.



IT - Nel centro dello storico quartiere Fiera di Milano, affacciato sul nuovo parco pubblico, si trova l’appartamento per il quale Marco Piva è stato incaricato di curare l’architettura degli interni, l’illuminazione e gli arredi.

Marco Piva, insieme al suo team, ha rivisitato la disposizione degli spazi in funzione delle esigenze del cliente.

L’ingresso, realizzato con una parete su misura in cartongesso retroilluminato, conduce all’ampia zona living.

La parete, su disegno Marco Piva, è stata studiata come contrapposta a quella della finestra, un retroilluminato artificiale a contrasto con una fonte luminosa naturale.
Il contrasto è visibile anche nella scelta di dare un taglio orizzontale alla parete, che dà maggiore impatto visivo alla verticalità degli infissi e delle piante.
Un rapporto volutamente antitetico a fronte della sobrietà delle linee.

La zona living, molto ampia e con l’accesso ad entrambe le terrazze, è stata concepita per poter ricevere gli ospiti o per rilassarsi in famiglia.
Un elemento sicuramente rilevante nell’immagine del soggiorno è il gioco delle due lampade a sospensione centrali, caratterizzate da una calata di sfere di vetro soffiato all’interno delle quali è posizionata la sorgente luminosa.
Una, a pianta ovale, che riprende l’ovale del tavolo della sala da pranzo e una a pianta circolare invece posizionata sulla zona conversazione.

La libreria, molto lunga, ha un disegno geometrico che richiama Mondrian, ottenuto con un gioco di parti chiuse e aperte che creano armonici contrasti di pieni e vuoti.
All’interno sono state posizionate delle lampade decorative, dei paralumi inscatolati come fossero elementi esposti in un museo, una citazione ironica a contrasto con il rigore della libreria.

Per il tavolo centrale si è deciso un colore laccato poliestere ruggine in contrasto con le sedie che hanno un tessuto decorato chiaro su fondo prugna scuro.

Anche per gli imbottiti si è giocato con colori neutri e contemporanei e sulla comodità della seduta, ma richiamando nei tessuti trame e disegni presi in prestito dal mondo della moda.

Per le tende, era necessario avere un elemento che spezzasse leggermente la luce e ammorbidisse l’architettura molto forte che caratterizza tutto il complesso, motivazioni per le quali la scelta è ricaduta su un semplice velo bianco che possa essere apribile in tutti i sensi e non vincolato ad un’unica direzione.


Nella zona living si concentra una delle principali particolarità del progetto studiate da Marco Piva: all’altezza della seconda zona conversazione infatti, c’è un’apertura a scomparsa tramite intercapedine, della quale non si vedono binari a terra ne null’altro nel momento in cui è aperta, rendendo la vista sul soggiorno unica.
Completamente fonoassorbente, divide lo spazio quando necessario, creando uno spazio riservato per l’ascolto della musica o la visione della televisione.
La partizione scorrevole, una porta in vetro reflex, è in parte trasparente e in parte riflettente, creando un gioco visivo per il quale, quando viene utilizzata le immagini in parte di vedono, e in parte si riflettono.
Dalla zona living principale si accede ad un grande ripostiglio/lavanderia, un ambiente fortemente voluto legato alla necessità di avere uno spazio estremamente pulito e funzionale, asettico, tecnologicamente avanzato, da dedicare a prodotti e sistemi per la pulizia della casa ed a guardaroba. All’interno ci sono diversi spazi/contenitori, un’asciugatrice, la lavatrice, l’alloggiamento dell’asse da stiro etc.
L’illuminazione, tecnica, è puramente e volutamente funzionale.

Dalla zona ripostiglio lavanderia si accede alla cucina e alla camera con bagno della donna di servizio.

La cucina ha avuto un ruolo fondamentale all’interno della progettazione, sia dal punto di vista dimensionale che da quello degli accorgimenti che sono stati pensati per l’arredo, che vengono dal mondo del food e della ristorazione, portando così in ambito domestico le più sofisticate innovazioni.

Ad esempio, la presenza di elettrodomestici non comuni, come gli abbattitori di temperatura, un forno a vapore oltre a quello normale e al microonde, una cantina per i vini, un frigorifero/congelatore a doppia anta molto grande, un doppio lavabo e lavello a due scomparti, oltre a un piano cottura molto ampio. Tanti piccoli accorgimenti che esaltano l’amore della famiglia per la buona tavola.

Il piano della cucina è in pietra scura mentre lo schienale è in acciaio, così come in acciaio è il rivestimento di tutti gli elettrodomestici.

A livello di progetto si è giocato molto sul binario della luce tecnica e di quella decorativa.

Da un lato, l’illuminazione tecnica garantisce tutta una serie di specifiche esigenze di utilizzo degli spazi, mentre dall’altro quella decorativa dà un tocco di personalità e di atmosfera.

Per il tavolo e le sedie, su richiesta dei proprietari, si è fatta una scelta di estrema funzionalità, con un tavolo allungabile per sfruttare una serie di possibili opportunità.

Dalla zona living “secondaria” si accede infine sia allo studio/camera degli ospiti con relativo servizio, che alla zona notte, con le due camere principali.

