Monumento Ordinamenta Maris

Trani / Italy / 2013

2
2 Love 589 Visits Published
Il mare e la navigazione, ovvero la forma della terra e la sua rappresentazione, la graficizzazione astratta di un concetto, di una consuetudine divenuta norma e appunto legge. Nella navigazione ci si è sempre dovuti confrontare con una delle figure geometriche più complesse e più semplici allo stesso tempo: la sfera. Dal momento che essa è una figura geometrica non sviluppabile su un piano, ma a doppia curvatura, l'uomo si è dovuto ingegnare individuando diversi metodi per rappresentare la superficie terrestre sulle carte geografiche utili alla navigazione. Uno di questi è senz’altro lo sviluppo della lossodromia. Vi è uno stretto legame tra la lossodromia e le carte geografiche, in particolare per le carte nautiche o aeronautiche. In navigazione, la lossodromia è la spirale logaritmica, che inviluppa i poli e che unisce due punti qualsiasi sulla superficie terrestre, tagliando tutti i meridiani con lo stesso angolo. Procedendo lungo questa curva ci si muoverebbe a spirale attorno alla Terra. Nel monumento progettato tutti i riferimenti alla navigazione e alle tecniche cartografiche si concretizzano nella suddivisione della sfera litica (idealmente il globo terrestre) in meridiani e paralleli attraversati, da polo a polo, proprio da una lossodromia incisa. A rappresentare invece la legge, elemento importante per la città di Trani, tanto quanto la presenza del mare, vi è un elemento oblungo in acciaio Corten che ha la duplice valenza di "stilo" con il quale scrivere le regole del mondo, ma anche di leva di archimediana memoria; è un tributo verso tutte le persone valorose che quotidianamente affrontano le avversità del mare accompagnate dalla sapienza della legge, la stessa sapienza che accompagnava il genio siceliota nell’eroico quanto simbolico intento di “sollevare” il mondo proprio con una leva. Il monumento è costituito in massima parte da una sfera lapidea di 3 metri di diametro, generata da una serie di elementi modulari e consta, in dettaglio, dalle seguenti parti: - basamento metallico con struttura in acciaio (travi IPE 140) con zavorra in pietra per evitare il ribaltamento e lastre di finitura in acciaio Corten con suddivisione radiale; - pennacchio in acciaio Corten, ancorato alla base tramite bullonatura; - 12 fusi lapidei (Bronzetto di Trani) composti da due serie di 7 conci uguali tra loro (14 in tutto). Spessore massimo 5 cm, diverse finiture (bocciardato medio e fine, lucidato) e incisione lossodromica, il tutto lavorato con macchina a CNC; - 12 fusi metallici con struttura controventata zincata a caldo, sezione 2.5 x 5 cm; - palo centrale in acciaio, diametro 20 cm, con disco bucato per l’ancoraggio dei fusi, diametro 30 cm. - iscrizione in ottone recante la dicitura “Ordinamenta et Consuetudo maris edita per consules civitatis Trani”. Sono altresì previsti ancoraggi in resina epossidica e sigillature siliconate. Il suo montaggio modulare, la sua reversibilità totale e la naturale monumentalità della sfera e della pietra, rispondo alla perfezione alla richiesta della successiva collocazione in altra area, oppure alla sua musealizzazione come ipotizzato dal bando.
2 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Il mare e la navigazione, ovvero la forma della terra e la sua rappresentazione, la graficizzazione astratta di un concetto, di una consuetudine divenuta norma e appunto legge. Nella navigazione ci si è sempre dovuti confrontare con una delle figure geometriche più complesse e più semplici allo stesso tempo: la sfera. Dal momento che essa è una figura geometrica non sviluppabile su un piano, ma a doppia curvatura, l'uomo si è dovuto ingegnare individuando diversi metodi per rappresentare la...

    Project details
    • Year 2013
    • Client Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia Bat
    • Status Competition works
    • Type Monuments
    Lovers 2 users