domus benedictae

Casa unifamiliare isolata Corato / Italy / 2009

8
8 Love 1,084 Visits Published
Domus Benedictae La cultura del costruire “architettura mediterranea” può essere definita come l’insieme di saperi e di tecniche che garantiscono la simbiosi tra architettura e natura. Essa si manifesta attraverso i caratteri ambientali, che rappresentano le relazioni precise tra le caratteristiche del sito e l’orientamento degli spazi pubblici e degli edifici, tra le particolarità della struttura, dell’involucro, della distribuzione degli spazi (isolamento, aperture, sporti, sistemi di chiusura mobili, ecc.) e i flussi ambientali (calore, radiazione, vento). Il progetto della “Domus Benedictae” affronta il tema dell’efficienza energetica come consapevole risposta alle necessità di comfort ambientale in relazione al clima mediterraneo, con l’obiettivo di minimizzare l’uso delle componenti impiantistiche. Il progetto non può non considerare il contesto ambientale e culturale in cui nascerà l’edificio, soprattutto perché nell’Italia meridionale le problematiche del comfort estivo hanno un ruolo ugualmente determinante rispetto a quelle invernali. Situata sull’antico tratto Barletta - Grumo, nella località di Corato (Bari), a metà dell’asse che virtualmente congiunge Castel del Monte con la Cattedrale di Trani, Domus Benedictae, è una casa unifamiliare, e fa parte del panorama murgiano di cui ne interpreta il fascino e le forme costruttive tipicamente mediterranee. Il progetto della Domus Benedictae afferma il suo essere nella modernità pur fondandosi sui valori della tradizione. È una casa che rilegge e reinterpreta i principali temi costruttivi della tradizione pugliese in chiave nuova: volumi semplici e compatti, colore bianco calce, scale esterne a profferlo, spazio voltato, materiali lapidei locali, infissi e persiane di legno, pergolati sospesi per piante rampicanti… Uno degli aspetti più importanti della casa si riferisce alla sua tecnica costruttiva: un’intelaiatura in calcestruzzo armato consente di sostenere in alto e riprendere le spinte di una grande volta portante in tufo, cuore centrale della casa. In questo spazio centrale quadrato, la grande volta di tufo (8,5x8,5m) corona il salone a doppia altezza che ordina, divide e collega simmetricamente la zona notte con la zona giorno. L’edificazione della volta, realizzata secondo gli originari precetti dell’arte, è un omaggio all’importante tradizione costruttiva salentina. La volta si identifica con il nome di “lamia a squadro” (con lucernario centrale), e rientra nella più ampia classificazione delle “volte a stella” esprimendo in sé tutte le volte canoniche: la crociera, il padiglione, e la vela. La distribuzione degli spazi interni tiene conto del loro utilizzo durante la giornata: la sala centrale voltata è collocata sul fronte sud in modo da sfruttare nel periodo invernale gli apporti gratuiti della radiazione solare; sul lato nord sono posizionati la cucina e lo spazio dell’ingresso, mentre nella camera da letto, con un lato rivolto verso il nord, è stata pensata una nicchia che funge da spazio cuscinetto con l’ambiente della camera. L'esposizione a sud della grande vetrata consente una maggiore captazione dell'energia solare in inverno, in quanto i raggi solari, essendo più bassi, penetrano direttamente nell'abitazione, mentre nel periodo estivo, essendo il sole più alto, i raggi solari si rifrangono sul portico creando un cono d'ombra. Ad integrazione dei sistemi passivi di riscaldamento e raffrescamento dell’edificio sono stati previsti sistemi attivi a pavimento radiante (soggiorno) e soffitto radiante (camere da letto), che entrano in funzione quando le condizioni di comfort interno lo richiedono. La produzione di acqua calda sanitaria è garantita da pannelli solari termici, orientati a sud perfettamente integrati nella copertura che ospita e nasconde anche i pannelli fotovoltaici . È stato previsto un sistema di raccolta delle acque piovane in una cisterna ipogea posta in giardino; con l’ausilio di filtri meccanici, l’acqua viene depurata per essere riutilizzata per scopi irrigui.
8 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Domus Benedictae La cultura del costruire “architettura mediterranea” può essere definita come l’insieme di saperi e di tecniche che garantiscono la simbiosi tra architettura e natura. Essa si manifesta attraverso i caratteri ambientali, che rappresentano le relazioni precise tra le caratteristiche del sito e l’orientamento degli spazi pubblici e degli edifici, tra le particolarità della struttura, dell’involucro, della distribuzione degli spazi (isolamento, aperture, sporti, sistemi di...

    Project details
    • Year 2009
    • Work started in 2008
    • Work finished in 2009
    • Main structure Mixed structure
    • Client Benedetta Strippoli
    • Status Completed works
    • Type Single-family residence
    Lovers 8 users