Le camere da letto sono state studiate come fossero la suite di un albergo, con aree destinate al guardaroba separate e bagno privato.

Camera singola: la porta di ingresso fa da divisorio tra quella che è una zona studio, composta da una grande scrivania angolare e la zona notte, con letto e libreria.

Camera matrimoniale: sono state predisposte due cabine armadio che si affacciano sull’ingresso/corridoio della stanza, una per l’uomo e l’altra per la donna.
La cabina armadio della donna è stata posizionata nell’antibagno, perché ci piaceva immaginare che la donna potesse chiuderla e avere uno spazio totalmente riservato per se dedicato al tema del trucco e della vestizione.
La testata letto, su disegno Marco Piva, prevede un’imbottitura morbida per la parte propriamente di testata che è rivestita in pelle, e un’imbottitura rigida laccata che ingloba il tema dei comodini e porta la luce da notte/lettura.
Per i due cassetti settimanali, uno per la donna e l’altro per l’uomo, abbiamo giocato sull’elemento di contrasto tra le ante laccate lucide e la struttura laccata opaca, che crea un disegno di memoria di certe decorazioni giapponesi, cultura vicina e molto amata dal nostro cliente.

Anche in questa stanza si evince il dualismo tra la luce tecnica e decorativa.
Le lampade decorative scelte hanno la particolarità di avere un tipo di immagine e cromatismo che varia a seconda che siano accese o spente.
La lampada sopra i cassetti settimanali, invece, ha un segno più architettonico che mira ad enfatizzare il taglio della trave.
.
I bagni: quattro in tutto, di diverse dimensioni, sono stati studiati singolarmente ad hoc, con un disegno molto ricercato e un illuminotecnico estremamente funzionale ma anche di grande impatto scenografico.

Bagno camera singola
Ambiente cieco caratterizzato da una grande cabina doccia che va da parete a parete con una gola luminosa di fondo a controsoffitto, creata per dare luce alla stessa e maggiore profondità al bagno. E’stata data grande importanza alla rubinetteria per cui troviamo un importante soffione per le diverse soluzioni d’utilizzo dell’acqua.
Il rivestimento della parete gioca su un tipo di piastrella che crea un gioco tono su tono lucido/opaco a spina di pesce, che con la luce crea una vibrazione con movimento quasi ondulatorio.

Bagno Camera Matrimoniale
In questo bagno la richiesta prevedeva una soluzione vasca idromassaggio e doccia.
La scelta è stata, avendo un’architettura molto “invasiva”, enfatizzare ulteriormente l’andamento della finestra, scegliendo una vasca con un contro disegno che rende ancora più evidente il contrasto formale.
Un lungo lavabo, disegnato con un tratto dinamico e originale, sostituisce i due lavabi singoli, rendendo lo spazio più efficiente, mantenendo comunque l’ utilizzo di due rubinetti.
Per tutta la lunghezza del mobile, c’è un grande specchio retroilluminato.

Bagno Studio/ospiti/cortesia
Anche in questo bagno abbiamo una doccia che va ad occupare tutto lo spazio di fondo da parete a parete, con un elemento architettonico importante che di fatto la rende una doppia doccia.
L’elemento architettonico (portante) è stato rivisitato e il pilastro interno è stato rivestito, creando un unico ambiente.
Per il mobile si è scelto di utilizzare il contrasto del materiale ligneo.



Le terrazze

Le terrazze assumono un ruolo molto importante nel progetto, essendoci un grande affaccio sull’esterno diviso in due terrazze grandi, e una veranda di servizio.
Tutte coperte quella principale affacciata sul soggiorno ha una pianta quadrata, mentre la seconda che parte dal soggiorno e lo attraversa tutto fino alla camera, è di pianta rettangolare.
Per la terrazza principale, pensata per essere utilizzata come zona conversazione, si è fatta la scelta di immaginare che la colonna che interrompe il terrazzo (portante) venga rivestita completamente di verde, utilizzando un gelsomino rampicante.
L’idea è che diventi un verde verticale.
Per una volontà decorativa, sono state posizionate delle luci sugli alberi all’interno dei vasi.

Per la seconda terrazza si è deciso di lavorare su una zona pranzo nella zona antistante il soggiorno, mentre nella zona fronte-camera abbiamo utilizzato una pianta sul fronte del pilastro in modo da rendere la zona un pò più intima e riservata.
Qui, oltre a due poltroncine lounge e un tavolo da caffè, è stato posizionato un elemento antico di famiglia (un cassettone da camera) sul quale è stato fatto un trattamento speciale per poter rimanere in esterno.

Anche qui si è deciso di decorare il verde utilizzando le lampade decorative a complemento dell’illuminazione a soffitto architettonica.
19 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    EN - In the center of the historic “Fiera Milano” district, overlooking the new public park, there is the apartment for which Marco Piva has been assigned of designing the interior design (internal architecture, lighting-design and furniture).Marco Piva, along with his team, has revised the layout of the space according to the needs of the customer.The entrance, featuring a custom-made backlit plasterboard wall, leads to the large living area.Designed by Marco Piva, the plasterboard has been...

    Project details
    • Year 2014
    • Work finished in 2014
    • Status Completed works
    • Type Apartments
    Lovers 19 users